home le preghiere i messaggi meditazioni le attivitą la nostra storia pubblicazioni contattaci
 
 
 

 

UN GRIDO DI DOLORE DALL'AFRICA

 

Ora, miei cari, siete pronti a partire per un viaggio verso il continente più esposto alla cupidigia dei vari potenti che vi han messo le mani? Ho in mente di portarvi in quell’Africa del Mio cuore che ormai soffre da tanti anni ed ora langue come una madre a cui abbian tolto i suoi figli e non abbia più ragione di essere e di vivere, per le tante tribolazioni che le son state inferte.

Quella madre langue, dicevo, ma non ha perso ancor la speranza di rivederli, di sentire l’anelito di una rinascita interiore della sua gente.

 

 

 

 

 

O scure, ti sei abbattuta così violentemente su di essa,
che non ha più gambe per camminare da sè e
per sfuggire al destino avverso.

Non ha più braccia per lavorare operosamente;
non ha più voce per gridare il suo dolore;
non ha più orecchie per sentire il dolore dei suoi abitanti,
che ancora giacciono nel suo grembo.
 
O Africa, continente che hai perduto la tua identità,
risorgi dalle tue ceneri delle rivolte cruente;
liberati dalle catene di tanti mercanti di schiavi,
che ancora approfittano della tua bontà;
sciogliti dai lacci delle illusorie promesse e... risorgi!

Apriti all’Amore del Cristo Risorto e
riporterai la vittoria, ritroverai te stessa,
riprenderai a cantare alla vita,
volgerai gli occhi al cielo e ringrazierai
il Dio della Misericordia che ti ha salvata.

O Africa, popolosa e felice, o annuncio di
fertilità di una terra fecondata dal Mio Amore infinito,
ritroverai la verità in te stessa e in Me,
tuo Signore e Salvatore.

Oh, come vorrei che il Mio grido di Amore giungesse a dei cuori provati, anche per tramite di missionari che avete conosciuto, spiegando loro che non mi sono dimenticato di essi, che ho a cuore il loro destino, che la grazia sarà in loro se avranno la forza di riaffermare di appartenere al Cristo Risorto.

Io sarò loro accanto per combattere, non più con le armi, ma con l’amore tutte le conseguenze di un subbuglio di odio provocato dall’eterno nemico, che li ha messi l’un contro l’altro per distruggerli tutti.

Ora che vi siete svegliati all’Amore, ora potete rivolgere a Dio, Padre di tutte le creature, questa preghiera:

 

 

 

 

 

 

 

“O Dio di Misericordia,
stendi la Tua mano sull’Africa,
e su di noi, popoli affranti, sulle nostre miserie,
sui nostri malati, sui nostri ventri squartati...
ed entra nei nostri cuori dolenti,
mostrandoci la Tua bontà infinita.

O Dio di Misericordia,
abbi pietà di noi sopravvissuti,
e aiutaci a ritrovare la via della pace,
della verità e della giustizia
e che la libertà conquistata a sì caro prezzo,
non sia più violata da predatori e mercanti.
Pace, mio DIO, per l’Africa tutta!
Padre sia fatta la Tua Volontà! Amen.”

 

Ecco, ho voluto con questo stendere la Mia mano per benedire la terra d’Africa, al termine di quel convegno che ha prodotto, in verità, qualche risultato, ma così scarso da non poter certo risollevare le sorti di un popolo derubato della sua identità e umanità.

Pur tuttavia ho a cuore il destino di questi poveri della Terra e mi prodigherò per immergerli nella Mia Grazia e far sì che la speranza ritorni nei cuori... che la grande madre riprenda vigore... che infine i suoi figli ritornino a lei... per abbracciarla e ridarle la vita.

Io sono Gesù Cristo, il Risorto, venuto in veste di Giudice per riportare la vita, l’amore, la pace ovunque nel mondo e tra gli uomini di buona volontà!

Da tempo ho iniziato il lavoro di far prender coscienza della Verità; ora è tempo di agire e di mettere in pratica l’insegnamento di amarsi come fratelli e di soccorrere i più disperati, così come fece il buon Samaritano, prendendosene cura disinteressatamente, senza porre di mezzo alcun tornaconto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E pace sarà in quella terra,
in quel ventre pullulante di vita,
in quel cuore dolente di amore violato...
Pace... e non più guerra
Pace... e non più odi tribali
Pace... e non più giochi di dittatori violenti,
mai appagati dal sangue versato.
Pace... e la Mia Parola sia Luce nel mondo
per divenire alfin Realtà!

 

(torna a "PREGHIERE")

 
 
A.Vo.S.S. (ONLUS) Casella Postale n.5 - 20052 Monza (MI)  e-mail: info@avoss.it   segreteria@avoss.it