home le preghiere i messaggi meditazioni le attivitą la nostra storia pubblicazioni contattaci
 
 

 

“CHIAMATI DALLO SGUARDO DEL CREATORE”

Veglia di Adorazione Eucaristica - “Pregando anche sulle orme del Beato Talamoni”

 


Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

Lettore: Vi esorto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire (dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi).

Lettore: Invochiamo lo Spirito Santo perché renda i nostri cuori desiderosi di incontrare il Signore e guidi la nostra preghiera di lode e adorazione.

Tutti: Vieni Spirito santo, riempi i cuori dei tuoi fedeli e accendi in essi il fuoco del tuo Amore. Vieni Spirito Santo, illumina, benedici e riempici di gioia e di speranza. Vieni Spirito Santo, vogliamo consacrare a Te la nostra vita, tutte le creature, il mondo intero.
Gloria a Te, Trinità, uguale nelle Persone, unico Dio prima di tutti i secoli, ora e sempre Luce vera, vieni, Vita eterna. Vieni, mistero nascosto. Vieni, realtà ineffabile, vieni, felicità senza fine. Vieni, luce senza tramonto. Vieni, risveglio di chi dorme, vieni, risurrezione dei morti.

Lettore: Se vogliamo amare Gesù quanto Egli desidera, dobbiamo amarlo per mezzo della Madre Sua. Come l’amore per il Verbo è dato solo dal Padre(Gv6,65) così l’amore a Gesù è dato solo da Maria: Lei ci dona Gesù, Lei
ce lo fa amare nel Vangelo e nei Suoi misteri. Lei ce lo fa amare nell’Eucaristia dove è presente con il Figlio Suo. Chiediamole questo amore.

Tutti: O Maria, Tu hai donato al mondo la vera Luce, Gesù Tuo Figlio, Figlio di Dio. Ti sei consegnata completamente alla chiamata di Dio e sei così diventata sorgente della bontà che sgorga da Lui. Mostraci Gesù, guidaci a Lui. Insegnaci a conoscerlo e ad amarlo sempre di più, perché possiamo anche noi diventare capaci di vero amore ed essere sorgenti di acqua viva in mezzo a un mondo assetato.

Meditiamo ancora le parole della Madre Celeste, dal messaggio di Medjugorje del 25 dicembre 2013:
Cari figli vi porto il Re della pace perché Lui vi dia la Sua pace. Voi figlioli, pregate, pregate, pregate. Il frutto della preghiera si vedrà sui volti delle persone che si sono decise per Dio e per il Suo Regno. Io con il mio figlio Gesù vi benedico tutti con la benedizione della pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Lettore: Ci affidiamo ora alla Misericordia di Dio e lo preghiamo…

Tutti: Dio, Padre misericordioso, che hai rivelato il Tuo amore nel Figlio
Tuo Gesù Cristo, e l’hai riversato su di noi nello Spirito Santo Consolatore,
ti affidiamo oggi i destini del mondo e di ogni uomo.
Chinati su di noi peccatori, risana la nostra debolezza, sconfiggi il male,
fa’ che tutti gli abitanti della terra sperimentino la Tua misericordia,
affinché in Te, Dio Uno e Trino, trovino sempre la fonte della speranza.
Eterno Padre, per la dolorosa Passione e la Resurrezione del Tuo Figlio,
abbi misericordia di noi e del mondo intero! Amen. (un canto)

Lettore: ed ora apriamo il nostro cuore e abbandoniamoci all’amore misericordioso del Signore; facciamo silenzio dentro di noi e lasciamoci attirare dalla Sua presenza per sentirci una cosa sola in Lui. “Eccoci, Signore, siamo qui per adorarti …”

Esposizione del SS. Sacramento

Sia lodato e ringraziato ogni momento, Gesù nel SS. e Divinissimo Sacramento. Gloria al Padre... (3 v. e canto di adorazione)

Lettore: adorare è lasciarsi amare da Dio, per imparare ad amare veramente noi stessi e gli altri. Adorare è mettere nelle Sue mani la nostra vita i nostri problemi, le nostre paure.
E’ bello intrattenersi con Lui e, chinati sul Suo petto come il discepolo prediletto (Gv 13,25) essere toccati dall’amore infinito del Suo Cuore. (Giovanni Paolo II)

Tutti: O mio Signore, O Padre nostro, o Spirito Santo, o Trinità Santissima
noi ti adoriamo: nell’Ostia…nel dono che il Figlio ci ha fatto di Sé nell’ultima cena e che Tu, Padre, hai confermato con la Tua potenza d’Amore. Pausa……….

O Signore Dio nostro, ora lascia che ti adoriamo silenti e, in cuor nostro,
ti esprimiamo il nostro povero amore …. pausa…….

E Tu, Signore, accogli il nostro balbettio, il nostro incerto parlarti, il nostro debole calore nel vivere la comunione con Te. O Signore, se puoi, scaldaci e rendici veri adoratori e ardenti innamorati di Te, o Signore Dio nostro, Uno e Trino. Pausa…….

Ora che siamo uniti a te, vogliamo restare per sempre con Te e operare per Te. O Signore, mandaci lo Spirito Santo per compiere nel Tuo divino Volere la nostra missione di fedeli servitori del Cristo Risorto. Ti lodiamo e ti ringraziamo, o Signore Dio nostro. Amen (musica).


Lettore: Ritroviamo, nel contatto diretto con Gesù Eucaristico, la felicità piena di sentirci amati dall’Adorabile Dio. Sentire, cioè, nel nostro cuore, i palpiti del Suo Cuore.

Tutti: Signore Gesù, Tu sei il Figlio di Dio fatto uomo, da noi crocifisso e dal Padre risuscitato.
Tu sei il Vivente, realmente presente in mezzo a noi.
Tu sei la Via, la Verità e la Vita, Tu solo hai Parole di vita eterna.
Tu, l’unico fondamento della nostra salvezza e l’unico nome da invocare
per avere speranza. Tu, l’Amore: l’Amore non amato!
Signore Gesù, noi crediamo in Te, Ti adoriamo, Ti amiamo con tutto il cuore e proclamiamo il Tuo Nome al di sopra di ogni altro nome. (Pausa musica)

Lettore: Dagli scritti del Beato Luigi Talamoni
L’Eucaristia ci trasforma, rafforza la volontà e ci fa gustare il paradiso in terra. Avete Gesù, cosa vi potrà mancare? Nulla manca quando Lui è con noi; tutto manca quando Lui manca. C’è Gesù, lo Sposo, l’Amico, e tanto basta. Ascoltate attentamente la sua voce e altrettanto attentamente praticatela. In casa ricordatevi e consolatevi che c’è Gesù al quale ritornerete spesso, confidando le vostre pene, e raccomandandovi per aiuto. Ma gli farete compagnia? Nei dubbi da chi andrete se non da Lui; nei dolori, da Lui che dice: ”Venite a Me voi tutti che siete travagliati e afflitti e Io vi consolerò”. O Pane soprasostanziale, Pane degli Angeli, Pane del quale chi ne mangia, non solo non vedrà la morte, ma vivrà della vita stessa di Gesù.

Tutti: Signore Gesù, noi crediamo che Tu sei presente realmente del Santissimo Sacramento dell’Altare. Ti rendiamo grazie per essere venuto da noi come Pane vivo disceso dal Cielo. Noi Ti lodiamo e Ti adoriamo. (musica)

Lettore:
meditiamo con Gesù … O sì, cari, Io vi conosco uno per uno e non bado certo se voi siete o no a posto, Io vedo che avete bisogno di Me e, senza giudicarvi, vi aiuto a rialzarvi dalle cadute. Cercate con tutto voi stessi di andare oltre e di guardare il mondo e ogni avvenimento con i Miei occhi e il cuore pieno di Misericordia. Se metterete in pratica questo precetto, Io vi assicuro che avrete compiuto il più grande e importante passaggio: dal cuore contrito al cuore in relazione con Me. E se pure non ci riuscite, consolatevi con la dolce carezza della Madre Celeste, che non manca mai di soccorrervi quando siete in difficoltà. Pace sia in voi! Vi dono la Mia Pace, la Mia Pace sia in voi e in voi rimanga sempre!

Tutti: Gesù, Pane vivo disceso dal cielo, quanto è grande la Tua bontà.
Fa’ che nei pericoli, nelle ansie e nelle necessità, veniamo a cercare conforto
da Te, con la confidenza di figli.
Noi ti invochiamo, ti supplichiamo, ti chiediamo: vieni per sempre a stare
con noi. Tu sei il bene supremo, Tu sei la luce del mondo.
Tu sei per noi la speranza, Tu sei la liberazione dai nostri tormenti,
Tu sei la Pace e la gioia dei nostri cuori. (musica)


Dal Vangelo di Matteo (Mt 4,12-17)
Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nazaret e andò ad abitare a Cafarnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zabulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia: “Terra di Zabulon e terra di Nèftali, sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti! Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce, per quelli che abitavano in regione e ombra di morte una luce è sorta”. Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: “ Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”. Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare. Erano infatti pescatori. E disse loro: “Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini”. Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono. Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.
Breve silenzio

Commento: Venite dietro a me. Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Subito. Quando Gesù ti chiama il tempo dell'attesa e del ripensamento si compie. Quella voce, quella persona richiedono il subito, perché di chi ci si può fidare senza riserve se non di Dio?
Gesù camminava per la Galilea e annunciava la buona novella, camminava e guariva la vita. Dio cammina con noi, senza condizioni, per curare le ferite che la vita ci ha inferto. Dio è con noi e ci guarisce, Dio è con noi, con amore, la sola cosa che guarisca la vita: è Lui che ci incontra, ci raggiunge, ci abita, gratuitamente. Musica...

Lettore: meditiamo con Gesù … Coraggio, cari, siamo solo agli albori di un mondo nuovo; siamo tutti dediti a far riemergere sensazioni, emozioni e sentimenti di valore reale; contrapponendoci a tutto quel fasullo luccichìo d’illusioni. Oggi la gente vuole la verità; è questa la gran novità: che sa riconoscere la verità! Poi, certo, la vorrebbe tutta per sé, e ancora si pecca di egoismo, ma la verità è universale e se il sale ne rivela il sapore, occorre poi lasciar decantare affinché i commensali ne gustino tutta la fragranza e la freschezza di un pane spezzato che mai inacidirà, che mai tradirà, che mai si rivelerà falsità e inganno.
Lasciate quindi che in questi palati assetati e affamati si gusti il sapore della verità; non avete altro da fare che porgere quel pane e quel vino e dire: “Vieni e prega, vieni e gusta, vieni e resta in silenzio ad ascoltare: è Dio che ti parla, che parla al tuo cuore non mente mai, perché Egli è la Verità, la Via, la Vita!”
Pace a te, fratello; pace a te sorella! Io sono quel pane, Io sono quel vino, Io mi faccio mangiare, gustare, mi offro in dono, mi unisco a te in sacrificio, ti riscatto dal peccato, ti rimetto sulla via di salvezza, ti accompagno fino alla fine del tuo percorso e ti consegno tra le braccia del Padre, amen, amen, amen.
Pace a te, fratello mio, Pace a te sorella mia!

(10 minuti silenzio )

Diamo inizio ora alla recita dei primi tre misteri del Santo Rosario dedicato alla Famiglia…

Tutti: O Padre Nostro, che hai reso l’uomo e la donna artefici della creazione, insieme al Figlio, dono d’Amore all’umanità, ti preghiamo affinché la Famiglia
sia nobilitata nel suo ruolo in seno alla società, sia riconosciuta come elemento fondante, sia difesa da altri attacchi satanici, sia resa partecipe di questa volontà redentrice e si ponga al servizio della Tua Santa causa a favore di essa.
O Famiglia umana, riconosci in Lui la tua origine e rendi a Dio ciò che è di Dio! Amen.

S. Rosario della Santa Famiglia di Nazareth
“Ecco, Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo…”

Primo Mistero: La Santa Famiglia Opera di Dio

Dalla lettera ai Galati (4, 4-5):
“Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l’adozione a figli”.

Intenzione (insieme): Preghiamo affinché lo Spirito Santo rinnovi le famiglie sull’esempio della Santa Famiglia di Nazareth.

Lettore: Meditiamo con Gesù: “Amatevi come fratelli e come Io vi amo!”
Non sia turbato il vostro cuore, ogni confusione del mondo lascerà presto il posto ad un ordine nuovo, perché Dio ha ripreso in mano le redini del destino della Terra e della sua umanità. Siate fratelli, siate misericordiosi, siate Miei e avrete tutto in cambio! Proprio perché Io agisco dentro nel vostro tempo, occorre tempo perché gli animi si rendano conto di aver sbagliato, ma rimedieremo lo stesso. E sulla Terra si avrà un generale rinnovamento del valore della famiglia, e in tanti si pentiranno e chiederanno perdono e le unioni fragili e debolmente irrorate d’amore si rafforzeranno ed i cuori si scalderanno e si ritroveranno e scioglieranno in un pianto di liberazione il loro dolore...

Recitiamo: un Padre Nostro e 5/10 Ave Maria, Gloria (cantato)

Insieme: Gesù, Maria, Giuseppe, illuminateci, soccorreteci, salvateci.

Secondo Mistero: La Santa Famiglia a Betlemme

Dal Vangelo secondo Luca (2,10-13, 16-17):
“Non temete, ecco vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia”. Andarono dunque senza indugio e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, che giaceva nella mangiatoia.”

Tutti: Preghiamo Maria e Giuseppe affinché mediante la loro intercessione ci ottengano la grazia di amare ed adorare Gesù sopra ogni cosa.

Meditiamo... Amor sublimato, amor rinnegato, amore divino che rifulge nonostante il rifiuto. Amate la Croce, amate il Bambino, amate la Madre che è a Lui vicino e onorate anche il padre terreno Giuseppe; che sia d’esempio per tanti padri incoscienti del ruolo importante a loro assegnato. E pace sia infine su tutta la Terra! Io sono per sempre il vostro Gesù. Il Nazareno è ancora tra voi e vi guiderà fino alla fine dei tempi…
Recitiamo: un Padre Nostro e 5/10 Ave Maria, Gloria (cantato)

Insieme: Gesù, Maria, Giuseppe, illuminateci, soccorreteci, salvateci.

Terzo Mistero: La Santa Famiglia al Tempio

Dal Vangelo secondo Luca (2, 33-35):
“Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e parlò a Maria sua madre: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l’anima»”

Intenzione: Preghiamo, affidando alla Santa Famiglia, la Chiesa e tutte le famiglie umane.

Meditiamo con Maria Santissima, Madre della famiglia…
Sono la vostra Madre Celeste, Madre della famiglia, e vi consolo perché voi avete a cuore il destino dei piccoli innocenti che rimangono vittime della disgregazione delle famiglie, tuttora messe alla prova dal subdolo agire di satana, che agisce quasi indisturbato poiché nulla si erge a difesa dalle sue mire. Continuate a pregare per le famiglie: che sia il vostro personale vessillo al fine di contribuire a salvarne tante, o almeno alcune, e tutto ricadrà su di voi e sui vostri cari bisognosi di aiuto.
... E infine, siano benedette tutte le famiglie, in situazioni di difficoltà esistenziale, che lottano per mantenersi unite ad onta del generale abbandono.
Pace sia in tutte le famiglie; pace e luce in tutti i cuori affranti da lutti e dolori per i loro cari ammalati; pace per coloro che hanno dei bimbi malati e che vi sia pace e amore anche nelle famiglie che si stan riconciliando, dopo aver perdonato e riconosciuto i propri errori.

Recitiamo: un Padre Nostro e dieci Ave Maria,Gloria (cantato)

Tutti: Gesù, Maria, Giuseppe, illuminateci, soccorreteci, salvateci.

Lettore - Preghiamo, affidando alla Santa Famiglia, la Chiesa e tutte le famiglie umane
O Santa Famiglia di Nazareth, vieni a donare a tutte le famiglie d’Italia e
del mondo il tuo esempio di fedeltà e di amore.
Vieni a ricucire gli strappi, a riparar le ferite, a congiunger le parti.
Vieni, o Sacra Famiglia, a proteggere tutte le nostre famiglie
dai demoniaci attacchi. E, con l’amore che ci avete mostrato,
a ridare la gioia di sentirci uniti e di contemplare in Voi, noi stessi.
O Sacra Famiglia, aiuta tutte le famiglie d’Italia e del mondo
a onorare il Padre, la Madre e il Figlio, come voi ci avete insegnato. Amen.
breve pausa e…
O Santa Famiglia, noi ci rifugiamo in Te con amore e speranza.
Facci sentire gli effetti della Tua salutare protezione
. Amen

Per il Papa, per l’acquisto delle S. Indulgenze: Salve Regina (cantata)

Preghiera di benedizione per le Famiglie
Signore, pensaci Tu a costruire solide case ben piantate sulla roccia

che non vengano scosse e distrutte dall’eterno nemico.
E pensaci Tu a far rinascere fiducia e rispetto reciproco tra i coniugi, provati da lotte estenuanti, per il bene dei figli.
Pensaci Tu, o Padre della divina misericordia e, assieme alla Madre Nostra a San Giuseppe e allo Spirito Santo, benedici tutte le famiglie.
O Signore, benedici e amale come sai fare Tu, Padre buono! Amen.

Silenzio breve - musica

PREGHIERE LITANICHE:
Ad ogni invocazione ripetiamo: NOI TI CONSOLEREMO, SIGNORE!
Per la dimenticanza ed ingratitudine degli uomini...
Dell’abbandono nel Santo Tabernacolo...
Dei delitti dei peccatori...
Dell’odio degli empi...
Delle bestemmie che si proferiscono contro di Te...
Delle ingiurie fatte alla Tua divinità...
Delle immodestie ed irriverenze commesse alla Tua presenza...
Dei tradimenti di cui sei vittima adorabile...
Della freddezza della maggior parte dei tuoi figli...
Dell’abuso delle Tue Grazie...
Delle nostre infedeltà...
Dell’incomprensibile durezza dei nostri cuori...
Della nostra tiepidezza nel Tuo santo servizio...
Dell’amara tristezza che ti provoca la perdita delle anime...
Delle lunghe attese alla porta dei nostri cuori...
Dell’amaro disprezzo con cui sei respinto...
Dei Tuoi lamenti d’Amore...
Delle Tue lacrime d’Amore...
Della Tua schiavitù d’Amore...
Del Tuo martirio d’Amore...
Ed ora ripetiamo: TI ADORIAMO, CUORE DI GESU’ EUCARISTIA!
Nei Tabernacoli della Terra, nelle Ostie consacrate di tutto il mondo...
Nei cibori abbandonati e in quei luoghi remoti dove rimani lunghi mesi dimenticato tra la polvere dell’altare...
Nelle innumerevoli chiese, dove si offende con irriverenza l’umile maestà del Tuo Sacramento...
Sui pavimenti dei santuari, nella polvere delle strade, nel fango d’impervi sentieri, dove mani sacrileghe profanano l’Ostia consacrata...
Sulle labbra di chi ti riceve come Giuda nel cuore macchiato di colpa...
Nelle splendide cerimonie con cui la Chiesa ti onora con pubbliche lodi in questo Sacramento d’Amore...
In unione con tutti i Tuoi amici che vengono a visitarti e a riparare...
Nel petto del moribondo che ti ha chiamato in suo soccorso...

Preghiamo per la Pace: O Sole di Giustizia, risplendi sulla terra e fà che tutte le creature prorompano in un unico grido che aneli alla Pace, in una sola preghiera sincera, rivolta a desiderare la pace e l’amore tra i popoli. O Sole di Giustizia, rendi fertili le menti e i cuori, in attesa della Tua vera Pace! Amen..

Tutti: Onnipotente, Santissimo, Altissimo e Sommo Iddio, ogni bene, Sommo bene, Tutto il bene, che Tu solo sei buono, fa che noi ti rendiamo ogni lode, ogni gloria, ogni grazia, ogni onore, ogni benedizione. Amen

Benedizione finale…

Dio sia benedetto……..benedetto il Suo Santo Nome
Benedetto Gesù Cristo vero Dio e vero Uomo
Benedetto il nome di Gesù
Benedetto il Suo Sacratissimo Cuore
Benedetto il Suo Preziosissimo sangue
Benedetto Gesù nel SS. Sacramento dell’altare
Benedetto lo Spirito Santo Paraclito
Benedetta la gran Madre di Dio Maria Santissima
Benedetta la Sua Santa e Immacolata Concezione
Benedetta la Sua gloriosa Assunzione
Benedetto il nome di Maria Vergine e Madre
Benedetto San Giuseppe Suo castissimo Sposo
Benedetto Dio nei Suoi Angeli e nei Suoi Santi. Amen.

Canto finale

 

 

 

 

(torna a "PREGHIERE")
 
 
 
A.Vo.S.S. (ONLUS) Casella Postale n.5 - 20052 Monza (MI)  e-mail: info@avoss.it   segreteria@avoss.it