home le preghiere i messaggi meditazioni le attivitą la nostra storia pubblicazioni contattaci
 
 
ASCOLTA ISRAELE!

 

 


Estratto dal libretto: PARTIRONO... E IL SIGNORE ERA CON LORO!

Preghiere e Salmi

1) Stavan tre croci lassù sul Calvario
una era un corpo di martirio defunto...
Per quel corpo grondante di sangue la vita si spense su tutta terra.
E la terra tremò ed il ciel si oscurò ed il Padre pianse e non perdonò...

Ma all’alba del nuovo mattino, nel colloquio col Figlio Risorto,
la Madre in ginocchio Lo supplicò di perdonare alla terra la follia del peccato.
Ed il Padre, ancor perdonò, pronunciando le solenni parole:
“Ecco è risorto il Figlio Mio e ora è il Re dei re su tutta la terra.
Ascoltatelo...”

E di nuovo volse lo sguardo a pietà di noi poveri peccatori, non ancora redenti,
e ci accolse in virtù di quel Figlio e Sua Madre, attirandoci per sempre a Sé.

O luce splendente nel mondo, o Cuore di Gesù immacolato,
contemplando ancora il Tuo volto noi sentiamo che tu sei il Salvatore nostro
di allora, di oggi...e di sempre!

E voi lo guardate e lo riconoscete e vi riconoscete in Lui...
Egli è il Profeta del vostri Padri, è il Messia che vi fu annunciato,
è la Vita che ritorna a seminare amore e non più odio, disprezzo, paura, terrore...
E’ Colui che attendevate da sempre!

“Amati figli, fratelli in Gesù Cristo, Io vi perdono e vi dono Me stesso
attraverso il Figlio Mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto...
Osate affermare di appartenerGli, osate invertire la corsa in folle,
e riandate alla profezia antica che ve l’aveva annunciato...”

O sì, guardate, or non ho più le mani e i piedi forati,
ho perdonato il vostro peccato, ho cancellato dalle mie carni i segni,
non dovete più battervi il petto... Voi siete stati purificati dal Padre Nostro
in virtù del martirio dei vostri avi.
Su, coraggio, fratelli miei, osate camminare alla Mia sequela e sarete salvi...
per sempre!”

“Ed Io vi ristorerò, vi monderò da tutte le vostre colpe,
vi accudirò come una madre fa con dei bimbi innocenti.
Voi siete il Mio popolo ed Io il vostro Dio di misericordia...”


O anime dei cristiani, lodate, lodate, lodate la Sua bontà infinita
che ha riscattato anche voi dalle vostre cadute
e vi ha risollevati per conciliarvi tra voi e abbracciarvi in Mio nome.
Signore, la Tua Visione ci riempie di consolazione,
di rinnovata speranza e di trepidazione per le sorti dei nostri fratelli di fede,
laggiù in Terrasanta.
O Signore, Tu sai come si potrebbero risolvere tutti i conflitti e le guerre,
ma gli uomini al potere non ti danno ascolto, e neppure le parole illuminate
del nostro Papa li fan recedere dai loro propositi.
O Signore, illumina i cuori e le menti, accendi in essi almeno il dubbio
della liceità del loro operato e che le nostre preghiere contribuiscano anch’esse
a far breccia e a ispirare loro di chiedere ammenda... innanzitutto a Te,
O Signore, al Padre Nostro e alle genti oppresse e disperate
a causa dei loro loschi interessi.
Infine Signore, accoglili tra le Tue braccia e ispira, a quelli sinceramente pentiti,
azioni di pace e cooperazione tra i popoli.
Ti ringraziamo Signore e ti lodiamo per la Tua misericordia davvero infinita. Amen”

Preghiere di Gesù e risposta dei fedeli:
O Padre Mio, lo vedi anche Tu quanto sian fragili e incapaci
di renderti onore e grazie attraverso di Me.
Fa’ Tu, Padre Mio, ch’essi capiscan la Verità e che non debba più essere Io
a dover dire che sono il Figlio e il Padre allo stesso tempo.
Se Tu lo vuoi, Padre Mio, essi capiranno perché verranno illuminati da Te.”

Padre, Tu che conosci gli aspetti più reconditi dell’animo umano,
volgi in bene ciò che è male...
Concedi loro il perdono e amali ancora, hanno tanto bisogno di Te, che li illumini,
che li conduca oltre le barriere della loro ostinazione per ritrovare se stessi e la Pace.
Io ti consegno ancora una volta Me stesso per la loro salvezza. Amen”

Accogli, o Padre, questi miei discepoli che sono tuoi figli
e sono rimasti fedeli alla consegna e al mandato di portare la preghiera là,
dove langue ancora il popolo mio e non si sceglie la pace.
Amali Tu, Padre Mio, e benedicili!
Io sono il Figlio Risorto, Io sono l’Amore del Padre Nostro,
Io sono il vostro Gesù Cristo.
E sono risorto e vivo, vivo, vivo... in seno alla famiglia terrena.
Chiunque può essere Mio fratello, sorella, sposa, madre.
Io sono tutto per ogni creatura e mi dono a voi totalmente.
Il Mio Cuore arde d’Amore per l’umanità intera.
Portate alle genti la buona novella di Gesù Cristo che salva... Pace Pace Pace!
Vi dono la Pace, la vera Pace! Amen.

O Dio della pace e della misericordia,
dona la pace a Gerusalemme, donale il Tuo perdono.
Dona, per via dei giusti che ancora in essa vi sono, la volontà di risorgere
dalle sue vesti di lacerazioni e tormenti, come la sposa feconda che Tu vorresti.
O Padre, Dio di misericordia e perdono, illumina i potenti e
dona loro il discernimento e la saggezza degli antichi padri.

O Dio Nostro, fa’ che un dì ogni creatura, sia essa di Cristo,
di Abramo o di Maometto, possa congiunger le mani e prostrarsi dinnanzi a Te,
che sei il Padre di tutti, chiedendo perdono e aiuto per sé e per gli altri.
O Dio Padre onnipotente ed eterno, aiutaci Tu a fare la nostra parte,
come Gesù ci ha chiesto. Amen.

Accogli, o Dio, la nostra offerta.
Con le mani a coppa abbiamo attinto dalla fonte antica e siam pronti
a donare noi stessi per la giusta causa di una pace vera nel mondo.
Fa’, o Signore, che Maria ci accompagni lungo il cammino,
che l’acqua purissima ci disseti ed il pane eucaristico ci nutra
e che il Tuo Spirito Santo ci sostenga, ci ispiri e ci aiuti.
Così si compia in noi la Tua Volontà!
Siamo tuoi servi fedeli, o Signore, guidaci Tu.
Noi ti lodiamo e ti benediciamo, o Signore Dio Nostro. Amen.


ASCOLTA ISRAELE:
“Israele inginocchiati anche tu, chiedendo perdono per primo
e poi la Sua misericordia ti riempirà dei suoi doni.
Tu sai che questo gesto l’ha già fatto il Mio Papa Santo
ed ora ti vien chiesto di compiere il grande passo
di purificazione della memoria, perdonando a tua volta
chi ti ha fatto del male nel corso dei secoli e nella storia recente
e di chiedere a tua volta perdono per le ingiustizie perpetrate
nei confronti del popolo a te sottomesso, che si ribella
per disperazione, al quale ti chiedo di concedere dignità e
di offrire l’aiuto a risollevarsi dal dolore e dall’umiliazione.

Offrendo te stesso, Israele, potrai dire di aver fatto la Mia volontà.
Io sono il tuo Dio di misericordia e perdono e apro a te, popolo mio,
lo scrigno dell’eterna saggezza per offrirti i Miei doni:
non rifiutarli e accettali in nome dell’antica alleanza che mai finirà,
ma che devi riconoscere e rinnovare ancor oggi,
alla luce del tuo vivere in pace nella Terra Promessa,
accanto ai fratelli di sangue che Io non ho rinnegato.
Anche se hanno intrapreso strade diverse,
sono pur sempre discendenti di Abramo, come sei tu, Israele, popolo mio.
Pace sia in te e in tutto l’oriente!

Ora la Mia mano benedicente si stende a comporre la croce, segno di salvezza,
sulla quale il figlio Mio prediletto si è immolato.
Or non importa che tu lo riconosca come il Messia,
Io ti lascio la tua libertà, ma ricordati sempre che Egli patì per tutti
ed anche per te, e che discende dalla stirpe di Davide
e va onorato almeno quanto gli antichi profeti.
Questo è il Mio verbo, questo è il fiat: che Gesù Cristo sia vivo e presente
nel tuo cuore, nella tua mente e nell’animo tuo!
Amen, amen, amen.

Io sono il tuo Dio di misericordia e perdono e
Ti amo da sempre, popolo mio prediletto.
Va’ in pace incontro agli eventi e offri a quei giusti che ancora ci sono
la possibilità di governarti, all’insegna della vera pace nella giustizia
e nel riconoscere i tuoi peccati di orgoglio e rifiuto,
poi tutti gli altri ti seguiranno.
Dona l’esempio, vinci l’orgoglio, sii tu il primo a fare quel passo...
Ti supplico, Israele, popolo mio.
Io, il tuo Dio, te lo chiedo come un padre che invoca la conversione del figlio.
Ascolta Israele, popolo mio...”

Opera grande di Dio, concedi a queste creature di conoscere
le meraviglie dell’Amor Tuo.
Concedi a dei poveri disperati la grazia della riconciliazione e
della ritrovata speranza.
Concedi, o Dio di misericordia e perdono,
a tutti questi tuoi figli di godere del privilegio di amarti, onorarti
e lodarti per l’eternità. Amen.”

...E Dio volle che il Suo popolo eletto
lo onorasse con un tempio, ma poi l’uomo, sedotto dal delirio di onnipotenza,
distrusse se stesso e l’alleanza con Dio.
Ma Egli volle che ritornasse, or non più sopra, ma sotto il tempio,
per inginocchiarsi a pregare...
Così avvenne e così avviene anche oggi, ma l’orgoglioso rifiuto
non accenna ancor a diminuire.
O anime dei redenti, cooperate perché nella vostra progénie
nasca l’amore e ritorni l’antica saggezza dei padri.
O anime dei santi martiri innocenti,
che avete sublimato l’Amore di Dio, consolate chi soffre, instillando
il bisogno di perdono e di pace.
O anime degli eletti, vi raduno tutte per innalzare a Dio Padre,
assieme al Figlio Suo prediletto, questa invocazione:

O Dio, Padre Nostro, Tu che conosci il Tuo popolo e ne riconosci
la fierezza del ritrovarsi a pregare, pur se esclusi dal tempio,
laggiù al muro cosiddetto del pianto.
O Dio Padre onnipotente, concedi ai tuoi servi fedeli la grazia
Dello Spirito Santo per illuminarne le menti e gli intelletti
e farli aprire all’antica saggezza.
O Padre, Dio onnipotente ed eterno,
a ricordo della loro fiducia negli antichi condottieri e profeti,
instaura con essi la nuova alleanza che comprenda
la via della pace e il desiderio di unirsi a chi soffre...
per soccorrerlo, amarlo, perdonandosi a vicenda e rinnovando l’intesa
con una stretta di mano sincera.
O Dio degli eserciti e della pace, abbi misericordia per loro
e portali alla salvezza. Amen.”

Siano benedetti coloro che vengono nel nome del Signore
a recare l’annunzio di pace...della vera pace nei cuori e nel mondo!
Siano benedetti nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen” + + +

O Spirito Santo, concedici la pace e di essere portatori di pace,
ovunque noi andremo! Amen, amen, amen. Shalom!
O Dio di misericordia e d’infinito Amore,
ti chiediamo perdono per tutte le ingiurie che il Figlio Tuo ha subito
nel Suo Calvario fino alla fine e poi ancora nel corso dei secoli.
O Dio di misericordia e perdono, concedi loro di esserne consapevoli
e di volger le sorti del popolo a un destino migliore: chiedendo perdono
e di poter fare ammenda, essi riscatteranno se stessi ed il mondo.
O Dio Padre onnipotente ed eterno,
concedi ai tuoi figli rimasti fedeli la forza dello Spirito Santo
per andar fino in fondo al cammino alla sequela di Gesù Cristo.
O Dio, Padre Nostro, aiutali Tu! Amen.

O Dio di misericordia e d’amore,
fa’ che la Chiesa sappia far uso del dono del discernimento e
accolga i profeti di questo tempo, per costruire insieme un mondo migliore
sulla via tacciata dalla Tua Parola antica, evangelica
e inviata in spirito di verità ancor ora.
O Dio di Misericordia e d’infinita saggezza,
illumina i prelati santi ed il Papa affinché riconoscano i figli sinceramente devoti
e fedeli alla santa Madre Chiesa e apran le braccia ad accoglierli in seno ad essa.
Amen.

O genti, prostratevi, chiedete perdono per le colpe dei vostri padri,
per le vostre e per quelle di altri.
Prostratevi dinnanzi alla Croce e sarete salvi... per sempre!
Io sono il Cristo e vi dono ancora Me stesso per arrivare alla fine dei tempi
e risorgere con Me e in Me e andare incontro trionfanti alla pace e alla vittoria.
Chi perderà la propria vita, la riscatterà e chi seme getterà nella terra,
raccoglierà frutto in abbondanza. Amen.

O Dio di misericordia e perdono, che lanci nel cosmo il Tuo grido
per la salvezza di molti, apri il Tuo cuore anche a questi tuoi figli incoscienti
che ancora vivono e godono senza domandarsi da dove vengono... e dove vanno.
O Dio Padre Nostro, concedi loro ancora del tempo per ravvedersi,
ma ti preghiamo di convogliarli presto nell’unica via di salvezza.
E nell’auspicio che un giorno anch’essi si prostreranno chiedendo perdono,
noi invochiamo per loro la Tua misericordia infinita.
O Padre Nostro, aiutali Tu. Amen.

O Padre Nostro d’infinito amore e misericordia,
non possiamo più vedere il martirio degli innocenti.
O Padre Nostro, ti supplichiamo di mettere fine alle guerre tra contendenti di territori ormai così disastrati da richiedere anni per risanarli.
O Padre Nostro, usa misericordia verso chi soffre e subisce la violenza;
non permettere che l’odio travolga ogni principio di umanità.
Tu, o Padre, non vuoi tutto questo,
noi lo sappiamo e ti offriamo queste nostre preghiere in riparazione.
Fa’ che tanto dolore sia redentore! Fa’ che le nostre preghiere ù
servano anch’esse alla remissione dei focolai più purulenti.
Fa’ che infine, stanchi di guerre e combattimenti, gli uomini si arrendano
all’evidenza di un disastro ben più grande di qualsiasi rivendicazione
o conquistato terreno.
O Padre, fa’ che le nostre suppliche giungano anche al cuore di quei governanti
ancora in grado di sentire la voce della coscienza e aiutali a chieder perdono
e a risalire la china per poi accoglierli tutti, o Padre buono, in un unico abbraccio
del Tuo Amore infinito. Amen.

L’ETERNA STORIA DI DIO

La Mia Parola è già di per sé potenza di grazia e se verrà usata nei momenti adatti influirà anche sull’energia del Tempio di Dio che è Gerusalemme, tempio aperto alla preghiera, tempio per tutti coloro che credono in un unico Dio Creatore e Signore di tutto e di tutti.

...Ancora una preghiera da recitare con forza fino alla fine, mattina e sera.
E la divina Misericordia non mancherà di manifestarsi...
E la Potenza redentrice userà tutta la Sua gloria per penetrare nei più duri baluardi...
E l’Amore del Padre Nostro trionferà!
O Dio di misericordia e perdono, concedi loro di riconoscere il dolore
che si portano in cuore da più millenni.
E’ da quel dolore che avverrà il riscatto, è dalla loro coscienza riaperta da Te,
o Mio Dio, che si avrà la rinascita del Tuo popolo eletto.
O misericordioso Dio della pace e della concordia,
inonda ancor questa terra del Tuo paterno abbraccio.
Nella risurrezione del Figlio Tuo prediletto
fa’ che avvenga il miracolo d’Amore in grado di scuotere le menti
ed i cuori di tanti ancor refrattari al Tuo Amore.
O Dio Padre Nostro, ti preghiamo anche per loro e nel fare nostre
le loro pene e i tormenti interiori per aiutarli a risollevarsi dall’antico dolore,
noi ti offriamo i nostri cuori. Aiutali Tu, Padre Nostro. Amen.

O Luce, fa’ che si raccolgano le invocazioni,
fa’ che tocchino i cuori dei più aperti all’ascolto,
fa’ che la Voce risuoni d’intorno e che l’uomo infine l’ascolti.
Fa’ che le coscienze sian deste, i cuori aperti e le menti, senza opposizioni,
accolgano pronte il dono che Tu vai loro facendo.
O Misericordia divina, entra, allevia, ripara, scongiura e ridona la pace
alla Mia gente, dignità agli oppressi e infine perdono ad ognuno dei contendenti.
O Misericordia di Dio, illumina le menti e i cuori ancor chiusi al Tuo Amore,
e fa’ che la Tua gloria trionfi sia in Cielo, sia in Terra. Amen.

E IL GRIDO DI DIO ANCORA PROROMPE...

...Si tratta di dar corpo a un “Movimento d’Amore” che dovrà attraversare tutta la Terra, da oriente a occidente, e che fenderà le barriere, supererà i mille ostacoli posti ad arte
da satana; opererà le Meraviglie del Signore in ogni luogo e direzione e riuscirà a far capitolare anche i più refrattari all’Amore.
E questo Vento di Grazia che Io vi vado annunciando, sarà il dono di Dio ai Suoi figli e verso la Terra, con tutta la sua umanità.
Il Sole di Giustizia calerà e ripagherà degli affanni.
La Misericordia userà tutta la sua Potenza di Grazia per risollevare le sorti di coloro che han commesso iniquità e altri delitti contro l’umanità
e la vittoria delle Forze del Bene sopra quelle del male sarà così palese da confondere i superbi e da farli riflettere sul loro comportamento.
E se chiederanno perdono all’Unico DIO
Creatore e Signore, anche per essi vi sarà un trattamento speciale, come quello che il Padre riservò al figliol prodigo.

O anime, scuotetevi dall’apatia, coscienze risvegliatevi, cuori apritevi
e ricevete in voi il Signore.
La spada sia la corona, la scelta sia la pace, la volontà sia di riparare,
la Verità è solo una: il vostro Dio di misericordia vi ama
e vi conduce alla salvezza!
O anime, lasciatevi andare, lasciatevi amare!
E’ solo l’Amore la Verità della vostra vita ed eterna è la Sua misericordia,
eterna è la salvezza, eterna è la luce che vi illuminerà.
O anime, consolatevi al Sole della giustizia,
Egli vi ama e vi aiuterà a risalire dagli inferi in cui stavate precipitando...
O anime, abbracciate la Croce, amate la Luce e vivete fino in fondo gli eventi
che si van preparando perché infine il Risorto ritorni a voi
che l’avete respinto e vi stringa a Sé in un unico abbraccio di pace, di letizia e d’amore.
O anime dei Miei figli ribelli, deponete le armi, inchinatevi alla Signoria divina
e prostratevi dinnanzi al Re dei re.

...E questo è il grido che ancora prorompe dal cuore del Padre verso tutta la Terra,
per risuonare e vibrare nei cuori delle creature e specialmente nel popolo eletto.

Io sono il vostro DIO di Misericordia e di Pace e vi dono la Vita eterna...
La virtù dei forti è l’umiltà: concedete a voi stessi di riconoscervi peccatori e
di inginocchiarvi chiedendo pietà, e il vostro Dio della Misericordia e
della Pace per sempre vi amerà, ridonandovi tutte le vostre qualità e
facendovi trionfare al di sopra delle umane ingiurie e ingiustizie.
Ma dovete voi per primi inginocchiarvi a chieder perdono,
fate quel gesto di suprema carità verso voi stessi e per gli altri e avrete tutto da Me!
Io ve lo chiedo ancora e lo ripeterò fino a che non cederete le armi
dell’orgoglioso rifiuto di riconoscere i vostri errori e peccati.

O anime, sciogliete i vostri dolori e rancori ed abbiate pietà di coloro
che anche voi avete fatto e ancor fate soffrire... tenendoli in cattività.
Come bestie li avete trattati, non dovete aspettarvi altro che essi vi mordano.
Ma ricordate che la pietà e la misericordia compiono miracoli!
O anime, ricordatevi che Io, il vostro DIO,
ho usato misericordia per voi, vi ho perdonato, vi ho amato,
vi ho accolti nel grembo come una Madre... E voi cosa fate?
O anime, concedete a voi stesse di amare la vita e
il Creatore della Vita, DIO vostro Padre, e di amarvi l’un l’altro,
senza distinzioni di razza o di casta, per Me voi tutti siete Miei figli.
O anime, non ve lo scordate!

Io sono il DIO vostro, ma anche degli altri
e uso misericordia e amore anziché le armi che voi sfoderate.
Imparate da Me, che sono umile e mite di cuore e, attraverso
il Figlio Mio prediletto, mi sono manifestato.

O anime, abbracciatevi come Io vi abbraccio,
Io sono per voi e per tutti, il Padre vostro! Amen.

Verrà il Salvatore nel trionfo dei Cieli,
verrà il Risorto a risollevare le sorti di genti e paesi.
Verrà, non dubitate, ma bisogna ancor attraversare contrade deserte,
dei focolai purulenti, i centri dell’odio e degli armamenti, i conflitti sociali e
tutte le peccaminose città dominate dal dio denaro e dalla lussuria.
Ma fate attenzione al Volere Divino che vi manda allo scoperto nel cuore del mondo - a pregare; perché è proprio lì che si deve ricominciare...
e poi tutto il resto avverrà!
Insieme percorreremo le contrade della Mia terra.
Insieme pregheremo dinnanzi al Padre.
Insieme ci prostreremo chiedendo pietà
per Gerusalemme e per i suoi abitanti,
ancora incoscienti del ruolo
loro assegnato sin dall’inizio dei tempi.

O genti, affrettatevi a voler conoscere la Verità;
essa vi aspetta da più di duemila anni e la rivelazione, che vi è stata data
da sapienti e profeti, ancor non l’avete fatta vostra.
O genti, cosa mai ancor vi trattiene dal voler rivelare a voi stessi
che è giunto il momento di comprendere che così non potete più andare avanti
e di rivolgere al Dio della Pace e della Concordia la vostra supplica,
chiedendo perdono per il male che anche voi avete compiuto?
O genti, svegliate le vostre coscienze, bandite le rivendicazioni,
gli odi e le ritorsioni; fate che le vostre vittime non debbano piangere
per l’inutile sangue versato, ma fate che proprio per loro
voi possiate cambiare la vita vostra e degli altri.
E’ solo così che potrà avvenire il vostro e l’altrui riscatto:
che l’odio di trasformi in amore, la disperazione in speranza,
la volontà distruttiva in volontà riparatrice, il senso d’impotenza
in un sentimento di comunione con chi soffre dei vostri stessi dolori
e non trova ragioni di speranza.

2) Stavan tre croci lassù sul Calvario...
La mano di Dio non fermò l’atroce delitto sul Figlio,
ma volle impartire un proclama a tutta la Terra:
se un dì ogni creatura si fosse inginocchiata a chieder perdono proprio lassù
- su quel monte che vide e raccolse il sangue versato ed il grido:
Mio Dio, perché mi hai abbandonato? - Egli li avrebbe perdonati e salvati.

Ancor quella Croce rimane in attesa di un pellegrinaggio ambito,
quello del popolo di Dio prediletto, che sembra scordare di aver tanto
patito proprio per il fatto predetto e ancor riconoscer non vuole
il Messia tanto atteso.

O sì, quella Croce, issata lassù sul Calvario,
resterà fino all’ultimo giorno concesso da Dio,
in attesa che l’uomo riconosca e ripari l’offesa per l’antico delitto,
ripetendo a sua volta il gesto di suprema grandezza compiuto
dal vicario di Cristo: perdonando e chiedendo perdono a chi ha sofferto
e ancor soffre per l’ingiustizia dell’umano potere.

Quella Croce lassù sul Calvario un dì sarà il simbolo della luce di Cristo
che ravviva, risana la Terra e sparge i Suoi doni a tutte le genti.
O Croce Santa che il mondo hai redento
O luce d’amore che ancor vuoi salvare
O Cristo, salvatore e redentore del mondo,
apri le braccia ad accoglierli tutti.

...Stavan tre croci lassù sul calvario,
una era del Santo dei santi, le altre di due peccatori accomunati,
per Volere divino, al sacrificio d’amore del Cristo.
Tra un redento e un peccatore Egli stava,
così com’è ancora oggi nel mondo.
O Dio di misericordia infinita, concedi la vita
a tutte le genti che imploran pietà! Amen.

Questa è l’invocazione degli Angeli e dei Santi che ancora risuona nel cosmo
e che vi ho fatto ascoltare...

“O DIO DEGLI ESERCITI, TI ABBIAMO ASCOLTATO!”

Il senso della mia venuta, anche, tra voi: è per rendervi partecipi degli avvenimenti che si vanno snodando ed evidenziano l’acuirsi del Disegno di Dio sulla Terra!

Ed ora che siete già nella fase che prelude a quella finale, non c’è più tempo per tergiversare, occorre dirlo alla gente, occorre parlare, occorre snidare la menzogna e il menzognero, ovunque vi sia dato di farlo.

E a tutta la gente della Terrasanta, per un futuro di pace e armonia tra le varie tribù di Israele:

“O cari monti, o care pianure, o verdi vallate o deserti ripiani,
o fiume che scorri dalle sorgenti alla morte... nel lago salato.
O paese mio, da sempre odiato, da più parti attaccato,
da tempo immemorabile teatro di invasioni e conflitti di ogni natura...
Ma il Cuore che ivi giace, sta ancor palpitando per voi, genti, e vi dice:
Non temete, voi sarete salvi, non temete, ma abbiate fiducia nel vostro Dio
di Misericordia e Perdono.

Ed ora chiedetelo insieme, dinnanzi a quel muro che ha visto e ricevuto
le vostre preghiere e i lamenti.
Chiedete e vi sarà dato, ma chiedete umilmente, prostrandovi
e inginocchiandovi, poi vi rialzerete e tutti insieme pronuncerete le parole sante:
“Dio, degli eserciti e della misericordia, ti abbiamo ascoltato.
Dio, Padre Nostro, ricordati di noi che di orgoglio abbiamo peccato.
Dio, Padre Nostro, d’infinità pietà, perdonaci e salvaci! Amen”.

IL RISPETTO DELLE LEGGI DIVINE

Prima che sia troppo tardi occorre che si chieda innanzitutto Perdono al Padre Nostro, e poi alla Creazione e, infine, prostrandosi dinnanzi a Lui e alla Croce del Figlio dell’Uomo, invocando misericordia e l’illuminazione dello Spirito Santo, per poter rimediare e purificare il proprio peccato di presunzione ed orgoglio.

Questa è la Legge Divina, ma Dio non vi vuole schiavi, vi suggerisce soltanto, vi lascia la libertà di credere ed anche quella, ahimé, di distruggere
e distruggervi; di scegliere la vita, e non la morte; di amare e non odiare; di essere perseveranti e non di perdervi in mille cose senza senso;
i essere misericordiosi e non arroganti; di cercare il Bene e non il male...
e via dicendo. La Sua Legge è perfetta come perfetto è Colui che la diede agli uomini di buona volontà.

Or fate vostre le Tavole della Legge, ripensate ai Comandamenti:
meditateli, e guardate anche alla miseria umana, che li infrange continuamente...
e chiedete Pietà! E pregate perché ci si ravveda, e aspirate ad essere portatori
della Parola così come lo furono i primi discepoli.

Coraggio, lanciate le vostre promesse verso il Cielo e fatevi santi di Dio,
come quelli che - senza altro bagaglio che una misera bisaccia - si misero in viaggio
per recare ovunque la lieta novella di Gesù Cristo Risorto che salva...
E ancor oggi lo fa, tramite i Suoi profeti, gli apostoli e i discepoli del tempo presente.

Bandite le discordie, bandite le ritrosie e, volgendo lo sguardo alla Croce,
chiedete pietà per ogni creatura fuorviata o obnubilata dall’eterno nemico.
Chiedete pietà per chi soffre, chiedete pietà per chi ancora soggiace
alla sudditanza del peccato.

Io vi offro ancora Me stesso per la vostra e l’altrui salvezza:
non lesinate di presentarmi tutti quelli che vi vengono incontro incapaci
di discernere la Verità! Io me ne prenderò cura, li porrò nel Mio Cuore
e li ristorerò, dopo averli salvati dall’abisso in cui sono sprofondati.
Pace sia in voi, miei cari soldati!

Io ancora verrò a consolarvi e a donarvi la Mia Parola per indicarvi
la Via, la Verità e la Vita eterna!
Cogliendo le primizie dello Spirito Santo, voi sarete in grado di parteciparle ad altri...
e ad altri ancora... fino a che tutto il Disegno divino sarà portato al Compimento.

Io sono il vostro Gesù. Il Nazareno è ancora tra voi e vi guiderà lungo tutto il cammino di redenzione dell’umanità.
O Sole di Giustizia, risplendi sulla Terra e fa’ che le creature tutte prorompano
In un unico grido che aneli alla Pace, in una sola preghiera sincera, rivolta
a desiderare la pace e l’amore tra i popoli.
O Sole di Giustizia, rendi fertili le menti ed i cuori, in attesa della Tua vera Pace!
Amen.

Nella verità del Mio Vangelo è tutto già scritto, ma ancora gli uomini stentano a vederne il risvolto nella vita di ogni giorno e nelle vicende del mondo:

O Santi, o Angeli, o Madre Mia addolorata,
unitevi a Me in questo grido d’Amore, unitevi al vostro Signore e, insieme,
imploriamo pietà per la Terra e la sua umanità.
Pietà presso il Padre che, in virtù del Mio Sacrificio, conceda infine la Pace
tra i popoli, a partire dal popol diletto di Terrasanta.

O Padre d’infinita Misericordia, concedi la pace,
or che anche l’Europa, culla dei miei seguaci s’è ridestata dal suo torpore
e innalza a Te, l’invocazione alla giustizia e alla pace.
Or che anche i governanti si son resi conto di non poter più giocare col destino
delle popolazioni, or che la paura serpeggia anche tra gli occulti potenti,
raccogli, o Padre, il grido delle povere genti toccate dal dolore e muovi a pietà
il Tuo Cuore per esse.
In nome dei martiri innocenti, Io, il Figlio, ti chiedo di concedere presto la pace,
di dare loro un segno del Tuo Amore infinito e di promuovere vere azioni
rivolte alla pace e che sia fatta la Tua Volontà! Amen.

Osate, genti, andare oltre le convenzioni
e sgretolate i luoghi comuni, senza fare alcun male,
ma con l’Amore Mio benedicente, con la Mia parola impregnata di Luce,
con il vostro cuore unito al Mio nel dolore di portare la Croce del mondo.
Pregate con Me per la pace nel mondo, offrendo voi stessi getterete il seme,
che verrà fecondato dall’Amore innocente dell’Agnello immolato.

E all’alba del giorno più bello della Mia Resurrezione,
una piccola pianta spunterà dalla terra e offrirà al mondo il suo contributo:
dapprima spunteranno le tenere foglie, poi i fiori e il profumo e, infine, i frutti,
che cresceran rigogliosi e non più seccati dall’aridità dell’incolto terreno.
Quel terreno, ora bagnato dalle lacrime e dalle preghiere d’invocazione,
sta diventando di nuovo fertile e ricettivo dell’Amore divino
e produrrà Grazie in abbondanza.
Sarà un anno di buon raccolto, Io già lo vedo indorare al Sole di Giustizia
quel grano venuto dal seme delle vostre preghiere.
O cari, gioite con Me e con il vostro DIO della Pace e della Misericordia.
Ed ora andate in Mio nome ad annunciare la pace agli uomini di buona volontà,
che si faranno portatori di pace anch’essi e, accogliendo i fratelli di altre fedi,
ma sempre dell’unico Dio onnipotente, troveranno il modo per agire come
costruttori di pace. E la Pace sarà infine su tutta la terra!
Amen, amen, amen.

“Siate il sale della terra” ha detto il Papa ed Io ora vi dico:
siate anche il seme che diventa pianta e poi fiore, e date frutti in abbondanza.
Il DIO della Pace e della Misericordia infinita vi benedica e segua i vostri passi
lungo le strade della Mia terra... Io sarò con voi nel portare la Croce...
“Ed essi partirono e il Signore era con loro!”

Pace a voi, pellegrini, che salirete il santo monte degli ulivi
per donare a tutti la pace.
Pace a voi, genti della Mia terra,
che partecipate al rituale convegno con la consolante certezza
che Dio non vi ha abbandonati, ma cammina ancora con voi,
inneggiando alla pace.
Pace a voi, care genti di altre contrade,
che venite per la prima volta attratti dal fuoco dello Spirito Santo
e, seppur non crediate, or vi sentite di partecipare uniti agli altri in segno di pace.
E pace a voi, governanti di tutto il mondo,
che ve ne restate in attesa di qualche “evento” che rafforzi il vostro potere,
di cui già avete abusato, anziché cogliere l’occasione della Santa Pasqua
per purificare le vostre coscienze e liberarvi dai pregiudizi di casta...

Oh, se scendeste con Me verso Gerusalemme,
vedreste come il popol di Dio inneggia alla pace
con le lacrime nel cuore e negli occhi.
Oh, se capiste il sacrificio che tuttora imponete a tante povere genti innocenti,
che han già pagato oltre misura la vostra protervia.
Oh, se voi comprendeste tutto questo,
vi inginocchiereste chiedendo pietà...
e il Perdono non mancherebbe perché Dio Padre
è la Misericordia davvero infinita e racchiude in Sé ogni senso di giustizia,
atto a ispirarvi per riparare...

Oh, popol mio prediletto, partecipa anche tu in questa Pasqua al divin Sacrificio.
Io sento il tuo cuore che soffre ed è giunto il momento di far prevalere
la volontà di pace, di metter fine alle violente reazioni,
agli eccessi nelle misure di protezione e ai sanguinosi interventi di punizione
di un popolo ormai ridotto al giogo della schiavitù.
Oh, popolo mio, prediletto dal Padre...
come puoi ancora condurti così come fai?

O sì, che mi senti e il rimorso ti prende, sebbene tu pianga ancora i tuoi morti,
ed Io vengo per donarti Me stesso, per colmarti d’Amore, per purificarti
anche dal ricordo che grava ancora in te.
Non sarà con la continua pretesa che il mondo ricordi, ma con un tuo gesto
di perdono e pietà, che tu riavrai il tuo diritto a un’esistenza scevra dalla paura
dello sterminio... perché il Signore tuo Dio ti salverà!

“O infinita Pietà, concedi lorodi esercitare il diritto e la giustizia in Tuo nome!
O Dio di Misericordia e Perdono, concedi loro la pace! Amen, amen, amen.”

E’ giunto il momento in cui il popolo Mio dovrà piegar le ginocchia
a chieder perdono, dapprima in cuor suo, e poi con una evidente manifestazione
in favore di una vera soluzione di pace.

PROCESSIONE DELLE PALME

...In sosta, restate a pregare lassù, da dove partì quel dì a dorso di mulo.
Acclamato Egli fu come re, dalla folla.
O sì, restate lassù a pregare per la Sua gloria.
In ogni contrada magnificate il Signore, lodate il Suo nome
e invocate per essi la pace.
Pregate perché le coscienze si destino...E gli occhi vedano la Sua salvezza.
O sì, pregate pellegrini, pregate perché è da lì che tutto diparte e
si allargherà fino a raggiungere terre lontane e, bagnando di lacrime
riparatrici quei terreni inariditi, ovunque spunterà il seme gettato nel vento.
Ovunque vi sarà rinnovamento e la Terra vibrerà del senso di appartenenza
all’unico Dio di Misericordia e di Pace. Ora e per sempre così sia!
Noi siamo le anime dei morti per tutte le guerre e chiediamo
incessantemente perdono e pietà per tutte le genti...
Grazie di aver accolto la nostra parola, sulla scia della Sua, del Signore Dio Nostro!
Amen.

Lontano tu vedi una luce brillare,
la senti in cuor tuo vibrare, nel vento leggero si piega e si stringe,
quasi scompare, ma poi ritorna a brillare nel buio e tu la raggiungi
e ti scaldi al suo debol calore.
Così, facendo dono si sé, quella fiamma riprende vigore,
così l’anima tua si ristora, così si espande e lavora operando
miracoli d’amore.

Or quella fiamma non spegnerla mai, negandoti di donare te stesso per Lui;
in Suo nome tu rinnoverai la coscienza di tanti ciechi brancolanti nel buio
allungando la mano li porterai oltre melmose pianure, aggrovigliate foreste
di cui avean paura e, infine, riposeran tra le braccia di nostro Signore,
prima di essere ripristinati nel cuore e nel corpo per esser condotti alla vista
del Padre.

O anime, aiutate la liberazione dei prigionieri del malefico effetto:
vibrando al chiarore dell’unica fiamma che arde perenne,
voi mi vedrete e udirete la Mia voce e, sciogliendo gli ultimi dubbi,
vi prostrerete a chieder pietà!
Ma Io, come il padre del figliol prodigo fece, vi rialzerò e vi abbraccerò
e gran festa si farà per il vostro ritorno. Amen.

Abbiate pietà, soccorrete chi cade, invocate il nome di Dio,
pregate per chi vi ha fattodel male, chiedete perdono per i vostri nemici
e offrite voi stessi per il bene del mondo.
Ogni offerta varrà a salvare un peccatore;
ogni sofferenza accettata varrà a salvarne cento.

O sì, questo è il valore, è questo il perdono, è questo l’Amore di Dio,
a cui in parte potete anche voi partecipare.
Io vi ho amati fin dal principio; Io vi amo oltre i confini del tempo;
Io vi amerò anche se mi tradite, come ho amato Giuda e lo amo ancora.
Ed ho amato Pietro anche nel momento del Suo tradimento.
Io vi amo tutte creature dell’amore più grande. Ed è proprio vero:
non c’è amore più grande del Mio.
Amatevi come fratelli e siate tutt’uno con Me!

Il vostro Maestro di vita Gesù, ve lo chiede ancora una volta...
per essere uniti in preghiera, occorre che ogni volta voi rinnoviate
il vostro perdono reciproco e affermiate di essere uniti tra voi e con Me:
un cuor solo e un’anima sola, in comunione con Me!

Ripetete questa invocazione:

O Signore, ti chiediamo perdono se tante volte ti abbiam rinnegato,
se non ti abbiamo ascoltato.
Ti chiediamo perdono per i nostri fratelli e per tutti quelli che ancor non te l’hanno chiesto; v’è un mondo che ancora non crede in Te, o Signore Dio Nostro,
e noi t’invochiamo di donare a tutti il perdono...
perché ancor come allora “non sanno quello che fanno”.
O Signore Dio Nostro, concedi al tuo popolo che t’ha crocifisso il perdono
e che quell’attodi suprema grandezza lo riscatti dal suo peccato di orgoglio
e rifiuto di credere in Te ancor oggi, Signore, che Tu hai donato a loro e al mondo intero così tanti segni di amore e speranza.
Ti chiediamo perdono per loro, Signore,
e che Tu possa accettare la nostra misera offerta d’amore per Te e per essi...
che ogni anno facciamo nel rispondere al Tuo richiamo.
Ora Signore noi ci prostriamo e preghiamo per la città santa che,
dinnanzi agli occhi si stende e che soffre per la paura, per la sua coscienza
ancor incapace di riconoscere i Tuoi segni d’amore...
“O anime mie” Tu dici ancora, “Cosa aspettate a venire a Me,
che son colmo d’amore per voi? O anime mie venite, venite ed Io,
il vostro Signore, vi ristorerò!”
Amen.

VOI SIETE UNA PICCOLA GOCCIA

O amati miei cari discepoli, non siate restii a donare le Mie parole:
li vedete quanti sono gli assetati d’amore;
vedete quanti, ignari, soffrono senza di Me?
Lo vedete lo scempio che si fa del Mio nome?
O non cedete dinnanzi a quel che vedrete e udirete;
non cedete le armi della preghiera: voi siete i miei paladini e
conto anche sulla vostra piccola goccia nel mare in tempesta;
quella goccia - contenente la Mia Essenza - sarà un calmiere,
un elemento dinnanzi al quale le forze si ritrarranno ed il mare si quieterà.
Andate in pace e rinnovate le promesse... Io sarò con voi e vi benedirò.

Ora e per sempre siate Miei. Io sono il vostro Maestro di vita, Gesù Cristo.


Siate svegli e desti all’ascolto della Parola:
portatela ovunque vi sia chiesto di farlo anche dopo che sarete tornati:
il tempo della riconciliazione è venuto e ognuno operi dove vi è bisogno.
O Padre, o Figlio, o Spirito Santo, o Santissima Trinità

noi ti lodiamo e ti benediciamo e chiediamo perdono per quelli
che ancora non l’hanno fatto e offriamo le nostre vite per la redenzione di molti.
Offriamo la nostra buona volontà per portare a Te, o Signore, le pecorelle smarrite.
Offriamo la Misericordia Tua, Signore, per far loro comprendere
che Dio è solo Amore. Ti offriamo tutto, Signore, e ti benediciamo,
ti adoriamo e ti glorifichiamo. Amen.

SUL MONTE TABOR

Oh, creature mie, che lodate e ringraziate...
O sì, creature mie, lodate e ringraziate nostro Padre Dio onnipotente ed eterno,
come eterna è la Sua misericordia...
Nel sole mi sono trasfigurato; nel sole, mio strumento d’Amore,
vi comprendo tutte, anime mie predilette.
Ma voi lo sapete che anelo di riportare alla luce anche quelle anime
che ancora temono il giudizio di Dio e se ne allontanano smarrendosi nei bui
meandri delle tenebre.
Io anelo di portarle in salvo! Oh, creature mie, aiutatemi! Voi che credete in Me,
nel vostro Signore, aiutatemi a consolare, a lenire, a comprenderle nell’infinito
abbraccio d’Amore.

Or lo vedete voi quanto sia difficile scalfire le incongruenze e le ritrosie...
le parole non bastano, ci vuole l’Amore che sgorghi dal cuore vostro anche a costo
di esser feriti, vilipesi, o accusati di cose inesistenti, ma che gravano
con dolorosa pesantezza sulle vostre coscienze.
Or non vi ritraete: combattete con Me questa ultima fase, dove il Cristo,
vilipeso e ingiuriato, ha portato la Croce fin sul calvario.
O sì, fatevi miei cirenei; concedete a voi stessi di amarmi oltre le convenzioni,
oltre i giudizi dell’umana natura.
Io vi ho via via svelato i Miei segreti d’Amore, ora potete, creature mie,
porgerli agli altri senza temere il loro giudizio.
Fidatevi di Me, che non vi ho traditi; affidatemi le vostre pene,
i vostri dispiaceri ed Io li trasformerò in opere di Misericordia.
Oh, cari tutti, venite a Me ed Io vi ristorerò!

Io sono il Signore Dio vostro e mi compiaccio nel Figlio Mio prediletto...
Io sono l’Amore del Padre e mi son rivelato a voi come ai miei apostoli prediletti,
che ho voluto con Me sul sacro monte della Mia Trasfigurazione... e così
Io mi manifesto a voi nel cuor vostro...
Oh, cari amatevi come Io vi amo e abbracciatevi... Io sono il vostro Salvatore,
Io sono il vostro Signore e vi chiedo di usare misericordia e perdono per tutti
quelli che incontrerete sul vostro cammino di vita.

Io vi annuncio, miei cari discepoli, che la Risurrezione del mondo avverrà
e piano piano le genti di ogni nazione verranno a Me, qui sul Golgota,
a inginocchiarsi ai piedi della Croce di salvezza.

E tutto questo avverrà per volere di Dio, ma senza costringere l’uomo
alla schiavitù! Io vi preparo per portare avanti il divin Volere di Dio Padre,
Dio Figlio e Dio Spirito Santo e vi benedico nel nome della SS. Trinità...
Io sono il vostro Gesù, Maestro e Profeta!

Basilica del S. Sepolcro - giovedì santo
O Dio Padre di Misericordia, guarda a questa famiglia umana:
vi sono taluni raccolti in fervorosa preghiera,
ma ve ne sono altri ancora rabbiosamente rivolti a ferirsi e a uccidersi l’un l’altro
e poi ne vedo tanti indifferenti.
O Dio di Misericordia, Io ti offro per tutti Me stesso perché Tu conceda loro
il Perdono.
Ma chiedo ancora a Te, e ai miei fedeli in preghiera, la volontà di salvarli.
Il Mio esercito collaborerà e Tu, Padre buono, li esaudirai.
Sia lode, sia pace, sia amore su tutta la terra! Amen.

Vi benedico e, dall’alto della Croce
ancora dico alla Madre nostra di prendersi cura di voi, che siete rimasti fedeli.
Vi amo tutte, creature, e sono ora in procinto di rivivere tutto il percorso del mio Sacrificio, rinnovato per amore. Restate costì e stanotte pregate con Me.

SANTA PASQUA

Sono Gesù Cristo Risorto...
Sia pace in Terra agli uomini di buona volontà, alleluia, allleluia!

Risuona in tutto il cosmo il canto dell’alleluia pasquale, perché il Risorto
ha potuto ridonare alla Terra la Luce vera per la Sua Resurrezione.
Nel cuore degli uomini ora è nato il senso di appartenenza al Dio unico e vero,
al Creatore dell’universo intero e dell’infinitamente piccolo.
Ovunque si celebri la solennità della Pasqua i cuori si sono aperti all’ascolto
della Parola e la Grazia che ho infuso, tramite lo Spirito Santo,
pace ha donato alla gente.

... E sale al cielo la Mia invocazione per le tante famiglie
che sono infelici e anelano a una pace vera:

O Dio di misericordia e d’amore, infondi in loro il Tuo Amore...
che abbiano infine la pace vera e, riscoprendo i veri valori,
si uniscano in preghiera per invocare il perdono...
E la Tua luce risani le ferite, ripari le offese, ricucia le tele strappate
e ricomponga dei nuclei dispersi per il bene dei figli.
O Luce di Spirito Santo, fortifica, agisci, comprendi e lenisci
e offri a dei cuori inariditi lo sprazzo di un sentire intimamente collegato
all’Amore infinito del Padre. Amen.

VERRO’ ANCORA A SPEZZARE IL PANE CON VOI

...Vi sono accanto, non vi lascerò soli fino alla Pentecoste d’Amore,
voi tutti avete ancora bisogno del vostro Signore,
tanto siete fragili e incapaci di scorgere la Verità che si fa strada dentro
e oltre le vicende umane.

Pace sia in voi! Verrò ancora tra voi a pregare,
accogliete il vostro Signore, non siate restii ad aprirGli il cuore
e a far scorrere tra di voi tutti l’Amore che sgorga dal Cuore Suo immacolato.

La voce di Dio non ha mai smesso di parlare al cuore degli uomini,
siano essi dei saggi, siano essi dei semplici, Egli guarda al cuore sincero e proteso
al Suo Amore e non nega mai ad alcuno la grazia santificante dello Spirito Santo.
Così, pur in mezzo a tanto frastuono che impera nel mondo, si fa largo la voce sottile
che parla nella coscienza e, se l’uomo di fede l’ascolta, riceve attraverso di essa
i Suoi insegnamenti.
O cuori in ascolto, o coscienze ridestate, ascoltate...udite...
e non vi richiudete al minimo sussulto del cuore.
Io vi dono l’amore e la dolcezza del profumo di rose, di viole,
o di altri fiori stupendi…

E poiché sono in gioco le vostre vite, Io mi prostro ancora ai piedi del Padre,
invocando pietà per chi cade e subisce l’influenza nefasta e, chiedendo pietà,
chiedendo perdono anche per le vittime affinché siano redente nell’ultima ora.

O Padre di misericordia infinita, dona ad esse il perdono per le vite mal spese
e la conoscenza immediata della Tua presenza e del Tuo Amore infinito.
Dona ai carnefici la pena e la compassione per quelli su cui hanno infierito
e che, pentiti, si fermino e s’inginocchino a chieder pietà.
Io, il Figlio Tuo immolato e risorto, mi offro ancora e per sempre per essi,
affinché alla fine non rimanga ne alcuno disperso e siano tutti salvati.
O Padre di misericordia infinita, aiutali Tu. Noi ti lodiamo e ti benediciamo.
Amen.

Io sono per sempre con voi, cari tutti del gruppo, non vi disperdete
o perderete la parte più bella: quella in cui mi son manifestato
in veste di Risorto ai discepoli di allora. E, oggi, così ancora Io faccio,
unendomi a voi riuniti in preghiera e, sul far della sera, rimango
- se m’invitate a restare - a spezzare del pane con voi.

Alla mensa di ogni casa dove c’è accoglienza, il Signore si presenta
e si offre in amore ai presenti.
Così avvenne nell’ultima cena, prima del mio calvario; così avvenne dopo...
fino alla Pentecoste d’amore.
Ma per voi, che vivete alla Mia sequela, Io ancora vengo e vi offro tutto Me stesso:
non vi disperdete e restate a pregare con Me per quei tanti che soffrono
d’inedia spirituale e di altri malanni, di cui il mondo è pieno.

O Padre d’infinita misericordia, aiutali Tu!
Aiuta questi tuoi figli redenti a ritrovarsi in preghiera e aiuta quelli ancora lontani
a recepire il Tuo richiamo.
Illumina le menti ed i cuori dei governanti e ispira loro azioni di pace, di vera pace
ha bisogno la terra e non più di opere del menzognero. Pace Pace Pace!

 

DONATE A TUTTI L’ANNUNCIO...

L’annuncio della buona novella di un Dio fatto Uomo, che si è immolato
per amore dell’uomo, di ogni uomo, del tempo di allora e del dopo,
del tempo di oggi e del futuro.
Il riscatto operato dal Mio Sacrificio è pieno e libera l’anima
dalla schiavitù del peccato! Ma sta ad ogni creatura liberamente aderire
alla Mia offerta d’Amore.
Oggi quel che Io voglio è che l’uomo sia consapevole della scelta
che deve operare da sé... e poi avrà tutto da Me!

Andate quindi ad annunciare alle genti la buona notizia di Gesù Cristo Risorto,
venuto a salvare tutta l’umanità, e che ora si presenta in veste di Spirito Santo,
ma un giorno giungerà dall’alto dei Cieli nel trionfo finale.

PACE PACE PACE

Andate ad annunciare alle genti che l’Amore Mio non verrà mai a mancare.
Se ho sopportato tutto il flagello e la sofferenza e la morte di croce per voi,
volete che ora vi lasci a perire nella geenna?
O genti, alzate lo sguardo al cielo, vedrete le croci, vedrete il Salvatore
venire nella gloria!
Ma nel frattempo pregate e aspettate lo Spirito Santo. Riunitevi in preghiera:
dove si recita il Santo Rosario, il nome di Maria risuona nel cosmo
e costituisce un potente richiamo perché le forze migliori dell’Universo accorrano in vostro soccorso.
E se pregate pure per delle anime abbandonate, anch’esse verranno salvate.

Questo è il vostro mandato: che andiate d’accordo e, in relazione
d’amore con Me, possiate offrire - ognuno di voi - i doni che Io vi ho dato.
Andate in pace, Io sarò con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo!
Vi benedico nel nome della SS. Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo, Una sola una Verità e Realtà! Amen, amen, amen. + + +

 

 

 

(torna a "PREGHIERE")
 
 
 
A.Vo.S.S. (ONLUS) Casella Postale n.5 - 20052 Monza (MI)  e-mail: info@avoss.it   segreteria@avoss.it