home le preghiere i messaggi meditazioni le attività la nostra storia pubblicazioni contattaci
 
 

 

INDICE MESSAGGI ANNO 2005
 
 

MESSAGGI IMPORTANTI

PREZIOSISSIMO SANGUE DI GESU' – ALTRE PROFEZIE 01/07/2005
GESU' CONFERMA LA PROFEZIA SUI TEMPI A VENIRE
30/06/2005
LA NUOVA VENUTA DI GESU'CRISTO RISORTO
23/06/2005
O anime dei Miei Sacerdoti, tornate a guarire i malati…
14/02/2005
MI AMI TU?  (Giorno della ricorrenza della Madonna di Lourdes)
11/02/2005
Gesù, prima del Raduno di Preghiera
23/01/2005
Gesù conferma che vi saranno altre doglie del parto dell'umanità
02/01/2005

MESSAGGI sulla Terrasanta di Gesù e Padre Pio:


PREGHIERA DI SUPPLICA PER ISRAELE 27/10/2005
SUL PROBLEMA DELLA PACE IN TERRASANTA 30/09/2005
ANCORA SU ISRAELE 12/09/2005
SEGNI DI SPERANZA E PREGHIERA PER ISRAELE 11/09/2005
GESU' PER ISRAELE 12/05/2005
MESSAGGI da Padre Pio sui Figli di Luce :

Messaggio del 9 febbraio 2005 09/02/2005

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente:

IL TEMPO DELL GIUSTIZIA E DELLA MISERICORDIA 30/12/2005
PROFEZIE 27/12/2005
RIMANETE IN ME RIMANETE NEL MIO AMORE 18/10/2005
GESU' SPIEGA LA NOTTE BUIA DEI TEMPI 31/08/2005
GESU' CI INCORAGGIA NELLA FATICA DEL TEMPO DI PROVA PER TUTTI 28/06/2005
AMATE GESU' NEI FRATELLI
27/06/2005
GESU' CI ASSEGNA UNA NUOVA MISSIONE
25/06/2005
PADRE PIO, prete di Dio…
20/06/2005
LA PARABOLA DEL PASTORE
16/06/2005
GESU' SULL'EUCARISTIA commento dopo il referendum e altri fatti accaduti
13/06/2005
GESU' ANCORA CI ISTRUISCE PER AIUTARE CHI SOFFRE
09/06/2005
GESU' CI VIENE INCONTRO NELLA FESTA DEL SUO SACRATISSIMO CUORE
03/06/2005
IN OCCASIONE DELLA CONSACRAZIONE AL SACRO CUORE DI GESU'
01/06/2005
Padre Pio ancora ci esorta a divulgare la Parola di Dio
01/06/2005
ONORATE ANCHE IL SUO PREZIOSISSIMO SANGUE
30/05/2005
Egli non vi lascerà soli...
23/04/2005
Il significato del “Tutto è compiuto!”
20/04/2005
L'importanza della Consacrazione
18/04/2005
Un atto di fede, un gesto...
17/04/2005
La grande Famiglia della Chiesa
12/04/2005
Il corpo glorioso del Papa (ore 13)
11/04/2005
Dio ha donato grandi segni perché il mondo capisca …
10/04/2005
Padre Pio ci parla del Papa
09/04/2005
Perché la Verità vien rivelata ai piccoli
09/04/2005
Ora avete un altro Santo che dal Cielo vi protegge
07/04/2005
Padre Pio e Gesù
04/04/2005
Festa della Divina Misericordia, dopo la morte del Papa
03/04/2005
Questa, sarà una Santa Pasqua speciale
24/02/2005
Gesù ci invita a fare una onesta revisione
15/02/2005
Il Papa ha dimostrato che la sofferenza può unire
06/02/2005

 

 

MESSAGGI IMPORTANTI

PREZIOSISSIMO SANGUE DI GESU' – ALTRE PROFEZIE 01/07/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

O sì, cuore mio intimorito dal prorompere delle forze della natura, ma il temporale ha potuto liberare la Terra e le creature dalla tensione crescente che c'era e irrorare al tempo stesso beneficamente il terreno arido e assetato.

Così è la Volontà di Dio, che si avvale delle forze in natura per operare il Bene verso le creature.

Oggi, nel giorno della commemorazione del Mio Sangue versato per la salvezza degli uomini di tutte le generazioni, Io vengo e ancora pronuncio Parole di Verità, adatte a questo tempo di semina e raccolta:

Il Padre ha ordinato che Cielo e Terra si aprano e si compenetrino profondamente e, per fare questo, vi saranno ancor tremolii nella terra e scosse, ma le fessure rilasceranno energia che si fonderà con l'aria e tutto il pianeta se ne gioverà.

Siate sereni, non accadrà nulla di male, perché è così che le forze del maligno saranno domate e relegate infine negli inferi per sempre.

Or, quelle scosse non produrranno effetti catastrofici, se non in modo sporadico, laddove vio sono sacche di negativa natura, ovvero: le varie babele del mondo magari tenderanno a crollare, ma non influiranno che blandamente sull'intero sistema.

Il mondo ancora non sa e la tendenza è di tacere i fenomeni cosiddetti naturali, o di relegarli tra le sfere dei soliti esperti; mentre è ben vero che da tempo il Mio Sole di giustizia arde in modo inusuale… ed è altresì vero che le piogge non son più frenate… e i venti creano vorticosi effetti… ed il fuoco divampa con grande forza.

O creature, voi siete state assuefatte a non considerare più i fenomeni atmosferici con la saggezza dei vostri padri; ma le forze, in campo, della natura son sempre state interpretate dall'uomo come manifestazioni della potenza divina… ed è ancora così, miei cari.

Non è forse il vento che vi libera dall'eccesso d'inquinamento?

E non è la pioggia che anch'essa riduce le sostanze nocive che respirate?

E non è il fuoco che brucia le vostre immondizie?

E non è il terreno che funge da contenitore di tutto quel che voi emanate?

Suvvia, riconoscete di essere dei veri incoscienti, non solo delle leggi umane, ma anche delle Leggi divine. E oggi non vi è più tempo di stare a spiegare perché le Forze sono entrate in rotta di collisione – a fin di bene, come già detto – ma assisterete a grandi sovvertimenti della natura, non così gravi come l'ondata che ha colpito l'Asia, ma ancor vi saranno eventi che dovranno indurre tanti a credere che tutto ciò non è “normale” e a rivedere i propri comportamenti.

Il Dio di Misericordia ancora vuole per tutti salvezza e userà le Forze in campo con attenzione, ma non per questo si dovrà sottovalutare la potenza e il senso di giustizia, perché colpirà laddove non si è voluto ad oltranza cambiare, per non più peccare contro gli Innocenti e la Vita.

Io sono il vostro Signore e maestro e son qui venuto a parlarvi per sollevare il cuor vostro dal languire senza comprendere che sono in gioco tutte le Forze. Pregate per tutti coloro che, ignari, continuano a sfidare le Leggi di Dio a danno del prossimo e di se stessi.

Vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen. Io sono il vostro Gesù! Siate sereni, l'Italia sarà protetta, ma non dai propri peccati la gente sarà…

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI IMPORTANTI

(ore 13) GESU' CONFERMA LA PROFEZIA SUI TEMPI A VENIRE 30/06/2005

O sì, cuore mio, sentivo di doverti rassicurare sul tempo di inizio della conversione di tanti sulla Terra.

Ebbene, vi sarà molta luce, ma anche giorni di tenebre durante i quali dovrete intensamente pregare per i più refrattari: Vi sarà pure un'alba di grande luce nel mondo, segnalata anzitempo ai Miei fedeli seguaci da Angeli e Santi al lavoro.

Vi saranno altre scosse, che Io considero salutari, perché indurranno la gente a riveder le proprie opinioni; ma il timore che a volte li prenderà, sarà anch'esso rivolto a farli capitolare dal loro egoistico modello di vita.

E vi saranno pure altri segni che seguiranno quello di luce nel cielo, ma li dovrete via via decifrare e raccontare alla gente, perché prenda gradatamente coscienza di non essere sola e abbandonata a se stessa.

IO sono il Verbo di Luce infinita
Io sono l'Amore del Dio della gloria,
Io sono il Figlio della Trinità santissima

E se oggi Io pronuncio queste parole è per dar modo, a coloro che lo vorranno, di credere che Dio esiste e viene in loro soccorso.. .

PREGHIERA PER ISRAELE

Ascoltate o genti la Parola di Dio...
Ascolta Israele, anche a te è rivolta
affinché tu finisca i tuoi giorni
di lotta fratricida.

Sii tu saggio e rispetta il tuo prossimo,
troverai modo di far convivere
le varie tribù se ti prostrerai
a chieder perdono per il tuo peccato
d'orgoglioso rifiuto.

Ascolta Israele, Io sono il tuo Dio
di misericordia infinita e ti chiedo
di avere pietà per chi cade, così
come Io ebbi pietà di te e ti condussi
alla terra promessa.

Or te la dovrai guadagnare,
rinunciando a far valere il diritto
in modo cruento,
ma accettando il consiglio dei saggi
che ancora ci sono tra le tue fila.

Ascolta Israele, popolo mio prediletto...
Io sono il tuo Dio, Io sono Javè!

Amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI IMPORTANTI

LA NUOVA VENUTA DI GESU'CRISTO RISORTO 23/06/2005

... Intorno alla Terra vi è ora tutto un pullulare di Angeli e Santi pronti a sfoderare le armi più belle per far capitolare anche i più refrattari; osate affermare che Gesù Cristo è tornato e presto darà un segno a tutte le genti; e, se vorranno credere, saranno perdonati e aiutati a riemergere da un passato vissuto all'insegna dell'incoscienza.

O sì, a tutti è destinato quel segno; chi ha già vinto la sua battaglia sulle forze del maligno potere, potrà avere la gioia profonda della conferma ed esultare lodando il Signore, mentre chi fino ad allora non avea creduto, si prostrerà a chieder pietà e vorrà rivedere il proprio vissuto, per rinascere - dopo - a nuova creatura.

Questo il Disegno, questo il Dono, questo è il Mio Verbo di Verità e Misericordia infinita, verso la Terra e la sua umanità.

Io sono il Cristo, il Risorto, il Figlio della SS. Trinità e mi avvalgo di ogni mezzo ora, pur di affermare la Verità della Mia venuta sulla Terra per la salvezza di tante anime che ancora giacciono inerti o dedite solo a peccare contro la Legge di Dio.

Pace a voi, creature che mi avete accolto, e pace in Terra agli uomini di buona volontà!

Vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen.

Questo messaggio lo diffonderete ovunque vi sia dato di farlo, con l'intento di avvisare per tempo, affinché il Segno Divino non li colga così impreparati e possa dar frutto nella giusta maniera.

Pace a voi, messaggeri di luce,
della Luce del vostro Signore, andate e annunciate;
andate incontro a chi soffre e amate anche i nemici;
andate e portate la croce di chi è caduto e giace senza la forza di rialzarsi;
andate e accogliete chi vi chiede aiuto;
andate, miei cristiani, andate ovunque con la benedizione del vostro Signore e Maestro di Vita eterna, amen.
Pace a voi, creature che mi amate e onorate il nome del Signore...

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI IMPORTANTI

O anime dei Miei Sacerdoti, tornate a guarire i malati… 14/02/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

O sì, cuore mio, riconosci il tocco del tuo Signore e amalo con tutta te stessa: Io sono il tuo Bene, creatura. Io sono la tua vita, Io sono il tuo esistere dentro alla Mia Chiesa perché il Mio Amore ti raggiunge e ti tiene avvinta a Sé. Non vi è altra ragione che ti tiene costì, nonostante il senso di rifiuto che senti verso di te e del dono che Io ti ho fatto.

Ecco, mia cara, il significato dell'esser dentro la Chiesa:

è nel camminare alla Mia sequela per amore…
amore donato, amore ricevuto,
amore cercato altrove e mai trovato nella pienezza;
amore coniugale con la Mia Chiesa, Sposa di Cristo,
ma anche amore che converge verso una sola creatura
e l'avvolge, la protegge, la ripara nelle sue lacerazioni,
nella sua umanità.
Amore che non langue inespresso, ma che si dona
continuamente e influisce anche sui pensieri…
che scioglie, raccoglie, ritempra e ristabilisce dentro all'unità
della Chiesa, delle sue membra, del suo corpo, delle sue cellule…

O sì, cara, tu hai intuito che la goccia, parola chiave, è la linfa, il sangue che scorre, che rinvigorisce e risana anche i malati dello spirito e del corpo. E potrebbe riparare anche quelli mentali se non vi fossero le barriere, poste lì ad arte, di enormi quantità di farmaci che, bloccando, impediscono alla Mia Energia d'Amore di entrare e ripristinare l'ordine originale.

Ah, se il risveglio di tanti malati inducesse a credere che vi è un modo diverso di rapportarsi alla malattia, avrei subito ove agire con la Mia potenza di Spirito Santo, ma all'uomo di scienza ancor manca l'umiltà di comprendere che la vita è dono di Dio e solo Lui sa come ripristinare la sanità di corpo, di spirito, di mente. E' solo attingendo dalla Sua eterna Sapienza che si può vincere la malattia e la morte.

Cosa facevan gli Apostoli quando li mandai per il mondo? Essi predicavano e guarivano infermi e malati, ma guardavano innanzitutto all'uomo nel suo bisogno di verità e di vita e di essere sanato dai mali dello spirito. Ed ancora essi imponevano le mani; e chi dava loro la forza di combattere il male e tutti i suoi derivati? Lo Spirito, l'Amore di Dio trasfuso in quelle mani.

E oggi? Quanto poco si fa di operare con le mani, mani di Cristo, mani prestate a Lui perché Egli possa ancora operare miracoli sia di conversione che di guarigione.

O anime dei Miei Sacerdoti, tornate a guarire i malati; osate sfidare le convenzioni di un mondo corrotto, che osa manipolare miseramente la vita solo per ansia di fama e denaro.

O sì, cari, Io chiedo ancora a tutti voi, Miei Sacerdoti, di andar tra la gente a guarire i malati perché – tramite vostro – sarò Io a farlo.

Coraggio, ascoltate il vostro Maestro, non siate soltanto attrezzati a fare il servizio e le funzioni: in voi è stato infuso dai seguaci di Pietro lo Spirito Santo; oh, non mortificate il senso profondo della vostra missione nel mondo.

Ancor come Paolo ve lo descrive , osate: sono Io che vi mando, Io il vostro Signore, e avrete riscontro, avrete la forza, avrete Me al vostro fianco e dentro di voi a operare verso chi soffre.

A volte basterà tenere una mano, impartire l'Eucaristia o l'olio santo; a volte un abbraccio, sarò Io a ispirarvi e a farlo, attraverso di voi.

Coraggio, Miei Sacerdoti, imponete le mani, che non son più vostre, ma me le avete affidate: usatele così come Io vi ho comandato e tenetele monde da ogni tentazione del mondo. Pace sia in voi!

Io, il vostro Signore, già sorridendo per la vostra sorpresa alla prima esperienza in tal direzione, vi vo' liberando da tanti timori, vi vado sciogliendo da ogni remora o presunzione perché, sia beninteso, che sono Io – attraverso di voi e non solo – a operare ogni volta.

Io mi avvalgo di chiunque sia disposto a venirmi incontro e che Io reputo adatto perché il bisogno è così' evidente, così grande che vo' reclutando anche operai dell'ultima ora per questo lavoro di ripulitura e di risanamento del mondo.

Coraggio, cari tutti i Miei Sacerdoti, scoprite in voi stessi le Mie qualità e non seppellitele sotto strati di convenzioni ed impegni; siate semplicemente a Mia disposizione. Ogni giorno rinnovate la promessa di consacrazione e ditemi: «Oggi, Signore, cosa vuoi che faccia?» Ed Io vi userò a Mio piacimento, ma ben sapendo che mi sta a cuore il miglior destino delle creature e del mondo.

Pace sia in voi, siate fedeli alla promessa, siate coscienti di vivere una stagione propizia al rinnovamento delle coscienze: voi siete Miei, non ve lo scordate!

Io sono il vostro Gesù, Sacerdote in eterno, e vi benedico per quello che fate e che farete… Andate incontro alla gente e recate la buona novella che Gesù Cristo è tornato e opera tramite lo Spirito Santo! Amen, am,en, amen. + + +

 

E Padre Pio, prete di Dio, aggiunge:

… Questo è tempo di rievangelizzare le terre riarse e assetate delle nostre contrade, perciò la semplicità è molto importante; il linguaggio semplice è ispirato dallo Spirito Santo, i ragionamenti complicati, no.

Terra di missione, terra da rievangelizzare: siate i missionari del mondo!
(Il 14 febbraio 05 - SS. Cirillo e Metodio, Patroni d'Europa -la Liturgia di Rito Romano contemplava il Vangelo secondo Marco, versetti 16,15-20).

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI IMPORTANTI


MI AMI TU? (Gv 21,15-17) (Giorno della ricorrenza della Madonna di Lourdes) 11/2/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

O sì, cuore mio obbediente, ti apro il Mio cuore e ti prendo tra le Mie braccia per la tua buona volontà.

L'alba è foriera di buone notizie e tu dovresti averlo già intuito, perciò insistiamo tanto; così facendo anche tu potrai godere della vista del giorno più bello, o meglio del suo sorgere... E la Misericordia divina elargirà i suoi doni a tutti quelli che si desteranno per tempo e la vedranno.

Pace sia in te, in voi tutti cari del gruppo. Quel che vi vo' raccontando non sia preso come uno dei discorsi che ho fatto tante volte, perché quello che vado dicendo da tempo accadrà quando men ve l'aspettate; e dopo, sarete fieri di averlo vissuto in comunione con Me, con il vostro divino Maestro.

Ed ora vorrei dare inizio a un nuovo tema, ovvero il senso di appartenenza del cristiano alla grande Famiglia. E come si deve sentire dentro alla Mia Chiesa, alla sposa tanto amata da Me, che ancora soffro per essa e offro Me stesso per la sua rinascita spirituale; così come vorrei tanto vedere che la fede dei Miei cristiani rinasca dalle ceneri di un credo inanimato e aggravato da regole che, pur se valide ancora, in pochi ormai osservano e sentono come l'abito buono da indossare alla festa per andare incontro al Signore.

Oh cari, se ve n'è bisogno ch'Io parli - anche tramite voi - di questo: Io non posso tacere il grido di dolore che mi trafigge ancora il petto ... E per quanto Io faccia per convincere i Miei Sacerdoti che occorre rinnovare da dentro la Chiesa, essi son così presi da mille faccende, che poco tempo dedicano all'ascolto interiore del loro Signore.

Io vedo innanzi a Me tanti che vorrebbero entrare; tante creature che soffrono di starsene fuori al gelo ad attendere un cenno di accoglienza; tanti volti sofferenti di genti che non hanno ove recarsi per liberarsi dei loro pesanti fardelli.

Tanti Miei Sacerdoti si prodigano, è vero, ma ancora non basta: occorre un vero rinnovamento delle coscienze, che li spinga a oltrepassare i limiti posti per sentirsi protetti e al sicuro nella Chiesa.

O no, non è così che Io dissi a Pietro!

Gli dissi: «Tu andrai dove non vorresti, tu soffrirai come Me sulla Croce, tu calpesterai suoli non accoglienti, tu vivrai tutta la passione del Cristo». E quando gli chiesi se mi amasse: per ben tre volte lo feci, anche per mettere alla prova il suo amore, ben sapendo il compito gravoso che lo aspettava.

E quando egli mi disse, quasi addolorato, la terza volta: «Tu lo sai, Signore, che io ti amo...» capii che sarebbe stato un “ Sì” definitivo il suo… E che non sarebbe arretrato di fronte al giudizio degli uomini e avrebbe liberato tutte le sue migliori energie, pur di continuare ad affermare che mi amava... or non più timoroso, or non più temendo di essere giudicato, or non più schivo e sfuggente, per il timore di dover subire la stessa sorte del suo Maestro.

Pietro, quanto lo amai per questo suo rinnovato ardore! E come rivedo lui nel Mio Papa Santo!

O sì, cari tutti, in questo nuovo scritto, dettato come sempre da Me alla scrivente, vi parlerò della Mia Chiesa, - del Mio Papa -, e della Mia volontà di ridarle vigore e vita, in modo inedito, in modo da far confluire in Essa, anche attraverso di Lui - e del suo sacrificio così evidente - le tante anime alla ricerca di un approdo vero, ove lo spirito si riposi e si ridesti, per poi camminare alla vera sequela del Cristo Risorto.

Orsù, miei cristiani, svegliate le vostre coscienze, ora siete in cammino con Me: portando, ognuno la viva croce; non ripiegatevi senza speranza, non spegnete l'ardore dei giovani, non vivete soltanto per le consuetudini. Oggi vi è un tempo che richiede freschezza, ardore e rinnovamento interiore, alla luce della messa in pratica quotidiana dell'insegnamento evangelico.

Se perfino i fedeli di altre fedi, generalmente parlando, vi rimproverano di non esser ferventi e dei validi esempi, Io che vi leggo dentro, cosa posso dire d'altro, se non che anch'Io ho bisogno di voi, di sentirmi amato da ogni creatura, così come lo domandai a Pietro. Sì, il vostro Signore - per rinnovare ancora il Suo Sacrificio - desidera che ogni cristiano s'interroghi veramente e professi non solo il credo, ma l'amore verso il suo Redentore e Signore.

E se mi avvalgo di mezzi inconsueti e d'altro, è proprio perché voglio scavarvi dentro e capire quanto mi amate, quanto siete disposti a mettervi in gioco per Me, quanto vi battereste per affermare di appartenermi.

Ricordate i primi cristiani? Quanti martiri vi furono che, pur di non rinnegarmi, andarono incontro al martirio della carne, ma le loro anime brillano in cielo più delle stelle.

O cari, capisco che con questo Io vi sto provocando, ma credetemi, non posso più aspettare che vi sia un blando riscontro, perché il rischio è quello di non comprendere che ancora una volta Io sono venuto per trarvi in salvo. Ma non potrò più farlo, se non corrisponderete alla chiamata che Dio ha stabilito fin dai tempi antichi in: «Ora o mai più!» E l'ora è giunta, miei cari, l'ora in cui il vostro Signore vi offre la cena, spezza il pane e dice le parole sante: «Padre, Io offro il Mio Corpo e il Mio Sangue versato per essi». In questo è racchiuso il mistero della redenzione di un mondo che ha in sé il germe ancestrale del rifiuto di Dio.

Coraggio, sento che lo riscatteremo questo mondo, diventato ormai un crogiuolo di immoralità a tutti i livelli e denso d'immondizia spirituale, non solo materiale.

Oh, come tutto quel che fate si rispecchia nello Spirito! Oh sapeste quanto Dio - Padre Figlio e Spirito Santo - soffre per la Creazione... e quanto ne soffre si rispecchia nel volto e nelle membra del Mio Papa Santo. Sì, cari, egli soffre - non di vecchiaia - ma per i colpi inferti alla Sua Chiesa, per le ingiurie lungo il Calvario, portando la Croce dei peccati dell'umanità.

E quelli che gli son rimasti fedeli, lo sanno e lo amano… e tra questi anch'Io trovo consolazione.

Pace sia in voi, cari, che mi avete seguito fin qui; continuate a farlo, non ve ne pentirete, ma quanto pochi son rimasti fedeli alla consegna; quanti han ricevuto consolazione e guarigione e se ne sono andati senza neppure conservare il ricordo di tanto amore elargito.

Oh quanto dolore ancora prova il Mio Cuore per l'ingratitudine umana. Sì, anch'Io ho bisogno di venir consolato e le cosiddette adorazioni dell'eucaristico Mio Corpo, servono a questo, a ridarmi fiducia che l'umanità non si è persa; che vi è, tra i tanti indifferenti, chi mi onora e mi ama e mi consola delle tante ferite che ancora mi vengono inferte ovunque nel mondo.

Pace sia in voi che mi siete rimasti accanto. Io vi dono Me stesso, Io vi porto nel Cuore Mio immacolato, Io vi darò tutta la forza per andare innanzi portando la vostra croce che, agli occhi degli altri, si trasformerà in una croce di luce. Luce che trasparirà anche dai vostri occhi e dal vostro sorriso. E l'esempio che voi darete, sarà anch'esso la chiave per capire gli avvenimenti.

O anime mie, che credete in un mondo migliore in cui vivere e amare, impegnatevi col vostro Signore a vivificarlo col vostro sacrificio d'amore.

Io vi sosterrò fino in fondo, Io vi amerò dalla Croce, Io dirò ancora: «Madre, ti consegno questi tuoi figli, abbine cura tu.».

Coraggio, verranno - è ben vero - tempi ancor più difficili, ma sarete sempre sorretti e aiutati da Me, dal vostro Signore che non vi abbandonerà un istante.

Coraggio miei prodi soldati, vi amo più di Me stesso e vi amerò fino alla fine dei tempi. Andate in pace ad annunciare alle genti che Gesù Risorto è tornato per condivider le sorti di tanta umanità infelice. Pace a voi!

Io sono il vostro Gesù Nazareno e vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen. + + +

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI IMPORTANTI

Gesù, prima del Raduno di Preghiera 23/01/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

… Vi vengo incontro, per istruirvi in vista del raduno ove parlerete del cambiamento epocale.

E sì, questo argomento è molto importante, ma occorre approciarlo partendo dal quesito che avete già posto:

dopo il maremoto, qualcosa nelle coscienze è cambiato?

Io sostengo di sì, ma ancora non basta! Perché non si voglion vedere tutte le implicazioni: che un fatto così enorme – che ha coinvolto tante genti e paesi – ora richiede di prendere provvedimenti comuni. Infatti si stanno già delineando difficoltà, sia nel portare soccorso, sia nell'agire in comunione d'intenti e d'azione.

Orbene, cosa invece è realmente cambiato? Io sento che il cuore della Terra – e nel suo cuore è compreso il cuore delle creature – c'è ora maggior propensione alla solidarietà. Ci si sente come accomunati da un destino che può travolgere tutti in un baleno. E' questo senso di sconfitta dell'uomo, dinnanzi agli elementi, e di volontà di reagire, cioè di redenzione, che va coltivato mettendo in atto tutte le strategie umane, ma anche invocando Misericordia e perdono.

Da questo connubio tra azione e invocazione, o preghiera, può veramente nascere qualcosa di buono. Ed Io sento che nella gente ora questo sentimento è nato o, quanto meno, è stato colto. Ora il vero problema è che si rischia, nel cosiddetto mondo occidentale, di non voler ricordare a lungo e che i morti non sian nemmen nominati (per non turbare le famiglie, si dice). No cari, è solo un modo per evitare di guardare in faccia al problema di un così grande numero di perdite umane. E se si aspetta di riconoscerli tutti, non si avrà nemmeno la volontà di celebrare con i loro parenti il necessario cordoglio e il funerale.

Possibile che l'insensibilità verso di essi sia così forte? Oppure qualcosa è davvero cambiato…

E allora occorre darsi d'attorno per cercare di sensibilizzare la gente e quelli che fanno opinione, perché non si venga a creare un assurdo: che ci si dimentichi di coloro che sono morti e che han ricevuto solo tre minuti di silenzio…

 

O genti, dov'è finito il vostro senso della vita?

Dove siete nati e cresciuti vi è stato pure inculcato, eppure si piange per un solo morto e non ci si sofferma a pensare che ve ne sono tanti che ancora vagano senza aver ricevuto un momento solenne di commemorazione, con una celebrazione comunitaria che coinvolga veramente tutto il paese.

Pace sia in voi, cari tutti, Io sono venuto ancora una volta per trarvi in salvo dal pantano in cui siete immersi e auspico che la forza di volontà non venga meno, che vi battiate per un destino finale più giusto per loro, proprio perché ne hanno tanto bisogno, perché mi giunge ancora il lamento di chi è pentito, ma non trova conforto.

Oh, sì, gli innocenti son stati tutti tratti in salvo, ma in seno all'onda, ne furon portati via tanti che ora hanno bisogno di aiuto, anche da parte vostra, per salire verso la vera Luce.

Coraggio, siate portatori di questa istanza che vi giunge dal vostro Maestro di Vita e congiungendo le mani, dite con Me questa preghiera che, se vorrete aiutarli, ripeterete mane e sera:

O Dio di Misericordia e Perdono,
noi ti preghiamo di scendere verso i più addolorati,
verso i disperati e di consolare le loro pene.
O Dio di Misericordia, che custodisci il loro passato,
deh, cancella le loro colpe, concedi loro il Perdono,
che lavi via ogni ricordo, che li renda mondi e
nuove creature, degne di sedersi alla Tua mensa.
O Dio di Misericordia, noi ti preghiamo
e ti supplichiamo di concedere ad essi, a tutti
quelli coinvolti, il Tuo Amore misericordioso,
perché ora hanno bisogno di risalire, con l'aiuto
di Angeli e Santi, dall'abisso della disperazione.
O Dio, Padre Nostro, concedi loro infine la Pace.
Noi ti preghiamo e ti ringraziamo. Amen.

Allora anche queste anime lavoreranno alacremente per rendere fertile il dolore dei parenti e per creare altre opere di solidarietà a favore di tante famiglie bisognose di testimoni della speranza e di progetti da svolgere insieme.

Or tutto questo Io sento che può essere messo in atto e, con perseveranza, portato avanti. E che Dio benedica il sacrificio di tanti poveri e innocenti per la salvezza del resto del mondo.

Andate in pace ad annunciare alle genti che il Disegno di Dio si sta compiendo, se vorranno credere alla verità e si convertiranno, saranno salvi.

E voi tutti pregate per loro. Pace a voi!

Io sono il vostro Gesù Condottiero, e in un momento di verità Io parlerò a tutte le genti e tutti mi udranno e capiranno e chiederanno perdono. Ma occorre che comprendano di non essere soli e abbandonati a se stessi. Questo è il senso delle parole spese dai vari esponenti della Mia Chiesa. E su questo non ho altro da dire, mentre a voi chiedo ancor di pregare perché la verità divenga palese e si convertano in tanti, prima che sia troppo tardi. Pace a voi.

Vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen.

Io sono il vostro Gesù. Tutto quello che hai scritto è voluto e detto da Me. Vivi serena e ama la vita. Il Cielo ti ama, vai oltre i tuoi timori, e vivrai nella Luce.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI IMPORTANTI

Gesù conferma che vi saranno altre doglie del parto dell'umanità 02/01/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

… Pace sia in voi, cari! Per la Mia causa occorre riunire le forze e avere fiducia che sarete sempre aiutati strada facendo, se credete veramente che quello che fate serva e la vostra volontà sia fusa in quella del Signore Dio vostro.

Allora non recedete dall'impegnarvi di più e di porre in atto tutte le risorse disponibili per offrire alla gente ancora qualcosa che l'aiuti a credere in Dio e a ritrovar la speranza di vita.

Cari, oggi nel mondo non vi è ancora la massa critica necessaria per raggiungere il tanto auspicato sovvertimento di forze e, ascoltando il cuore del vostro pianeta, ancora Io sento che soffre e... (ndr. sono stata interrotta da una telefonata) Sì, cuore mio, abbraccia le creature che soffrono, perché è anche attraverso di esse che il cuore della Terra si esprime e si libera dal dolore compresso.

Ed ora vengo a voi per riprendere il discorso che stavo facendo sul senso di smarrimento generale che ancora non sa dove e come indirizzar le risorse.

Occorre pregare e offrire se stessi e poi sarete ispirati e aiutati a trovare la via; le vie sono tante per indirizzare le proprie potenziali risorse, ma ancora occorre una spinta e questa verrà data da un ulteriore sovvertimento di forze insite nella natura. Già ve lo dissi che sarebbero stati posti in gioco gli Elementi primari e non è ancora finita: le doglie si vanno via via ravvicinando e intensificando; il ventre e il cuore della partoriente, la Terra, miei cari, la Madre che vi ha offerto se stessa per la vostra sopravvivenza, si deve ancor liberare del tutto.

E, per sgravarsi da tanto dolore, ancora altre vitttime vi saranno che offriranno se stesse in olocausto per la salvezza dei più duri di cuore e refrattari all'Amore.

Coraggio, non siamo che agli inizi, ma il parto si preannuncia “normale”, se così posso dire, vi sarà ancora sangue versato e sacrifici e altri immolati per la conversione di molti, ma pian piano il nuovo mondo, la Terra, verrà purificata e liberata per sempre dal demonio e dai suoi seguaci, scacciati anche per mano di Maria, la Corredentrice. Ed Io, il vero Re della Terra, onorerò la madre Mia e vostra, chiedendole di sedersi al Mio fianco sul trono che le spetta.

Dopo tanto lavoro di ripulitura e di recare conforto, Ella mi dice: “Ancora, figlio mio, c'è tanto da fare, tanto male da debellare; ancora vi sono sacche di purulenta natura che dovrà fuoriuscire. Per ripulir le ferite inferte per lunghi anni alla Madre Terra”.

In vista del movimento finale, che metterà in ginocchio le genti, Io vi chiedo preghiera, preghiera assidua e sinceramente rivolta a voler la salvezza di tutti.

Così, cari, si compirà la volontà del Signore Dio vostro.

Così anche i più derelitti e i lontani da Dio saranno portati in salvo.

Coraggio, non vi abbattete, sarete sempre aiutati, ma l'Amore perfetto esige che si doni se stessi e non si abbiano remore o ripensamenti, altrimenti sarete costretti a subire le sorti degli altri, di quelli che avranno bisogno di scosse forti per ricever la spinta verso l'apertura iniziale.

Oh, Io non posso pensare che, dopo tanto insegnamento, voi siate ancora tra questi. Voi siete miei, mi avete affidato le vostre vite ed Io me ne prendo cura e vi porterò in salvo, prendendovi tra le Mie braccia.

Coraggio, miei cari, non lesinate l'aiuto ora ai più bisognosi e quando sarete chiamati in causa personalmente, vivete la chiamata con un: “Eccomi, Signore, io vengo...” e avrete tutto da Me!

Pace sia in voi, la vera Pace che Io vi immetto sia la vostra forza e il sorriso nel cuore e negli occhi s'irradi intorno a voi affinché altri si domandino quale sia la vostra luce e Chi ve l'abbia donata.

Io sono il vostro Signore Gesù Cristo Risorto e vivo in mezzo alla gente e nei cuori di chi Lo ha accolto... Ed il Prologo di Giovanni potrà esser completo con queste parole: “ Ma alla fine tutte le genti compresero la Verità e Lo accolsero!”

Io sono il Cristo e pronuncio queste parole perché ormai sento che l'umanità risponderà alla chiamata.

Abbiate il coraggio di affermare di appartenermi e avrete tutto da Me!

Vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen. + + +

La Croce di Luce si mostrerà alta nel cielo; avrete la gioia di poterla vedere e piangerete e vivrete quel momento solenne nella Grazia dello Spirito Santo, che vi inonderà totalmente per poter irradiare anche gli altri.

Amatevi come fratelli, amatevi come Io vi amo!

Andrete ancora a Gerusalemme, ma non è ora il momento; sarete avvertiti, state tranquilli; Io sono sempre anche il vostro Gesù Nazareno! Amen.

Si odono canti, mischiati a lamenti,
si senton fragori di fucili e di bombe,
si sciolgon rancori dopo l'onda fremente,
si apron dei cuori a chieder pietà.
Ma dal cuore e dal ventre dolente
Ancor la membrana dischiusa non è,
lacerazioni profonde l'han resa indifesa.
Vivrete l'attesa del parto imminente
Pregando e invocando perdono e pietà.
Noi Angeli in coro incessante
pregando, vegliamo.
Per donare alla Terra la sua umanità
più bella e risorta, ancora bisogna curar
le ferite dell'anima e i tanti tormenti
che affliggon le genti.
O sì creature, vegliate e pregate con noi,
perché alla fine si abbia - in un ultimo
grido di dolor lacerante - finalmente
quel parto della nuova umanità!

Amen, amen, amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI sulla Terrasanta di Gesù e Padre Pio.

PREGHIERA DI SUPPLICA PER ISRAELE 27/10/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.
O sì, cuori miei, DOLENTE è IL Mio Cuore ora per le vicende del Mio popolo d'Israele, e vengo per darvi un compito. Comprendo che abbiate già tanto da fare per servire il Signore e non voglio aggiungere altro, se non di pregare per questa Mia gente, che ancora ha bisogno di trovare illuminazione e pace. La poace ora sembra lontana: è stata vicina d'un passo ed ora si è allontanata.
Per l'incoscienza umana avremo di che dolerci il petto, ma Io sono certo che un dì questa gente si renderà conto del proprio errore e si riscatterà.
Pregate con Me il Padre Nostro, così, congiungendo le mani al petto e in ginocchio, supplici e addolorati, chiediamo che ponga in atto ancora una volta la Sua Misericordia infinita, ma intrisa di dolore per i peccati.

O Padre nostro, Tu vuoi salvare questa Mia e Tua gente,
Tu la vuoi riscattare per poterla amare alla Luce
del sole nascente, della verità rivelata a tutte le genti
di ogni nazione e continente.

Tu vuoi che si giunga a celebrare con solenni
promesse la pace tra i popoli della Terra Santa.
Ti preghiamo e ti supplichiamo di porre in atto
tutta la Tua Misericordia perchè questi attacchi
satanici non portino alla rovina quanto è già stato,
con infinita pazienza, ricostruito.

O Padre, dona la Tua saggezza e la Tua forza
a quei giusti affinchè levino alte le voci per liberare
le coscienze da tanto dolore e chiedere pace e giustizia
per tutti. Non escludendo di cedere ancora qualcosa
per il Bene supremo di onorare la Vita, Tuo dono d'Amore.

Padre, noi ti lodiamo e ti supplichiamo di accogliere
questa nostra preghiera forvente e sincera
che innalziamo a Te, Padre Nostro che sei nei Cieli,
e ti offriamo la nostra vita, le nostre azioni
per la salvezza del tuo popolo.

Santo, Santo, Santo è il Signore,
Dio degli eserciti.
Santo, Santo, Santo è il Signore,
Dio di bontà e misericordia infinite.
Santo, Santo, Santo è il Tuo nome,
Padre Nostro che sei nei Cieli.
Io sono il vostro Gesù Nazareno, e mi prostro ancora una volta a chiedere Perdono per loro, perchè non sanno quello che fanno:

Padre, Io ti offro ancora Me stesso per la loro salvezza. Amen.

Vi benedico nel nome della Trinità Santa, amen, amen, amen. + + +

Stavan tre croci lassù sul Calvario... la Morte!
Il terzo giorno il sepolcro si aprì
E la Luce infinita entro nella notte dei tempi.
Ed ora la Vita celebra la sua Loce...
Ancora Io vengo a irrorare di Luce,
accoglietemi o genti, non rifiutate la Vita.
Io sono il Signore, Io sono l'Amore, Io sono la Pace!
Accogliete il Dono, amate il Signore, amate la Vita!

                     PACE   PACE   PACE
              +++

Il Segno della Croce diverrà il simbolo
della Pace tra tutti i popoli della Terra.
O sì, benedite con il segno di Croce.
Amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI sulla Terrasanta di Gesù e Padre Pio.

SUL PROBLEMA DELLA PACE IN TERRASANTA 30/09/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.
Sì, cuori miei in ascolto, la Terra ha proprio bisogno di iniezioni d'Amore e di Perdono.
Per avere la Pace occorre che l'odio si trasformi in amore: amore donato, amore sia pur calpestato, che non si scoraggia dal donarsi ancora.
Perchè la speranza non debba morire occorre ancora pregare e partecipare intensamente a questa dolorosa vicenda sulla quale grava il destino del mondo intero (il problema Israele-Palestinese).
Oh, se ne fossero consapevoli, saremmo già a buon punto. E questo dolore che la Madre ed Io ci portiamo dentro sia anche il vostro; così facendo avremo immesso nella terra di Palestina e d'Israele ancora una volta la goccia e poi ancora altre gocce a far da barriera all'odio di tanti.
Siate convinti che questo lavoro, così ingrato se vogliamo poichè non se ne vede la fine, riuscirà invece a scalfire la dura roccia. Credete, miei cari, che ciò avvenga e così avverrà, ve lo prometto!

Io mi avvalgo di tutta la forza d'Amore e ho a cuore il destino migliore per il Mio popolo, ma ho a cuore anche quello del suo fratello di sangue, che giace nella palude dell'incoscienza e della miseria morale e intellettuale, e non riesce a riemergere per far cessare l'odio tribale, che ancora pervade le sue contrade.

O Madre. Tu sai che le donne son disperate,
inducile a influire sui loro uomini per chiedere
pace e giustizia, senza far uso delle armi.
E' questa l'unica via di salvezza e anche Israele
dovrà comprendere e capitolare dall'arroganza
ancora imperante, proprio per via di tante madri
che, come Te, assistono attonite a tale violenza.
Ma che ritroveranno la forza di dire: ORA BASTA!
La vita dei figli ci è stata tolta, ora basta!
Non sia fatto ad altre quel che è già successo.
e pace alfin vi sarà in quella terra così martoriata
e  stanca di guerra. PACE PACE PACE...

Il grido risuona nel cosmo e arriverà a quei cuori induriti da prove e dolore.
Pace anche a voi, miei cari; aprite le porte all'accoglienza, senza giudicare, amando soltanto alla sequela del Cristo Risorto ed Io vi benedirò sempre. Così come ora faccio... inginocchiatevi per ricevere la benedizione solenne nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen.
Io sono il Cristo Risorto. Io sono l'Amore del Padre Nostro. Io sono l'Alfa e l'Omega. Io sono tutto per voi, creature. Andate in pace. Pregate perchè si convertano presto e Dio li aiuterà!. Pace a voi. Io sono il vostro Gesù!

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI sulla Terrasanta di Gesù e Padre Pio.


ANCORA SU ISRAELE 12/9/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.
O sì, cuori miei in ascolto della Mia Parola di Vita Verità e Grazia, voi ne cogliete il senso più profondo e vi immedesimate nel Mio struggimento per loro. Anche la Madre Mia e vostra soffre e si prodiga, ma ancora siamo lontani dal congiunger  le parti. Or non vi scoraggiate se sentirete altri scontri: ancora ve ne saranno, purtroppo. Ma oso sperare che questi serviranno a scuotere ulteriormente gli animi per desiderare la pace...

All'Amore manca ancora, invece, il fattore fondamentale: quello di riconoscere nell'altro il fratello e se stesso. Un dì arriveranno anche a questo. Per ora sarei felice che accogliessero l'invito accorato che sale da tanti, ormai, di deporre ogni velleitaria pretesa e di scendere a patti onestamente, mettendo sul tavolo delle trattative la realtà dei fatti e di quella resa all'evidenza che ancora manca nella maggior parte di essi: la terra è di tutti, non si può  usurpare il diritto di chi l'abitava da prima senza concedergli una via di salvezza e di giustizia.

Pace sia in voi, creature, che pregate per loro, per entrambe le parti, senza astio verso di essi, perché capite il dolore di entrambi. Pace a voi, la vostra preghiera verrà ascoltata!

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI sulla Terrasanta di Gesù e Padre Pio.

SEGNI DI SPERANZA E PREGHIERA PER ISRAELE 11/9/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.
O sì, cuore mio, ti abbraccio e ti parlo ancora di Israele, che vorrei tanto vedere in pace e lavorare alacremente per favorire la pace in Medio Oriente.
Adesso avrà ancora da tribolare per rimediare al maltolto e al malfatto, ma si sta già avviando a comprendere che così facendo è sulla giusta strada.
Io incoraggio il Mio popolo con questa preghiera e così fate anche voi tutti:

O ascolta, Israele, popolo mio,
apprendo che sei in procinto di offrire
condizioni inedite ai tuoi fratelli di sangue.
Ora questo tuo gesto sia favorito
da quella saggezza che tu hai dentro,
non devi badare a chi ti consiglia
di usare rigidezza e intransigenza.
Son tutti difetti che portano alla rovina,
mentre ora avrai dalla tua la speranza
di tanti che, come increduli ancora,
ti loderanno e ti benediranno.
O Israele, popolo mio prediletto, Io sono
il tuo Dio di misericordia e di pace,
offri a quei poveretti un aiuto concreto
per risollevarsi dalla misera condizione
in cui sono stati costretti, anche da te,
a vivere per tanto tempo.
Prenditi cura e concedi loro la libertà
e la possibilità di governarsi da sè.
Sii attento a non creare ulteriori barriere,
ma ad abbatterle per favorire di vivere
in pace e restituisci loro il diritto
di sentirsi uomini degni di rispetto.
Se così tu farai, Israele, popolo mio,
Io ti benedirò e ti proteggerò da altri attacchi.
Va' loro incontro e apri le braccia
all'accoglienza, senza ritirarti in te stesso
e avrai la pace nella terra promessa,
terra di fede nell'unico Dio di Misericordia
e di Perdono. Ed Io sarò con te, Israele,
popolo mio prediletto. Amen.

Ora cara, inginocchiati per ricevere – anche per loro – la Mia solenne benedizione e lascia che le parole di rendimento di grazie sgorghino spontanee dalla tua bocca e dal tuo cuore...

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI sulla Terrasanta di Gesù e Padre Pio.

GESU' PER ISRAELE 12/8/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.
Quel che tu hai udito risuonare stamani è ancora il grido accorato del Padre Nostro verso il Suo popolo eletto, che sta attraversando un tempo di crisi interiore ed è lacerato e diviso su delle scelte fondamentali. Ma tutto questo è necessario per prender coscienza che la Verità non sta solo nella forza, e la Giustizia è cosa diversa dall'affermare con prepotenza i propri diritti. 
Il velo cadrà piano piano dai loro occhi e si renderanno conto di aver praticato tanta ingiustizia. Allora invocheranno la Misericordia di Dio e - se saranno saggi nell'amministrarla - potranno godere di un tempo di pace e fraternità tra le genti.

Io sono il Figlio della Trinità e mi avvalgo dell'autorità del Padre per pronunciare ancor le parole:

ASCOLTA ISRAELE, popolo mio

Io vengo tra le tue fila e le scompiglio
e le riprendo e le riconduco
a ragionar sulla sorte dell'altro popolo
che tu hai calpestato.
Tu, che comprendi cosa vuol dire
esser privati del proprio rifugio
e viver in un ghetto, ricordi?
lo hai già vissuto, non puoi perpetrare
all'infinito il dolore di sentirsi
prigionieri di altri.

A te verrà incontro una stagione
propizia al cambiamento: accoglila
e fa diventare fertile il terreno inaridito
dall'odio e dal conflitto.
Apri le braccia, popolo mio, a render
giustizia anche a chi ti ha odiato,
apri il tuo cuore a comprendere
il dolore del tuo vicino. Sii saggio,
e potrai godere della Giustizia di Dio!
Io ti voglio così, giusto e saggio,
Israele, popolo mio!

Va' loro incontro e offri le condizioni

migliori per vivere in pace...
nell'attesa che comprendiate entrambi
che è sol congiungendo le forze e vivendo
come fratelli che potrete vivere in pace e
portare la Pace ovunque tra i popoli.
Ascolta Israele, popolo mio prediletto,
l'Amore che ho insegnato ti venga
inoculato goccia a goccia.
E, perché tu possa essere fecondato,
occorre che tu abbia qualcuno a far breccia
e acconsenta che il sangue versato
da entrambe le parti, divenga quel fiume
di perdono reciproco sul quale fondare
giustizia e pace.
E tu hai già tra le fila quei Saggi...
Fa' sì che il dolore si trasformi in amore,
abbraccia il fratello, allarga il tuo cuore
a comprendere l'altro:
il suo dolore non è diverso dal tuo!

A te, Israele, popolo mio, chiedo ancora
una volta la volontà di costruire la Pace,
offrendo al tuo fratello di liberarlo
dal giogo e dalla condizione di sudditanza.
Dopo, si potrà ragionar su degli altri elementi,
ora occorre un tuo primo gesto concreto
di pace. E la pace sia in te, popolo mio!
Va' e ricevi la benedizione del tuo Dio
di Misericordia, che disse ai tuoi Padri:
“Non fare ad altri quel che non vuoi sia fatto a te!”

PACE    PACE     PACE

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

MESSAGGI Padre Pio e i Figli di Luce.

Messaggio del 9 febbraio 2005

Sono padre Pio, prete di Dio, vi benedico nel nome del Padre, del Gesù Cristo e dello Spirito Santo, amen.

Sì, cara figlia mia, tuo figlio è già qui e prego la scrivente di accoglierlo nel suo cuore in modo da trasmettere a te, cara, la sua sensazione di presenza.

Sì, sono Giacomo cara mamma, mi son trovato a vivere coscientemente in una dimensione dello spirito speciale, superba direi, libera da ogni condizionamento eppure cosciente di essere io, proprio io… e non era allucinazione, ma dono d'amore di Dio.

Questo è stato l'inizio del mio viaggio nella dimensione soprannaturale; così ho capito l'errore umano di tanti giovani nel cercare di avere stati di ebbrezza usando pasticche e droghe. Involontariamente essi ricercano qualcosa che però non possono trovare così ed è questo il mistero, o meglio, la mistificazione operata dal potere maligno. Tu pensa, mamma, a che cosa è giunto…

Eppure la vita è così bella già di per se stessa, che nessuno avrebbe bisogno di pastiglie contro la depressione se solo si soffermasse a pensare un pochino ogni giorno a Dio come ad un padre che c'entra con la tua vita.

Oh mamma, son diventato anche filosofo ma qui non ci sono categorie come quelle sulla terra, qui ci si riconosce attraverso la luce interiore e non c'è menzogna… Sì, mamma, era proprio questo il mito che inseguivo, con la differenza che non è un mito o un' illusione, ma una vera realtà della vita.

Oh sì, quando verrai a stare da noi anche tu te ne potrai render conto di più, ma non devi pensare alla morte, devi ancora vivere ed amare la vita, perché è così che si guadagna un gradino superiore… Gioisci mamma, sono io Giacomo che ti parla oggi così, e forse non avrei potuto farlo altrimenti. Ci sono troppi condizionamenti da voi che impediscono agli animi di aprirsi, vedi? Io sento che tu, a volte, sei amara, compressa… Ma poi la volontà tua prevale e vai oltre. Infine, tu sei una di quelle madri speciali che hanno avuto la grazia di poter comunicare coi figli e di questo puoi essere grata alla Madonna.

Sei bella tu mamma, sì, dentro e fuori… conserva la tua freschezza e donala agli altri. Io ti voglio tanto bene, se posso farei anche una prosa per te, vuoi?

Allora comincio:

«Stavo ascoltando un pianto di bimbo quando mi sono accorto che quel bimbo ero io, laggiù nel mondo l'ho visto e davo segni di sofferenza… ma dal mio posto non potevo vedere che c'era accanto a quel bimbo una madre solerte che cercava di consolarlo. Oh sì, ora ricordo il perché di quel pianto: avevo scoperto che la vita finisce e quell'animaletto era morto nelle mie mani, forse era un insetto, non so bene che cosa fosse… ma il ricordo più vivo che ho conservato è il tuo sorriso di comprensione e le parole che mi dicesti: “Guarda dorme, se n'è andato a dormire, posiamolo qui domani si sveglia!…” ed io ti ho sorriso beato».

Cara mamma, di episodi così ne ho vissuti con te tanti: questo è solo per dirti che avevi ragione, la morte è un sonno ed al risveglio si scopre che la vita è più bella!

Ti abbraccio mamma, se vuoi puoi darla a qualcuno, spero che possa fare del bene anche ad altri. Ciao mamma, ti amo!

Tuo Giacomo, e a tutti un grosso bacio che darai tu per me.

Vi benedico nel nome della SS. Trinità. Amen, amen, amen.

Padre Pio da Pietrelcina

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Il tempo della giustizia e della Misericordia 30/12/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.
... Consolate il vostro cuore per le fatiche e le rinunce; l'Amore del Padre è assai più importante e impregnante di ogni umana illusione.

Il tempo concesso alla Grazia di operare le conversioni nei cuori è quasi giunto al termine; poi subentrerà il tempo della Giustizia e della Misericordia verso quelle creature che chiederanno perdono.

Perchè vi ripeto ancora una volta queste parole? Ve le ripeto perchè le possiate comprendere e assimilare profondamente. Anzichè restare arroccati nelle vostre idee o presunqioni di ogni sorta, oggi è richiesto che compiate un vero salto di qualità nella fede nel Signore Dio vostro...
E di tutto quanto mi avvalgo per portarvi oltre e innanzi, ma mi dovete seguire senza reticenze o altre cose che separano dalle Mie Vie perfette e imperscrutabili, ma che Io vi faccio percorrere, guidandovi e dandovi la mano...

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Profezie 27/12/05

Padre Pio... Sì, cari figli miei, convengo con voi che il silenzioso “essere” di Gesù in questo momento è come di attesa di qualche evento importante, ma non nel senso che voi credete o pensate.
Egli non viene a giudicare soltanto, Egli viene portando la Croce di tanta umanità nella prova e saprete ben presto cosa si va preparando.
Allora capirete cosa intende quando afferma che la “Croce è presepe” e vera nascita di Gesù Cristo in Terra.

Allora udrete le parole sante risuonare nel cosmo.
Allora vi renderete conto all'istante della Sua infinita misericordia.
Il dolore che ancor sale dalla Terra martoriata e stanca di guerre fraticide giunge diritto al Suo Cuore immacolato e ne rivela il grande mistero che ci fa partecipi e desiderosi di metterci in gioco. Anche a voi redenti, riveliamo tutto questo per farvi partecipi.

Mentre andiamo rinforzando le fila, auspicando che l'uomo di fede risponda, ancora chiediamo preghiere ardenti e sincere, rivolte al bene dei popoli tutti, e alle conversioni di quanti, ancora increduli, scimmiottano le vie del Signore proponendo cose aberranti, e di quelli che, irretiti dal maligno potere, le eseguono incessantemente.

O voi che pregate, abbiate coscienza che occorre pregare anche per i nemici della fede in Nostro Signore.
O voi che vegliate, dedicate dei Santi Rosari la notte, quando le forze negativa scatenano i loro attacchi.
O voi che patite per le miserie del mondo, osate sfidare le convenzioni per affermare che Gesù Cristo è tornato e farà nuove tutte le cose. Ma a quale prezzo di riscatto, ancor non è dato sapere, perchè le sorti del mondo ancora non volgono a migliorare la giustizia e la solidarietà verso i poveri della Terra.
Padre Pio sente che il tempo presente porterà altre... Vedo oltre e non posso dire di più;
vedo luce anche, ma dopo aver patito per quelle ingiustizie;
vedo pace, ma dopo aver chiesto perdono;
vedo coscienze risvegliate, ma dopo aver ancora a lungo peccato contro le leggi di Dio.
Or tutto questo sarà palesato e vivrete un tempo di dolore, di pianto e lamento, ma voi, coscienti del vostro ruolo, non vi abbatterete, non vi arrenderete, andrete diritti, saldi e uniti tra voi in Cristo Risorto, alla meta portando con voi tutti quanti vorranno seguire le vie tracciate dal Signore Dio Nostro.


Pace sia in voi, creature al servizio, e la pace nel cuore non vi verrà tolta perchè impressa da Lui, Gesù Redentore, ai suoi fedeli discepoli.
Il tempo ora si va schiarendo, il Tempo di Dio si va avvicinando alla resa totale delle forze in campo; la coscienza del mondo ancor non dà segno di risveglio totale, occorre perciò che agiscano le forze e la Misericordia divina usi tutte le armi per arrivare ai cuori freddi della gente.
O quale sventura si abbatterà su quelli che sono ostili alle Forze Celesti; o quale paura essi avranno e noi, miseri servitori, possiamo pregare perchè la rabbiosa reazione non faccia altri danni.

“Padre Nostro che sei nei cieli,
poni tutta la Tua Misericordia per attutire
i danni che ancor questi produrranno.
Sia fatta la Tua Volontà! Amen”

... Io vengo tra voi, creature, per darvi il conforto di sapere che la scure della giustizia divina onn si abbatterà su di voi, ma oggi è necessario che il mondo capisca. Il male non può più dilagare impunito: da oggi tutto quel che farà si ritorcerà contro gli stessi operatori di iniquità. Così ha stabilità la Giuastizia di Dio Padre onnipotente.

Sarà invece risparmiata la sorte più atroce ai piccoli e agli innocenti, così cari agli occhi di Dio Padre, Madre e Figlio, perchè interverranno le Forze Celesti a portarli in salvo.
O sì, sperate che la Luce venga presto a illuminare tutte le genti; o sì pregate per questo proposito e vegliate pregando e invocando la Misericordia di Dio su tutti quanti. Io, il Signore Dio vostro l'ho detto e affermo di voler giudicare soltanto coloro che, dopo tutto quel che sarà, non si pentiranno.
Agli altri, che s'inginocchieranno, rioserverò la Misericordia del Padre che mi fece dire al ladrone pentito: “Oggi sarai con Me in Paradiso”.

E voi, creature al servizio, non abbiate paura, Io sarò con voi e non vi abbandonerò un istante.
Pace a voi, miei soldati. Pace a voi, creature oranti. Pace a voi, miei servi fedeli, Io avrò con voi tutta la Misericordia infinita del Padre al momento del giudizio finale, se avrete la perseveranza della fede provata. Pace a voi!
Io sono il Signore Dio vostro, inchinatevi per la benedizione solenne... che vi accompagnerà nei giorni a venire +++ amen, amen, amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Rimanete in Me, rimanete nel mio Amore! 18/10/2005

... O creature, lasciatevi amare, non voltate le spalle per andar via da Me, non sareste felici, non potreste più andare ad annunciare la Verità alle genti e vi comportereste come quei farisei che venivano meco soltanto per criticarmi e, infine, per condannare il Salvatore.
O sì, cuori miei, quante volte ho subito il martirio del cuore; quante volte son stato tradito; quante volte rifiutato e disprezzato. E ancor oggi questo avviene in quelle terre che videro per prime la Grazia diffondersi ad opera dei Miei Apostoli.

O sì, cari, ancora Io provo dolore nel mirare tutto questo, nel vedere la carità languire, nel constatare le divisioni... E come fare per rimediare? Ancora una volta Io dico a voi Miei discepoli, di pregare per l'Italia, l'Europa, per coloro che governano le nazioni senza lo slancio dell'apostolato dedito soltanto a fare il bene comune.
O sì, pregate e Dio avrà pietà di loro. E pregate Maria consegnandole – con l'Atto di affidamento del Mio Papa Santo – ancora una volta l'Europa ed il mondo intero...

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

GESU' spiega la notte più buia dei tempi 31/8/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.
O sì, cuori miei in ascolto della Parola vibrante d'Amore e di Perdono verso tutta l'umanità incosciente.
Veglierò su di voi, creature mie, non vi abbandonerò un istante, ma vi devo annunciare che stiamo per entrare nella notte più buia dei tempi che vedrà cadere baluardi di alterigia e cupidigia, vedrà inveire per la rabbia, vedrà ancor più soffrire tanta umanità innocente; vedrà anche lo scempio verso la Vita e la Natura.
Sembrerà che non vi sia più senno, rispetto, amore, ma non vi lasciate turbare: tutto quel che accadrà servirà al trionfo della Luce nel mondo.

O sì, creature mie, il parto si avvicina:
La partoriente – la Terra – è già tutta dolente
e le doglie si van via via ravvicinando.
Ella soffre e si dibatte e invoca il suo Dio
che l'ha creata. Ed Egli risponde e le dice:
“Calmati! Calmatevi acque,
calmati fuoco, calmatevi venti, calmati terra.
Tutto verrà condotto a compimento e
risorgerai “Paradiso dell'Eden”, così come eri nata,
così come era stato previsto. Calmati...
Apri il tuo ventre e, fecondata dal tuo Signore,
offri alla Vita una nuova Resurrezione. Amen”.

Io sono venuto tra voi oggi per dare inizio a una nuova fase; voi farete intanto tutto ciò che vi ho detto perchè, ben lo sapete, occorre pregare per gli ammalati.
Questo è il compito più importante che vi ho assegnato! Ma nel contempo ho in animo di offrirvi in dono di partecipare agli avvenimenti di “ordine superiore”, per non lasciarvi nel dubbio e nel dolore di vedere un mondo perire senza una luce di speranza... Perchè nulla muore, ma tutto si trasforma e si rinnova ed Io, il Figlio – unito al Padre e allo Spirito Santo, assieme a Maria, ad Angeli e Santi e a tutti i redenti – lo sto rinnovando.
O sì, cari, pregate... ma non fatevi invischiare nel lamento di tanti che, ormai alle corde, dovranno capitolare. Accoglieteli e dite loro che tutto il Signore Dio vostro ha fatto per la loro salvezza e che, se vogliono essere salvati, la via da percorrere è sempre la stessa:

Pentimento, Perdono, Liberazione
della mente e del cuore da risentimento
e rancore verso le creature;
infine, pianto e benedizione.
E poi recarsi a fare una Santa Confessione,
così da poter ricevere la Mia Comunione,
il Mio Eucaristico Corpo che li nutrirà
e li feconderà, producendo – come ha detto
il Mio Papa Benedetto – quella “fusione nucleare”
che li renderà “luce” ai Miei occhi,
che farà loro gustare la Pace
e le meraviglie del Mio Amore,
che li renderà pieni di speranza ritrovata
anche per altri e così via...

Come voi ben sapete, Io voglio portarli tutti alla salvezza.
Questo va detto nei tempi di buio e sventura, ma sarete aiutati e protetti;
sarete amati ed accolti nella grande Famiglia della Mia Chiesa, come popolo di DIO! Vi amo tutte, creature, andate in pace a recare la buona novella alle genti.
Vi benedico nel nome della SS: Trinità, amen, amen, amen. + + +
IO SONO IL VOSTRO GESU'!

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

GESU' CI INCORAGGIA NELLA FATICA DEL TEMPO DI PROVA PER TUTTI 28/06/2005

sì, cuore mio, comprendo il tuo senso di perdita, ma nulla è perduto, lo sai che la vita riserva sempre delle sorprese e ti sorprenderai, te lo assicuro, e gioirai con lo Sposo e ringrazierai, loderai e riscoprirai tutto il Disegno con una chiarezza adamantina tale da poterlo narrare agli altri, a tutti quelli che ancora non riescono a mettere a fuoco le idee, dopo la scossa salutare che li risveglierà.

Stai pur sicura che non accadrà nulla di male, per cui dover piangere, se non di felicità. O sì, è in atto tutta la divina Misericordia e si prodiga incessantemente per offrire agli uomini della Terra l'opportunità di riscatto definitivo.
Coraggio, voi non siete stati scelti così a caso; così come tanti altri, avrete l'opportunità di raccogliere i disperati e i dispersi e di recare loro aiuto e sollievo.

O sì, cari, procedete con lena e vi ritroverete a fare la Volontà del Signore, sapendo di fare la cosa più giusta.

Pace a voi, creature, che seguite i Miei insegnamenti e pace in Terra a tutti gli uomini di buona volontà.

Andrete incontro anche a momenti di difficoltà, ma non arrendetevi mai, perché è da come reagirete che dipenderà la vostra vittoria sulle forze del maligno potere.

Coraggio, miei cari soldati, armatevi della corona del Santo Rosario e percorrete le vostre contrade così impoverite di luce di amore fraterno e versate - come se foste dei giardinieri - acqua fresca; laddove l'aridità del suolo persiste, aggiungete delle invocazioni appropriate e la luce a poco a poco ritornerà a illuminare le cose e le genti. Pace a voi!

Vi mando a due a due incontro agli eventi, ma non disperdetevi perché è nel gruppo, uniti e affratellati, che ritroverete ogni volta ristoro per le anime vostre.

Pace a voi, creature, Io sono il vostro Maestro di Vita e di Amore e vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen.

“Padre, Io ti consegno ancor questi miei piccoli
perché siano illuminati dalla Tua Santa Grazia
così come Tu illuminasti i discepoli del Cristo
quella sera del giovedì Santo.
Anche se poi ci fu uno che mi tradì, essi furono pieni
di amore e grati al loro Signore per averli prescelti.
Anche se poi fuggirono spaventati per il mio arresto,
in essi il ricordo struggente del momento di grazia passato
li fece ritrovare dopo ancor nel Cenacolo con Maria
a pregare, e così ricevettero lo Spirito Santo consolatore
e mi videro entrare e ascoltarono le Mie parole
con un'apertura alla comprensione profonda
che mai prima ebbero.
E così li mandai per il mondo ad annunciare alle genti
La buona novella di un Dio fattosi uomo
per la salvezza dei peccatori.
O sì creature, lodate il Signore Dio vostro che ha voluto
anche per voi la grazia dell'infinita Misericordia
che ha cancellato i vostri peccati e vi ha ridato la Vita eterna. Amen.”

Pace a voi, creature che mi amate, orsù andate e siate messaggeri di pace di buone notizie da parte del vostro Signore. Amen.!

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

AMATE GESU' NEI FRATELLI 27/06/2005

O sì, cuore mio, riconoscere di essere stati amati anche quando non ne eravate consapevoli è già un buon punto d'inizio ed è proprio vero: il Mio Amore vi ha sempre inondati della Sua Grazia ed ora che ve ne rendete conto, potete gioirne e ricambiarlo. Il modo che Io preferisco è sempre quello di amare Me nei fratelli, specialmente i più bisognosi.

E questo ora vi chiedo: di usare del Mio immenso Amore verso chi soffre o langue in condizioni pietose...

O sì, coraggio, non state a giudicare soltanto, lasciatevi coinvolgere, lasciatevi fare... sono Io che vi mando o che ve li fo incontrare. Offritemi la vostra pena per loro, offritemi il vostro partecipare alle loro dolorose vicende; son queste le perle preziose che Io raccolgo. E, mentre voi siete in ascolto dei loro problemi, invocate lo Spirito Santo, invocate il Mio nome ed anche Maria, e Noi ci prenderemo cura di quelle creature.

Siate vigilanti sui consueti ragionamenti; siate scevri dai pregiudizi... altrimenti la vostra non è carità, bensì ancora una volta ostentazione, che vi impedisce di amare veramente alla maniera del Cristo.

Io sono venuto anche per liberarvi e ripulire le vostre coscienze da questa sorta d'immondizia spirituale, che ancora sento albergare in tanti di voi, creature, perché vi voglio monde, con la veste bianca, senza macchia. Coraggio, offritemi di lasciarvi lavare dal vostro divino Maestro.

Così come lavai i piedi agli Apostoli quella sera, così Io vado oggi per il mondo a ripulir le coscienze già pronte e aperte, perché non si presentino alla mensa del Padre con vesti lacere o sporche... E sì, cari, dovete proprio ripulire le menti dai pensieri poco innocenti e divenire come bambini; così Io potrò completare l'opera, con le vostre lacrime purificate dalla Mia energia d'Amore.

Siate coscienti di vivere tempi straordinari, già ve lo dissi, e per essere consapevoli, dovete vivere senza sovrapporre immagini di vostri progetti, o piani complessi. No, cari, vivete ogni giorno la vita come se vi fosse il vostro Maestro accanto a voi per guidarvi e ispirarvi in ogni frangente o incontro. Così si attuerà il Disegno che vi è su ognuno di voi; così Io potrò prendermi cura di voi ogni giorno.

Salirete il vostro santo monte accompagnati da Mia madre e da Me e vi accorgerete di essere aiutati dal Cireneo e dalla Veronica, e vi affiderete tra le braccia del Padre, e vi sarà fatta ammenda di tutti i vostri peccati... così potrete presentarvi salvi alla meta... l'eterna vista di Dio!

Io vi accompagnerò, non dubitate mai dei Mio aiuto; Io vi starò accanto nel momento supremo del vostro affidare lo spirito a Colui che vi ama da sempre. E' l'eterna rappresentazione del mondo per la rinascita a nuove creature. Così la vita acquista senso compiuto!

Il passaggio, il transito, avverrà in modo dolce - non guidato dalla mano omicida dell'uomo - ma da Dio Padre Creatore, che vi accoglierà tra le Sue braccia.

Ancora una volta vi parlo così, perché abbiate coscienza che la vita in terra senza la morte non ha senso compiuto e perché sarebbe la dannazione eterna vivere senza l'Amore di Dio.

E la vostra scelta,ancor prima di nascere, è stata quella di percorrere tutta la via di risalita dalle tenebre alla Luce infinita, dove l'Amore regna incontrastato. Ma sappiate, cari, che senza l'umana esperienza non potreste nemmeno apprezzarlo appieno. Pace sia in voi!

Io vi amo e son pronto a immolarmi ancora per la vostra salvezza: fatevi santi e operatori di pace e avrete fatto felice il vostro Maestro di Vita, Gesù.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

GESU' CI ASSEGNA UNA NUOVA MISSIONE 25/06/2005

O sì, cuore mio, contemplando il Creato e vivendo il ruolo di Figlio del Padre Nostro e allo stesso tempo di Gesù Nazareno, Io sono arrivato a comprendere tutte le creature nei loro bisogni più intimi. No, non sono un Dio lontano e inaccessibile - lo hai visto anche tu iersera (ndr. in un gruppo di preghiera di Milano, sul tipo Rinnovamento dello Spirito, con un sacerdote col carisma di guarigione) .

Ebbene, Io questa Grazia la voglio riversare ancor più sulla Terra e sulla sua umanità che soffre nella prova.

Ecco perché ho istituito dei gruppi atti a favorire le guarigioni dell'anima, della mente e del corpo. E vorrei proprio che anche voi pregaste così per i malati, almeno una volta al mese, per ora.

Suvvia, coraggio, non ti ho mandato incontro a quella comunità così per nulla; trai esempio e adatta la preghiera e tutto il resto alle vostre esigenze e sarai sicura di aver fatto la Mia Volontà, perché v'è tanto bisogno di preghiera intensa e sincera, rivolta al bene degli altri.

O cari, gioite del dono, aspirate ai carismi più grandi, che non sono per voi soltanto, ma al servizio di tutta la comunità.

Pastore di anime e sostegno e guarigione dei corpi, così anche allora svolgevo il compito che il Padre mi aveva assegnato; e così sia sempre di più anche oggi che la Terra brulica di sofferenza.

E per far meglio la vostra missione occorre che vi diate da fare; sì, intendo proprio farvi diventare operatori di pace e guaritori di menti e corpi sofferenti . In tanti ormai siete pronti, suvvia, potete far diventare la vostra preghiera un vero momento di intensa partecipazione ed Io sarò con voi per proteggervi, per amarvi uno per uno, per donarvi Me stesso in una forma ormai collaudata.

Così esposto (nell'ostensorio) e dentro al cuore vostro, si attua una rete di Amore che si stende su ogni creatura bisognosa di cure... delle cure del Maestro divino, delle Sue mani che sono le vostre, del Suo gesto di benedizione che può essere del Sacerdote, ma anche se egli non fosse sempre presente, potreste ugualmente pregare e lodare, e intercedere presso il Padre, dopo aver invocato lo Spirito Santo di guarigione.

Ed Io sarò presente ovunque mi vorrete. Sempre Io accorro dove c'è un'assemblea di fedeli seguaci del Cristo Risorto.

O cari, svegliatevi e partite , il vostro tempo di apprendimento si sta avviando a diventare un tempo di messa in pratica della parola di Vita eterna. E la parola vi donerà la Grazia, ed il canto vi farà raggiungere l'ardore degli innamorati del Cristo e la vibrante energia dello Spirito santo opererà le meraviglie del Signore Dio vostro.

Orsù, coraggio, datevi da fare, armati della corona del santo Rosario, aprite le braccia e, allacciati, intonate dei canti; ascoltate poi la Mia parola, recitate le Ave Maria e, ripieni di Spirito Santo, fate poi le preghiere di guarigione che suggerii a suo tempo, ma che possono sorgere spontaneamente dal vostro cuore...

O sì, liberatevi dal timore, liberatevi per sempre dal vostro ritegno che, nella via spirituale vi frena e v'impedisce di osare di più.

Siate dei veri soldati di Gesù Cristo Risorto e andate ovunque vi mando a portare gioia e grazia e a ricevere altri insegnamenti di Vita eterna.

Vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen.

E pace in Terra agli uomini di buona volontà! Amen.

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

 

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

PADRE PIO, prete di Dio… 20/06/2005

…A sprazzi - è ben vero - ci si risveglia, così com'è avvenuto per tanti in occasione del referendum o della morte del papa; ma, vivaddìo, e poi? Il consueto vivere con le abitudini ben radicate, che impediscono di accendere i cuori, distoglie dal mettersi in gioco; e poi vi è dell'altro che non sto a raccontare... Ma io sono convinto che la Chiave d'accesso a dei cuori freddi, o semplicemente pigri, sia Lui e il Suo Amore elargito senza risparmio.

E se voi tutti, nel fare opera di salvataggio di anime in bilico, userete di quell'Amore che vi è stato donato così in abbondanza, non potranno che capitolare e divenire essi stessi apostoli della fede.

Orsù, operatori di luce, siate luce per gli altri, siate pace per gli altri, siate coscienza verso chi ce l'ha obnubilata, siate voce per chi non ha voce, come gli emigranti, e donate tutto voi stesse per la causa del trionfo del Bene nel mondo, ad opera del Nostro Divino Maestro.

Risvegliate le vostre coscienze, anime mie, ora a tutti io rivolgo l'appello: non son questi i tempi per riposare: siate ben desti e aperti anche ai segni che tra non molto appariranno nel cielo e dopo avrete il vostro daffare a rendere meno arido il terreno in cui siete immersi.

…Nostro Signore mi ha incaricato di dirvi questo: Egli sta preparando un grande Segno da dare al mondo intero. Pregate perché il mondo lo accolga e si risvegli al Suo Amore misericordioso.

Egli verrà ancora, non dubitate, ma quando Lui vorrà; intanto siate ben desti al richiamo d'Amor mattutino. Pace e bene! Vi voglio bene anch'io, parola di padre Pio.

LA PATERNITA' DI DIO

Ed ora vengo a te, cuore mio, per continuare a dettarti parole illuminanti sulla Mia Eucaristia, che vorrei donare a chi ancora non ne ha colto il valore di nutrimento per lo spirito, ma anche per il corpo. L'uomo non vive di solo pane...

Intanto vi dico che la natura della materia cosiddetta pesante, cioè del corpo che vi riveste, è anch'essa permeata del divin Soffio di Vita, perciò risulta inanimata e inerte quando l'anima lascia quel corpo. Ragion per cui - anche in vita - l'uomo non può fare a meno di rendere più spirituali i suoi giorni, e non governati soltanto da impulsi o ragionamenti opportunistici. Il suo senso della Vita sta scritto in lui, vuol emergere e non venir soffocato, se non a prezzo di una infelicità senza speranza.

La Volontà di Dio entra in atto quando si tratta di riscattare una creatura che si sta perdendo e spesso occorre che vi siano segni atti a far comprendere che esiste una verità trascendente, che può essere colta e dalla quale ripartire per riprendere la strada maestra.

Ancora l'uomo d'oggi non vuol intendere ragione ed è per questo che ho deciso d'intervenire e - assieme al Padre e allo Spirito Santo, con Maria e tutti gli Angeli e Santi - opereremo quel miracolo d'Amore atto a far credere che Dio esiste ed è tornato per aiutare ogni creatura a riconoscere, nel Segno, la Sua Paternità:

Pace a voi, creature! Io sono il Padre di tutte le genti
e sto aprendo le porte dei Cieli; per amor vostro
vi dono ancora Mio Figlio e la Madre...
fate che questa volta sia riconosciuto Salvatore
e Signore di tutta la Terra!
Così ho parlato, così l'Amore Mio potrà governare
e averla vinta sulle forze del maligno potere.
A voi la scelta!
Io sono il Dio vostro, Padre di tutte le genti. Amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

LA PARABOLA DEL PASTORE 16/06/2005

Padre Pio prete di Dio... Sì,cara figlia mia, conoscendo l'animo umano mi sovviene di narrarti una storia che potrebbe andar bene per il giorno del vostro ritiro:

Un dì, un pastore, che si recava col suo gregge in pianura, dopo aver trascorso i mesi estivi in montagna, volle fermarsi a riposare un poco dalla fatica e, mentre dormiva, dei ladri gli portarono via alcune pecore. Sulle prime egli non se ne accorse e riprese il cammino con il suo gregge.

Durante il percorso sopravvenne un temporale e dei fulmini gli uccisero altre pecore ed ebbe altre disavventure che gli procurarono ulteriori guai; anche uno dei cani e dei montoni gli vennero a mancare.

Arrivato che fu a destinazione, il pastore si avvide con dolore che il suo gregge era quasi dimezzato e delle pecore erano pure ammalate. M anziché imprecare contro la malasorte, egli si mise a pregare il Buon Dio chiedendo perdono se avea mancato in qualche maniera: per aver sottovalutato i pericoli e le fatiche del viaggio anche per gli animali a lui affidati.

Dio Padre lo ascoltava commosso in quanto il pastore non Lo aveva pregato per ottenere qualcosa, bensì Gli aveva chiesto perdono, cosciente di aver omesso di aver maggiore cura del gregge , e si sentiva umiliato e contrito per non esser riuscito a restare vigilante ed attento ai ladri, per non aver messo al riparo le pecore prima del temporale e per non averle curate prima che si diffondesse l'epidemia, che gliene aveva sottratte parecchie.

Infine il pastore fu perdonato per i suoi peccati di distrazione e presunzione e, come ebbe raggiunto la pace, si mise di buona lena a costruire un ovile sicuro, che non potesse esser preso di mira dai ladri.

Da quel dì non lasciò più scorrere i giorni indifferente a quel che lo circondava, pensando soltanto alla sua fatica per quella vita, ma vi prese più gusto e si concentrò nel mantenere in ordine il gregge: lo tosava con amore e lo nutriva meglio di prima, tanto che molte più pecore erano rimaste gravide. Ed al termine di quella stagione, che si era presentata così infausta, nacquero così tanti agnellini, da ricompensare il pastore delle perdite precedenti.

Egli aveva capito la sua lezione di vita e, oltre ad accudire il suo gregge, passava le sue giornate lodando e ringraziando il Signore per la Sua Misericordia.

Io sono certo che la lezione serve a tutti, se ci riflettete: vale sia per la Chiesa, tempio di Dio, che per le famiglie; per le nazioni e per gli ambienti di lavoro, cosicché se mentre si lavora, si prega mettendo Dio al centro dei propri pensieri, ben difficilmente potrà avvenire un disastro di perdite di fedeli.

Un esempio che calza anche per la nostra Chiesa, dove il Pastore (Giovanni Paolo II) è stato solerte e si è preso cura delle sue pecore, ed ecco che un fiume di fede sincera viene ora fuori, come tante primule a primavera. Ora i fiori e poi verranno anche i frutti succosi nella giusta stagione.


Cari, proseguite nel vostro cammino questo padre Pio vi seguirà curando che non vi sian dei ladri a disperder le pecore o che vi siano epidemie a stroncare la fede e le anime. Ma oggi voi, che siete al sicuro nella casa del Signore, potete e dovete, a parer mio, occuparvi di quelle disperse per via dei venti contrari o dei temporali; e magari anche andare a cercare quelle rubate dall'eterno nemico, per farle rientrare nell'alveo accogliente che come gruppo avete costruito.

Coraggio, datevi da fare e i risultati non verranno a mancare; prendetevi cura dei poveri emarginati della vita, accudite vecchi e malati, andate incontro a degli infelici e cercate - invocando l'aiuto di Dio Padre, di Gesù e Maria e dello Spirito Santo - di recare sollievo a tanta sofferenza. Pace e bene!

Vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen.

Padre Pio, servo di Dio!

Gesù verrà a te, cara, alla mezza ora solare; va' in pace alla Messa e offrigli tutta te stessa ed Egli riparerà la tua casa e riporterà le pecore smarrite all'ovile e ti aiuterà ad accudirle meglio di prima, affinché tu non ne perda più nemmeno una. Pace a te, cara.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

GESU' SULL'EUCARISTIA e Suo commento dopo il referendum e altri fatti accaduti nel mondo 13/06/2005

...Per la tua maturità spirituale occorre che tu sempre ti levi all'alba e ancor prima, onde ricevere le onde del Mio Verbo di Sapienza e di Luce infinita, con cui inondo la Terra, ma che è ancor privilegio di pochi, sentire.

Onde, dicevo, sonore..., onde d'Amore... onde di Pace... onde di Luce. O sì, tutto questo Io mando ai Miei discepoli attenti e obbedienti e vorrei proprio che voi tutti mi udiste e pregaste con Me e Maria per il mondo, ogni giorno all'alba.

Così uniti, troverete più forza e coraggio nel portare innanzi la vostra missione.

Per voi, oggi, ho in serbo un altro momento dedicato alla conoscenza profonda del Mio Corpo Eucaristico. Così, vi voglio condurre in seno alla sequenza che rivela all'assemblea dei fedeli l'Offerta e il Sacrificio che, da quella sera dell'Ultima Cena, si è perpetrato tra i Miei primi Apostoli della fede fino ad oggi durante la Messa.

Siate pienamente partecipi e rivivrete con Me quell'Offerta; sentitevi tutt'uno col vostro Signore e col Sacerdote e, coscienti di partecipare non soltanto ad un rito, possiate anche godere degli ultimi istanti in cui il Cristo si offriva ai suoi in pace e armonia, prima dell'arresto. Ora e per sempre così E'!

Io vengo ogni volta e il miracolo ognor si ripete, si rinnova, si riaprono i Cieli sopra ogni altare su cui vien celebrato il Mio Sacrificio... - e Padre Pio lo avea ben capito -, ma quanti Miei sacerdoti non vivono più così intensamente la santa Messa?

O cari, pregate perché ogni ministro sia cosciente di offrire se stesso insieme al Cristo, nel momento della Consacrazione del pane e del vino, che diventano poi Corpo e Sangue del vostro Divino Maestro. Così, nel compiere l'Atto supremo, così, nel corrispondervi appieno, così nel rivivere la Mia Passione e Morte, così la Resurrezione di ogni cuore e anima avviene, ogni volta.

O sì, cuori miei consacrati, voi che avete vissuto nell'avversione delle forze maligne, ora potete ben dire di aver navigato in mezzo alla tempesta e alle turbolenze della natura, ma vi state avvicinando ora ad acque tranquille e a sostare in un porto sicuro, sotto l'egida della Madre Nostra.

Venite al Santuario, venite e avrete degna accoglienza.
Voi che vivete la primavera dello Spirito,
voi che salite su per il santo monte recando sulle spalle
la vostra croce,
voi che gemete come Io feci sotto i colpi pesanti
delle vicende di vita,
voi, cari, che siete caduti più volte e che siete stati
anche rialzati dal Cristo, che si è fatto cireneo per voi,
e da Maria, che si è fatta Madre per voi...
dalle donne, che hanno pianto con voi
e dalla Veronica, che vi ha asciugato il volto...

O sì, creature, tutto questo Io ho voluto fosse fatto a voi, che avete scelto Me come vostro Maestro di Vita e d'Amore.

Or tutto questo si rinnova per altri e a voi chiedo di essere lì, ai piedi del Calvario, aspettando degli altri poveri della Terra avvicinarsi, portando la croce pesante dei propri fardelli e, pietose - soffrendo con loro - avvicinatevi e offritevi di sollevarli almeno di un poco.

O creature, che mi avete affidato la vostra vita, siate soldati di Gesù Cristo Risorto e portate a tutti la lieta novella che, dopo il sacrificio, la grazia della rinascita sarà anche in essi... e la lode sgorgherà spontanea dalla loro bocca e il cuore si aprirà... e piangeranno di gioia. O sì, consolateli ora e gioirete con loro dopo.

Così, cari, Io vi voglio, addestrati dal vostro Maestro ad andare incontro a chi soffre con la grazia dello Spirito Santo che ho infuso in voi in abbondanza, orsù, siatene certi, convincetevi e convincerete anche gli altri.

Io sono il vostro Gesù, Maestro di Vita e d'Amore!

Io sono il Redentore vostro e di tutte le genti e oggi abbiamo raggiunto un'altra tappa del lungo cammino che ancora l'umanità (tutta) deve compiere per giungere in vetta, ma vi dico: guardate ai segni sparsi lungo il cammino. Ieri, non solo si è avuto il responso di un fatto di rilevanza morale e sociale, ma si è pregato, vi è vegliato e marciato e, in tutto il mondo, si è avuta coscienza del dolore che pervade, da oriente a occidente, i poveri della Terra. E anche dai potenti di turno si è avuto un segnale, con il debito dei paesi poveri cancellato.

O sì, cari tutti, il Mio Cuore si è commosso e la Grazia ha prevalso sull'ingiustizia.

O sì, lodate e benedite il Signore Dio vostro, che ha fatto Cieli e Terra e oggi vi ha riconosciuti eredi di un mondo che si avvierà a migliorare le sorti dei poveri della Terra e si riscatterà dalle tante ingiustizie e crudeltà perpetrate finora.

Orsù, coraggio, pregate e lodate e la Benedizione di Dio Padre onnipotente, di Dio Figlio sempre presente e di Dio Spirito Santo consolatore, scenderà su di voi e sulle vostre famiglie.

Andate ora ad annunciare alle genti la buona novella che Gesù governa la Terra ed i suoi Elementi e che Satana è stato asservito a far volgere in bene le sue opere di maligna natura... ed un dì verrà relegato per sempre nelle basse sfere, ma per ora anch'egli serve, in tutto e per tutto, la Mia causa.

Sappiate vedere oltre le normali apparenze e ve ne renderete conto anche voi, creature al servizio. Possa lo Spirito santo irrorarvi di saggezza dell'Eterno. Chiedete, invocate i Suoi doni di fortezza e sapienza e vivrete nella gioia di saper discernere il bene anche dentro ai meandri delle tenebre. Pace a voi!

Io sono il vostro Gesù Nazareno, ancora tra voi per istruirvi in vista dei grandi sovvertimenti che avverranno a breve... e voi sarete chiamati a spiegare alle genti la Verità,che si farà strada anche tra i più obnubilati e refrattari all'Amore Mio e del Padre.

Intanto pregate e adorate il Signore Dio vostro, racchiuso in quell'Ostia, prigioniero per amore in un lembo di terra, esposto alle ingiurie e al vilipendio sulla Croce; rifiutato e reietto dagli uomini senza fede e preda dei furori di Satana, ma sostenuto dai Cristiani rimasti fedeli alla Croce, senza compromessi, senza ambiguità, senza mire di potere, spogliati di tutto, fuorché della croce che portano innanzi per la salvezza di altri.

E quanti oggi sono con Me: in ogni sofferente vi Cristo che soffre e in ogni dolore vi è una Madre ai piedi della Croce. O sì, quest'opera di riscatto salverà molti altri che ancor tradiranno e scapperanno, ma il Signore sarà pronto ad accoglierli e a perdonarli, così come fece col buon ladrone nell'ultima ora.

Pace a voi, creature, andate e portate frutto alla vigna del Signore, amen, amen, amen. + + +

 

Sì cara, tutto quanto hai scritto è stato voluto e dettato da Me con la potenza dello Spirito Santo. In grazia della sofferenza patita nei giorni addietro, tu hai salito un pezzo di monte Calvario con Me, per la salvezza di tanti. Va' cuore mio, a ricevermi nella Santa Specie e vibrerai con il Signore tuo Dio d'amore per gli altri.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

GESU' ANCORA CI ISTRUISCE PER AIUTARE CHI SOFFRE 09/06/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cierlo e della Terra.

… O cari, vi chiedo di pregare per tanti Miei prelati (sì, ho detto così) che cedon le armi e si accasciano di fronte agli ostacoli.

O sì, la volontà non venga mai meno perchè arretrare vuol dire allontanarsi da Me; e a volte succede anche tra i miei fedeli seguaci.

Io vi invito a fare cerchio d'amore, a stare uniti tra voi, a bandire incertezze e paure, a offrire voi stessi per la Mia causa, per servire il Signore Dio vostro.

E vi assicuro che non avrete mai a pentirvene.

Pace sia in voi, luce sia in voi, amore sia in voi per la salvezza di altri:

- ogni offerta d'amore varrà a salvare un peccatore;

- ogni serena accettazione di pesanti fardelli contribuirà anch'essa alla salvezza di un naufrago della vita;

- ogni piccola perla d'amore verso il vostro Signore, così come ogni vostra preghiera che sgorghi spontanea dal vostro cuore e dalla vostra bocca, sarà come una rugiada che Io raccoglierò e donerò – con il Mio apporto d'Amore – a chi soffre.

Offritemi tutto – anime Mie consacrate – offritemi il vostro cuore ed Io ne farò un vero capolavoro di carità operosa.

Ora che la riflessione è avvenuta, vi ho già messi al lavoro… sì, vi sembra che questo sia un tempo per riposare?

Allora voi dovreste proprio tentare di vivere secondo il ritmo che Io vi ho impresso: a partir dalle Lodi di primo mattino, e andare alla Messa e pregare per chi soffre, e poi visitare dei malati e andare incontro alla gente – questo vale anche per chi è al lavoro – con il desiderio di portare con voi il Signore. Sì, il Signore anela di venire con voi ovunque, se Lo portate nel cuore, e la grazia in ogni circostanza non vi verrà a mancare. E i vostri pensieri si riempiranno di Me, anzichè di zavorra pesante.

O cari, bandite i lamenti inutili; siate sereni come dei bimbi innocenti, Io così vi voglio: bimbi innocenti, purificati dal Mio Amore fedele!

Coraggio, ne avrete ancora di battaglie interiori da vincere; questa ondata è servita a dei cuori in bilico ed ora ne sto raccogliendo e attirando a Me molti.

Abbiate fiducia nel vostro Signore; abbiate la fede ardente e sincera, rivolta al bene comune, e abbiate la coscienza di servire – in ogni momento – il vostro Signore, domandandomi più spesso: «Signore, cosa vuoi che io faccia in questo frangente?» ed Io farò sorgere in voi ispirazioni e soluzioni insperate.

O sì, lasciatevi guidare da Me che son la Saggezza infinita del Padre e invocate lo Spirito Santo, veicolo dell'Amor Nostro. Pace a voi, creature!

Io sono il vostro Signore e vi benedico nel nome della SS. Trinità, Fonte inesauribile di Luce e d'Amore, amen, amen, amen.

E noi rispondiamo:

Sia fatta la Tua Volontà, Signore.
Noi ti lodiamo e ti benediciamo
e saremo tuoi servitori fedeli
per sempre! Amen, amen, amen.

Pace e bene! Vostro Padre Pio, servo di Dio! Amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

GESU' CI VIENE INCONTRO NELLA FESTA DEL SUO SACRATISSIMO CUORE 03/06/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

O sì, cuori miei innamorati del vostro Signore, Io vengo a voi con l'ardore del Cuore Mio Immacolato e pieno d'Amore per ricolmarvi tutti di gioia, di pace, di luce.

E se talvolta stentate a sentirmi, non vi turbate, ma sappiate che Io sono sempre nei vostri cuori e aspetto soltanto che in un momento di pausa da ogni affanno del mondo, voi veniate a Me e mi rivolgiate un pensiero, un sospiro del cuore, una parola d'amore perché Io mi manifesti a voi così intimamente.

Ora voi mi appartenete, consideratemi pure il vostro Amico preferito, o il vostro Fratello, o lo Sposo per tutte le anime sole e abbandonate; Io sarò per voi come vi pare, ma onoratemi come il vostro Signore e Maestro di Vita eterna. La volontà non vi venga meno.

Vi parrà strano che, dopo aver tanto taciuto, ora Io vi parli, ma non vi ho mai abbandonati, vi ho studiati però e seguiti... e, vedendo che il desiderio era in voi, e non solo una blanda curiosità, ho voluto di nuovo concedervi la grazia della Mia parola. Ma, cari, d'ora in poi badate a non rendere vano il dono, poiché sarete magari avversati - oh, non dico perseguitati, non è per voi questo -, ma sempre, chi opera nel Mio nome, vien messo alla prova.

Ma voi, ora armati come siete del Mio sigillo d'Amore (la Consacrazione) sarete in grado di vincere ogni attacco con l'Amore del Mio Cuore Immacolato impresso nel cuore vostro.

Coraggio, cari, vi infondo fiducia, confidate in Me e totalmente affidatevi ai Nostri due Cuori: il Mio e quello di Maria, la Madre Mia e vostra, e non avrete nulla da temere.

La Verità si sta facendo largo tra mille difficoltà, ma avanza. Ora la gente si domanda e si schiera, ma un dì si ricrederanno anche le folle degli scettici e refrattari e vi abbraccerete e ritroverete la pace e l'armonia; ve lo prometto!

Io sono il vostro Signore e vi chiedo di mantenere alto il vessillo della Croce di Luce.

Sarà il segno che apparirà in cielo a confermare, per voi, e a far capitolare coloro che ancora non credono ad onta dei segni che già, numerosi, son stati sparsi nel mondo in questi ultimi tempi.

Pace sia in voi che mi amate; andate cari con la Mia benedizione solenne, per mano del Mio Sacerdote, inchinatevi per riceverla secondo la formula dei tre amen....

(Sì, ho detto così, il Mio caro Don R. lo sa, diteglielo prima, che vorrei una benedizione solenne nel giorno dedicato al Cuore Mio Immacolato.)

Pace a voi e pace in seno alla famiglia dei Miei Sacerdoti a Me Consacrati, che pure mi onoreranno solennemente. I loro confratelli dal cielo li benedicono e li aiuteranno. Pace, pace, pace! Io sono il vostro Gesù! Javé, Javè, Javé, +

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

IN OCCASIONE DELLA CONSACRAZIONE AL SACRO CUORE DI GESU' 01/06/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

Con sempre maggior consapevolezza di servire il Signore Dio vostro, Io vengo ancora a recarvi la Mia parola:

nel rivedere i vostri trascorsi, mi son reso conto che in voi tutti vi è stato un gran cambiamento, e di questo Io sono contento.

Anche se so benissimo quanto cammino vi resta ancora da fare, Io vi dico che siete già a buon punto… di partenza, per andare oltre il vostro attuale modo di vivere e di pensare, per posizionarvi su di un sentiero che – pur non impedendovi di vivere la vostra vita quotidiana ove voi siete inseriti – vi porta a divenire Miei veri apostoli della fede. Perché voi siete pronti, Io lo sento, Io lo vedo, ma ancor faticate a rendervene conto.

Ed Io son qui per questo e per rafforzarvi in vista di altre e ben più dure battaglie da fare in Mio nome.

Orsù, coraggio, con l'Atto di Affidamento e Consacrazione al Mio Cuore Immacolato, voi riceverete un altro sigillo di luce, che vi imporrò con la Mia Eucaristia. E la vostra apertura e il desiderio di compiacermi diverranno più forti e la volontà non verrà meno.

Io spero che anche la vostra coscienza si espanda a comprendere di più gli altri e anche in famiglia voi siate coscienti di svolgere un ruolo importante: sì, cari, Io ho assegnato a ciascuno di voi la missione impegnativa e importante di condurre in porto sicuro la vostra famiglia, dove tutti i suoi componenti si affranchino all'unica vera ancòra di salvezza per la Vita eterna: la Croce di Luce!

Rileggete, meditate, pregate e partite per compiere la vostra missione nel mondo, voi tutti ne siete degni.

Ed ora ricevete la Mia benedizione attraverso il Mio Sacerdote, che ho voluto fosse presente in questa solenne occasione…, nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, amen, amen, amen.

Pace a voi! Padre Pio verrà ancora a istruirvi, mentre alla mia sposa di giugno Io chiedo di esser presente all'alba per continuare nel libretto d'Amore della Mia Eucaristica presenza tra voi sempre.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Padre Pio ancora ci esorta a divulgare la Parola di Dio 01/06/2005

Sì, cari figli miei, lo so che vi sentite un po' abbandonati, ma la Misericordia del Signore è grande e a tutti concede di rivedere se stessi e di andare incontro al Suo Amore.

Il pensiero di questo povero prete di Dio è questo: voi dovreste di più concentrare le vostre forze per divulgare la Parola di Dio che vi è stata donata così generosamente perché, nel frattempo, il mondo si è ridestato, o si sta ridestando, e voi non dovreste essere colti impreparati di fronte al dilagante bisogno di credere, a dispetto di coloro che vi si oppongono ancora.

Prete di Dio sa quel che dice e vi chiede ancora se siete disposti a mettere in gioco tutto voi stessi per questo compito che Egli vi ha affidato.

In fondo il vostro Atto di Affidamento, o di Consacrazione, implica che vi sentiate chiamati a diffondere la Sua Parola, innanzitutto quella del Suo Vangelo di vita vissuta, e poi anche quella ricevuta in Spirito e verità sotto l'egida dello Spirito Santo.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

ONORATE ANCHE IL SUO PREZIOSISSIMO SANGUE 30/05/2005

Padre Pio: Sì, cari figli miei, riconosco la vostra buona fede e volontà di operare al servizio di Nostro Signore… solo vorrei aggiungere questo:

Il giorno primo luglio siate (nel senso: rendetevi) liberi di onorare il Sangue Preziosissimo di Nostro Signore Gesù Cristo e per far questo recatevi in un Santuario o Chiesa o Basilica dedicata al Suo Preziosissimo Sangue, anche se fosse un po' fuori mano, fate come vi ho detto. Pace e bene!

ed ancora:

L' umiltà è alla base di ogni cammino nella vita spirituale

e poi l' obbedienza … e infine la santa pazienza di saper aspettare fiduciosi, perché Dio è un Padre buono e ci ascolta. Pace e bene!

Padre Pio, servo di Dio

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Egli non vi lascerà soli... 23/04/2005

Sono Padre Pio, prete di Dio, ti benedico nel nome del padre, del Gesù Cristo e dello Spirito Santo, amen.

Sì, cara figlia mia, Gesù è salito al cielo e si è assiso alla destra del Padre; ma, come già detto, non vi lascerà soli: vi manderà lo Spirito Santo e sarete infiammati da Lui.

O cara, non ti sentirai abbandonata:

Egli non parla perché tutto è già stato detto,
ma non lascerà dei cuori che ardono per Lui, o no!
Allora offri te stessa... e ogni lacrima... sia per Lui,
ogni sorriso... sia per Lui, ogni calice amaro...
sia un'offerta a Colui che ti ha redenta
e ti ha donato tutto Se stesso.
Porgi la mano a chi ti chiede aiuto,
dona amore a chi non sa cosa sia veramente,
apri il cuore a cuori chiusi in se stessi per difesa,
per sfiducia, per timore di essere offesi...

O sì, cara, tutto si può ancor rimediare, perchè c'è ancora tanto, ma tanto da fare e allora al lavoro... non li ha mandati a due a due sin da quel tempo, dopo la Sua Ascensione? Ebbene, quel tempo ancor si ripete: è un tempo di Grazia e Misericordia; vivetelo con gioia e donate a tutti l'annuncio che il Regno di Dio è vicino ed è già tra di voi che lo avete accolto. Pace e bene!

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Il significato del “Tutto è compiuto!” 20/04/2005

Padre Pio: Sì, care figlie mie, il “Tutto è compiuto!” si può proprio applicare anche alla nomina del nuovo Papa, vicario di Cristo in Terra e la Sua infinita Misericordia non mancherà di ricadere beneficamente su tutta l'umanità nella prova.

Pace e bene!

Ed ora ascoltiamo insieme Gesù nostro Redentore:

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra, e vi annuncio la novità che da ieri ha percorso, come un fremito, tutta la terra, irrorandola di Spirito Consolatore e ridonandole la figura del Papa, della quale tanti hanno così grande bisogno per accogliere il Signore.

Io sono venuto anche stamani a voi incontro, creature oranti, per donarvi ancora Me stesso, ma vi annuncio che d'ora in poi la Mia venuta tra voi sarà preannunciata dal Mio servitore fedele Padre Pio, Santo di Dio, per le occasioni in cui vi donerò istruzioni.

Siate coscienti di vivere un tempo straordinario; siate vigilanti sulle tentazioni e siate consapevolmente aperte a fare la volontà del vostro Signore, che continuerà a parlarvi nel cuore.

Il Mio Cuore è il centro d'irradiazione d'Amore verso tutti gli uomini e, a quelli di buona volontà, Io chiedo di fare vuoto mentale per favorire l'ascolto interiore.

Il vostro bisogno è questo: voi ancora non siete dentro all'ascolto del vostro Signore; voi credete di esserlo, talvolta ci riuscite, ma talaltra annaspate. Allora vi dico: entrate nella porta stretta, offrendo voi stessi con tutta l'anima, il cuore e la mente ci riuscirete.

Ma se continuerete a vivere così come state vivendo: incerti, intimoriti, obnubilati e incoscienti di vivere tempi davvero straordinari - in cui la potenza dello Spirito Santo opera a tutti i livelli di comprensione - non potrete ritrovare la via della salvezza.

O popoli Miei, o popoli tutti,
Io vi dono ancora Me stesso per portarvi oltre
le vostre misere offerte, oltre i vostri limiti
imposti ad altri per credere di essere capi.

Io vi domando ancora una volta,
ma lo farò mille volte nel cuore vostro:
“MI AMI TU? MI AMI TU? MI AMI TU?
E alla vostra risposta, Io darò l'investitura che meritate.

O anime Mie Consacrate, riponete in Me
la fiducia, Io sono il Signore Dio vostro
e mai vi abbandonerò un istante,
ma ora si entra in un tempo che, dopo
la Grazia e la Misericordia riversate
su di voi tutte in abbondanza, richiede
fermezza, apertura di cuore, attenzione
ai Segni del Cielo e ascolto interiore
del vostro Signore e Maestro di Vita.
Per crescere come cristiani occorre fatica,
costanza e amore alla preghiera.

Oh, non basta fare, Io chiedo
che la preghiera accompagni le opere,
così come lo faceva San Benedetto,
ora protettore del Mio e vostro Papa.

Ora andate e annunciate alle genti che
la Misericordia di Dio ha pronunciato
questa sentenza... di Vita e di Luce eterna!
Io sono il vostro Gesù Nazareno,
Io sono Javé, Io sono il Dio dei vostri padri
Io sono l'Amore del Padre, che ancora
voi stentate a riconoscere e ad amare.
Io allora continuerò incessantemente
a chiedervi ancora: MI AMI TU?

Questo è il Mio modo di riparare le offese
al vostro Signore; questo è l'Amore Mio
che si dona completamente...
E allora: PASCI LE MIE PECORELLE!
Così dissi a Pietro, così oggi Io dico a Giuseppe.

Pace a voi! Vi benedico nel nome della SS. Trinità,

amen, amen, amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

L'importanza della Consacrazione 18/04/2005

O sì,. cuori miei in ascolto, vi comprendo e vi amo per la vostra promessa di restarmi fedeli sempre: nella gioia e nel dolore, nella vita e nell'ora della morte, vi sia dato di corrispondere al Mio richiamo d'amore e sarete ammessi alla mensa del Padre.

Così avete compiuto il percorso iniziatico che feci compiere ai Miei Apostoli, prima di mandarli nel mondo a recare la lieta novella del Vangelo di Gesù Cristo.

Ebbene, mie care discepole attente e obbedienti, Io vi dico che ora potete tirare un respiro e sospiro, perché il Mio Sacerdote ha modificato il suo pensiero su di voi; ma non pretendete che ve lo dica. Verrà il tempo in cui troverete confidenza in lui e apertura di cuore reciproca.

A te, mia cara sposa e ancella scrivente, consento di pormi delle domande (ndr. sul consacrarsi totalmente a Gesù) :

Tu l'hai capito, e gli altri?

Occorre davvero che ci si ponga nella richiesta di servizio al Signore in modo totale, senza tergiversare, senza ripensamenti, senza compromessi: Solo così si può servire utilmente. Parecchi ci provano, ma pochi raggiungono la vetta della perfezione.

In questo mondo vi è un tal crogiuolo di tentazioni che è ben difficile risalire la china. Ma Io non dispero mai di trovare anime che Mi si vogliano consacrare in modo totale: nella mente, nel corpo e nel cuore. Così si può dire di appartenere al Signore Dio vostro.

Per il resto non giudico di secondario rango l'appartenenza alle famiglie del mondo, ma si tratta di scelte, di fare delle scelte definitive e poi l'aiuto a mantener la promessa non mancherà.

Io ho bisogno di soldati, ho bisogno di anime a Me consacrate per poter operare e far trionfare il Bene nel mondo. Gli esempi che avete or visto o sentito (ndr. la fraternità di S. Giuseppe) , appartengono già a questa realtà che potete far diventare anche vostra.

Se la vostra consacrazione al Cuore Mio immacolato vi sembrerà l'occasione per rafforzare l'alleanza e l'intesa perfetta col vostro Signore, Io sarò ben felice di venirvi incontro per abbracciare i Miei fedeli soldati di ritorno da un tempo di guerre interiori che, stremati, hanno bisogno di riposare nel Mio Cuore d'infinito Amore.

Ora mie care, raggiungete gli altri: è tempo di unirvi a tutti quelli che vi vengono incontro e l'unione sia sempre di più sotto il nome di Gesù Cristo Risorto. Pace sia in voi che mi amate così!

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Un atto di fede, un gesto... 17/04/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del cielo e della Terra.

O sì, cuori miei in ascolto della Parola di verità eterna e saggezza universale.

Ora che l'ascolto si è fatto più attento e profondo e la volontà di comprendere si è ridestata; la storia dei giorni nostri ancor si ripete e la consapevolezza che il destino della Terra e dei suoi abitanti è nelle vostre mani (ndr. dei cristiani), vi fa diventare

attenti a cercare ognor una soluzione.

O sì, cari, ben venga che la coscienza del mondo si ridesti del tutto: questo è l'auspicio, questa è la speranza nostra, e ve lo dimostreremo ancor di più strada facendo.

Il movimento d'Amore che attraversa ogni cellula del Mio Corpo mistico che è la Mia Chiesa, si farà sentire e vedere su tanti fronti; e la gente non credente, non potrà più ignorare l'Avvento di Luce nel mondo.

Orsù, coraggio, abbiate sempre di più l'ardore degli innamorati del Cristo; osate sfidare le leggi che ancora governano le menti e le sottraggono alla Verità dell'Unica Realtà, Gesù Cristo, che le può portare alla salvezza.

Io vi chiedo un atto di fede che sia condiviso da tutti;
un atto, un gesto che accompagni ogni cuore e ogni anima
e li faccia sentire partecipi... così com'è avvenuto
in relazione alla dipartita del Mio Papa Santo.

L'Amore Mio e del Padre, unito a quello di Nostra Madre,
vi avvolga e vi plachi, vi doni sapienza e giustizia e,
illuminati dallo Spirito Santo, andrete sereni
incontro agli eventi.

Io vi preannuncio che vi saranno ancora giorni funesti,
ma intramezzati da giorni di Luce nel mondo,
fino alla fine di questo tempo di Grazia e Misericordia.

Poi avrete in voi la certezza che non vi ho abbandonati
perché mi mostrerò nella gloria dei Cieli... e l'esultanza
sarà immensa... e voi sentirete di aver collaborato...
e vi abbraccerete... e vi comprenderete... finalmente uniti.

Sì, voi tutti, Miei seguaci di Gesù Cristo,
sarete un solo popolo e vibrerete come
un cuor solo e un'anima sola.
Allora anche i Miei fratelli di nascita,
si ridesteranno dal lungo sonno di morte e
riconosceranno il loro Messia tanto atteso.

O Madre Mia, comprendili tutti
nel tuo amore materno e portali a Me.

O Padre Nostro che sei nei Cieli, benedicili
e amali, son tutti Tuoi figli.

Io mi offro ancora per essi e ti consegno
tutto Me stesso per la loro salvezza.

Ora e per sempre così E'!

A voi, creature mie, che ascoltate la Mia Parola e la raccogliete per portarla alle genti, dico: abbiate in voi la certezza che quanto avete udito e scritto è Verità eterna immutabile nei secoli dei secoli.

Siate fedeli ancelle del vostro Signore e la benedizione del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo scenda su tutto il gruppo alla sequela del Mio Sacerdote, amen, amen, amen.

Io sono il vostro Maestro di vita Gesù Cristo! Amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

La grande Famiglia della Chiesa 12/04/2005

...Ora procediamo speditamente a completare il libretto, che vorrei donare alle genti, sul significato di appartenenza alla grande Famiglia della Chiesa, Madre e Sposa Mia diletta.

O sì, cari, anche se non tutti hanno potuto sperimentare l'Amore che ho profuso in essa, il Mio corpo mistico è la Chiesa, il Mio sangue versato è nella Chiesa:

ove si celebra ogni giorno il Mio Sacrificio nella Messa; ove anche il pane, inteso come sostentamento dello spirito, vi viene donato a piene mani; ove l'anima in pena, o penitente, riceve il conforto della riconciliazione e il lavacro dai propri peccati.

Ove le creature che si affacciano alla vita ricevono, col Battesimo, la veste bianca, come pure i cresimandi ricevono il Mio imprimatur di soldati di Cristo.

O cari, tutto questo, assieme agli altri Sacramenti avviene per mezzo della Mia Chiesa e sta a voi, popolo mio, comprenderla e amarla, anche quando non trovate in essa accoglienza calorosa e rifugio.

Oh, non giudicate subito con disprezzo quei Miei sacerdoti che non corrispondono alle vostre aspettative, magari anch'essi soffrono o sono in crisi per ragioni che non conoscete. E allora vi chiedo di amarli alla maniera del Cristo; di accoglierli nel vostro cuore e di pregare per loro fintanto che non li vedrete uscire dalla crisi o accostarsi a voi con un sorriso.

Perché l'anima conosce segreti che la mente non comprende e se si prega per qualcuno, l'animo suo si risolleva ed è riconoscente.

Così vorrei che il cristiano vivesse nella Mia Chiesa: osando di più, partecipando di più e offrendo se stesso per il bene degli uomini tutti, sia quelli di Chiesa, sia quelli che ancor non hanno il coraggio di entrare a far parte della grande Famiglia, mentre il Padre Nostro da sempre li aspetta sulla soglia, pronto ad accogliere tutti.

Ora sta anche a voi riportare all'ovile le pecore smarrite, o meglio collaborare col vostro Signore affinché vi entrino e si prostrino a chieder perdono. Sarò Io, nella persona del Sacerdote, ad accoglierle e ad abbracciarle.

Credete, cari, che la Mia Chiesa trionferà nel popolo di Dio che si riunirà in Mio nome (ndr. una anticipazione si è avuta in occasione della morte del Papa), nel segno d'Amore che nel giorno del giudizio finale apparirà in Cielo.

E ricordatevi sempre che Io sono Dio di Misericordia e di Amore infiniti. Pace a voi!

Popolo di Dio, popolo mio,
popolo di santi e peccatori,
di eroi e di martiri,
di gente semplice e controversa,
tutti son chiamati a cogliere le primizie
dello Spirito rinnovato del Signore.

O genti lontane e vicine al cuore del Papa,
conoscerete le vie del Signore Dio vostro
e le Sue meraviglie operate per la
vostra salvezza.

O cari, sono il vostro Papa Giovanni Paolo,
vi giunga la mia benedizione unitamente a
Gesù Cristo, Redentore Nostro:
nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo...,
Andate incontro alla vita portando la croce
e avrete la vostra ricompensa in Cielo. Amen.

E le famiglie si riuniranno e formeranno una catena d'Amore Universale
Nazareth, Chiesa di S. Giuseppe, dinnanzi all'effige di Maria
Sono la vostra Madre Celeste, Madre dell'umanità!


O sì, cuore di mio Figlio Gesù, tu hai compreso il compito che ti ha affidato ed ora vorresti un poco di pace per te. Ecco, cara, la tua vera pace l'avrai quando avrai accettato e accolto nel tuo cuore tutte le creature, così come ha fatto Gesù, mio Figlio, che per Amore si è immolato per esse.

Io ti benedico e, assieme a Giuseppe, predico che le famiglie si riuniranno e formeranno quella catena d'Amore Universale che sosterrà la Nostra Chiesa.

E la pretesa di satana di volerle distruggere, ricadrà su di lui e sui suoi seguaci.

Io ti chiedo ancor di pregare e di invocare lo Spirito del Signore su tutte le famiglie d'Italia e del mondo, ed anche la tua si ritroverà più salda e unita di prima.

Io sono la Madre Celeste, Madre dell'umanità, e vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen.

Pace a te! Va ora a congiungerti al gruppo e prega per tutti coloro che hanno bisogno di conforto e di aprirsi all'Amore di Mio Figlio Gesù!

Va' cara... grazie per aver risposto alla mia chiamata. Amen.

Ndr. In data 25 aprile, da Medjugorie, la Madonna ha parlato delle famiglie, nel seguente messaggio:

Cari figli, anche oggi vi invito a rinnovare la preghiera nelle vostre famiglie; con la preghiera e la lettura della Sacra Scrittura entri nella vostra famiglia lo Spirito Santo che vi rinnoverà.

Così diventerete insegnanti della fede nella vostra famiglia.

Con la preghiera e il vostro amore, il mondo andrà su di una via migliore e l'amore comincerà a regnare nel mondo.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Il corpo glorioso del Papa 11/04/2005 (ore 13)

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

O sì, cuore mio, ti ho ascoltato e accolgo le tue domande: quella sul “corpo glorioso” del Papa (ndr. vedi messaggio 3/4/05) e anche quella in cui tu chiedevi istruzioni per il tuo prossimo pellegrinaggio in Terrasanta.

Ebbene, cuore mio, tu non hai male inteso le Mie parole; vi è un concetto diverso da Noi sul tema del “corpo glorioso” che viene portato al cospetto di Dio e inserito tra gli Angeli e i Santi. Ed il Papa lo ha meritato ampiamente.

Diverso è il concetto del corpo terreno che viene glorificato alla fine dei tempi ed è ancora sepolto sulla Terra; ma qui ci inoltriamo in un terreno che non ti vede così coinvolta. Mentre Io torno a ripetere che il corpo glorioso del Mio Papa Santo è già stato ammesso a vivere nell'eterna Luce del Padre, insieme a Me e a Maria.

(ndr. In un articolo di Antonio Socci, pubblicato su “Il Giornale” in data 6/4, Ivan, uno dei veggenti di Medjugorie, da Boston, nella sua quotidiana visione della Madonna, quattro ore dopo la morte del Papa, ha detto: “Il Santo Padre era accanto a Maria, appariva giovane, molto felice, aveva un vestito bianco con un mantello dorato. Entrambi sorridevano e Lei mi ha detto: “Il mio caro figlio è con me”.)

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Dio ha donato grandi segni perché il mondo capisca… 10/04/2005

Padre Pio… Nel momento presente occorre che le creature riflettano sul grande segno, o sui segni lasciati dal Padre Nostro affinché tutto il mondo capisca, a cominciare dai cristiani.

Ebbene, parlatene tra voi, tra un mistero e l'altro, meditate la Parola di Dio che vi è stata donata da nostro Signore.

Per giungere tutti alla salvezza occorre fare una onesta revisione del proprio vissuto, anche dopo la conversione iniziale e, oserei dire, ogni giorno, domandando perdono e aiuto a vedere ove si è sbagliato, e a cercare poi di porvi rimedio.

Coraggio, cari, andremo innanzi con lo sguardo rivolto al Cielo, dove ora il papa risiede e non dubitate che egli è già stato accolto tra i Santi nella gloria di Dio.


Ora tutto si sta svolgendo come previsto; non vi arenate su questioni di secondaria importanza, ciò che conta è che viviate momento per momento nella consapevolezza di far parte della grande Famiglia e nell'intendere la Verità che si sta svelando sotto i vostri occhi della vista interiore, ma anche nei fatti esteriori. Pace e bene!

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Padre Pio ci parla del Papa 09/04/2005

Padre Pio ... Quel Papa che tu amavi tanto è salito alla Casa del Padre Nostro, accolto da Gesù e Maria. Sono proprio contento di averlo potuto anch'io abbracciare. Egli mi ha detto, guardandomi diritto negli occhi:

“Tu, caro Pio, l'avevi predetto, tu avevi già visto tutto; ma io ti confesso che ho avuto paura di chiederti altro. So che tu hai pregato per me e ti ho sempre considerato un protettore dal Cielo. Grazie di cuore”.

... Il Cielo si sta riempiendo di grandi anime al servizio di nostro Signore e si sta svelando il Disegno di Dio sul destino della Terra. Non si avrà una catastrofe come quella già avvenuta, ma vi saranno tanti scossoni, che saran destinati a sconvolgere i più potenti e duri di cuore.

Ai piccoli, ai semplici non sarà riservata una sorte peggiore di quanto è già avvenuto, ma via via che in tanti prenderanno coscienza, vi sarà modo di aiutare anche i poveri della Terra.

...Il nuovo Papa sarà un degno successore..., ma ricordati sempre che è Gesù che deve contare perché la figura del Papa rappresenta Lui, anche se molta gente, che si è commossa, non l'ha ancora capito. Pace e bene!

... L'onda lunga del principe delle tenebre si farà ancora sentire, e la protezione della Madre Celeste, di Angeli e Santi, non verrà meno, ma anche a voi è richiesto di lottare a fianco di Gesù Nostro Redentore perché la lotta si farà sempre più dura. Io sono sereno perché so come andrà a finire, così pure siate anche voi tutti, miei cari.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Perché la Verità vien rivelata ai piccoli 09/04/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

O sì, cuore mio, ti aspettavo per donare a tutti la Parola dettata in Spirito di Verità.

Hai capito bene che lo Spirito soffia dove vuole e quando lo fa porta in Sé il significato profondo che l'uomo di fede ricerca e comprende.

Per ogni creatura che viene in contatto con lo Spirito, vi è un immenso lavoro ad opera degli Aiutanti Celesti. O sì, cari, voi siete oggetto e soggetto delle nostre cure e attenzioni... E non vi siete ancor chiesti il perché di tutto questo lavoro? Non vi siete posti la domanda: perché, Signore, tu nascondi ai potenti la tua presenza e la riveli ai piccoli? Altre domande vi sarebbero ancora da rivolgere al vostro Signore e Maestro, ma andremo con ordine, ad una per volta risponderò.

Ed ora vorrei spiegarvi il profondo significato di questa:

Ebbene, miei cari, quando si è così presi di sé - da non vedere altro che le proprie personali ragioni ed anche i problemi vengono visti sol come ostacoli posti sul proprio percorso verso il conseguimento del potere, oppure per mantenerlo - ecco che allora s'instaura una barriera mentale che impedisce di scorgere l'altrui verità.

E tutto si avalla per trattenere a sé quel potere, o per conquistarlo; la bramosia impedisce di vedere le ragioni degli altri; la coscienza non sente il richiamo di Dio; si attenuano i freni che inibiscono dal compiere atti malvagi o distruttivi... e così via.

E così, miei cari si allarga sempre di più il distacco dalla realtà e dalla Verità, che invece van ricercate e meditate ogni attimo per restarvi fedeli e mantenere la rotta.

Dicevo a Pietro queste cose mentre lo istruivo ed egli mi rispondeva: Signore, io ti resterò sempre accanto e fedele... eppure si è visto che quando ebbe paura non esitò a rinnegare il suo Amico e Maestro.

Io vi dico pertanto di diffidare dai compromessi, dalle giustificazioni facili, dal cercare di far coesistere il bene col male, perché non vi potrà mai essere una convivenza. Anche il Mio Papa Santo lo affermava spesso, che non si poteva fare a proprio modo, senza tener conto del bene degli altri, credendo perfin di operare in nome di Dio... Oh quale bestemmia verso DIO, che E' AMORE!

Ma anche dove vi sono ripensamenti e alibi inconsistenti per compiacere se stessi, si insinua subdolamente il maligno e la mente distorce realtà e Verità a proprio favore.

O cari tutti, quei cosiddetti sapienti, che non vengono illuminati dallo Spirito e non si lasciano plasmare da Me, sono dei cattivi maestri; e non riescono a cogliere nemmeno il vento della novità, della lieta novella, che giunge inaspettato e li spiazza...

Coraggio, anch'essi un giorno dovranno ricredersi, ma per loro sarà più difficile riconoscere di avere sbagliato; magari per l'intera esistenza si comporteranno in quella maniera, ma Io non dispero che almeno nell'ultima ora, essi riconoscano l'errore e convertano il cuore a chieder pietà.

Per questo vi dico che è ben difficile che qualcuno di essi si apra e si desti alla Verità, che ora sta aprendo e risvegliando tanti giovani e tanti cuori semplici a coglier la novità.

E Dio Padre, ben sapendo che cosa vi sia nel cuore e nella mente dell'uomo, sa come agire e sa anche che la Verità si farà strada dapprima nei piccoli, poi nei peccatori pentiti e, solo alla fine, nei più refrattari all'amore, i duri di cuore che, governati sol dalla mente e dal maligno potere, non recedono finanche di fronte alla più eclatante verità, per difendere con le più assurde ragioni il proprio modo di pensare e di vivere.

O cari, oggi bisogna invocare su di essi “Pietà!” e la Misericordia divina, al tempo opportuno li aiuterà.

Io vi ho detto la Mia Parola in pieno rispetto del vostro essere e della vostra libertà, ma siete anche voi avvertiti che si tenterà in tutti i modi di distorcere la Verità, perché non abbiate a sperare e a rivelare agli altri la buona novella che ridona pace e gioia alle genti.

Coraggio, la battaglia non è ancor terminata; si tratta ora di rafforzarsi in vista di altri eventi, ma sarete aiutati e sorretti dal vostro divino Maestro di Vita.

Andate in pace, andate ad annunciare alle genti che Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo sono totalmente protesi, insieme alla Madre Nostra e ad Angeli e Santi, su tutte le creature deboli della Terra per proteggerle dai colpi pesanti, che satana ancora tenterà di infierire per distruggere la Realtà e la Verità che in tanti hanno colto. Pace a voi, perché non ci riuscirà!

Io sono il vostro Maestro di Vita eterna Gesù Cristo, Salvatore e Signore del Cielo e della Terra! Amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Ora avete un altro Santo che dal Cielo vi protegge 07/04/2005

Roma, piazza S. Pietro, dopo la visita alla salma del Papa

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del mondo.

O sì, cuori miei, vi amo e vi apro il Mio Cuore Immacolato e pieno di Misericordia per tutti voi. Portate a casa, agli altri componenti del gruppo, le Mie parole espresse insieme al nostro amato Papa:

Che la volontà non vi manchi, voi siete i prediletti perché avete scelto di condividere la sofferenza di molti. Voi potete portare aiuto a tanti altri ancora, che oggi gemono per non aver compreso la potente iniezione d'Amore riversata sulla Terra e sulla sua umanità, attraverso il sacrificio d'amore del nostro Papa Santo.

Accanto a voi avete un altro Santo che dal Cielo vi protegge e vi ama, sappiate onorarlo come egli merita e la grazia dello Spirito Santo scenderà su di voi tutti...

...“Abbiate il coraggio di testimoniare l'Amore del Cristo. Sì, cari, sono il vostro Papa, che oggi vi ha benedetti da quassù e, come ha detto Gesù, vi proteggerò anch'io nel compimento della vostra missione. Pace a voi!

Vi benediciamo nel nome della SS. Trinità, uniti a Maria, la Madre nostra,

vostro Giovanni Paolo.”

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore vostro e di tutta l'umanità! Andate in pace e annunciate la lieta novella...

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Padre Pio e Gesù 04/04/2005

Padre Pio: Sì, cari figli miei, ...nell'accettare ciò che non piace, accogliere chi ci stanca, comprendere chi non ci comprende e nell'amare chi non ci ama... e via dicendo…

Così si mette in pratica il Vangelo di Nostro Signore; così l'anima si innalza oltre le vicissitudini umane che portano a incomprensioni e rotture; così si pratica il vero abbandono in Dio. Pace sia in voi, cari.

Ed ora ascoltiamo insieme la Parola di Gesù Risorto, che anela di consolare le anime a Lui consacrate, perché siano in grado di recare la lieta novella alle genti:

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

O sì, cuori miei in ascolto, voi ancora gemete per la scomparsa dalla vita terrena del nostro Papa Santo, ma Io vi dico: gioite, cari, perché tramite lui voi avete superato la fase più dura che vi aspettava, dato il protrarsi delle umane ingiustizie.

Ora vi è consentito un tempo proficuo di riflessione e preparazione in vista di avvenimenti che desteranno i cuori e le menti anche dei più refrattari.

Oh, non è tutto finito con la sua morte, anzi, questo evento, che voi ancora vedete come funesto, segna l'inizio della rinascita in Terra della vera fede in Dio Padre Creatore e Signore.

Così si compirà la Sua volontà di ridonare alle genti la forza e la grazia di comprendere la portata degli avvenimenti e dal Cielo anche il Papa si prodigherà instancabilmente per la nostra Chiesa.

Coraggio, cari, non siano sconvolte le menti, si acquietino i pensieri, sia lieto il cuore, che vien riempito dall'Amore più grande.

Coraggio, miei cari soldati del Cristo Risorto, non sarete messi in condizione di non portare innanzi la vostra missione, tutt'altro, questo è il momento favorevole a un'ulteriore apertura ad accogliere, ascoltare ed amare chi, soffrendo, a voi si rivolge; e non lesinate di offrire le vostre preghiere per essi, ma anche le parole illuminanti del Mio Santo Pio. Pace a voi!

Io sono il vostro Gesù. Il Nazareno è ancora tra voi e viene a visitarvi... e vi assolve dai vostri peccati di omissione... e vi esorta ad andare oltre le vostre incertezze, affidandovi totalmente allo Spirito Santo, che vi guiderà in Mio nome. Pace a voi!

Vi benedico nel nome della SS. Trinità: l'unica Realtà e Verità, amen, amen, amen.

UN GIUSTO DI DIO

Di qui è passato un giusto di Dio
lasciando un segno di bene voluto da Lui
per la nostra salvezza.

A missione compiuta, noi l'abbiamo capito
e portato nel mondo il Suo insegnamento di vita.
Anche a voi, novelli redenti, è richiesto di farlo.

Con l'aiuto del Cristo risorto e vivo
dentro al cuore, non abbiate timore,
Egli vi sosterrà fino in fondo,
Egli avrà cura di voi, creature,
perché Egli vi ama, vi abbraccia
e vi guida fin sulla cima del vostro Calvario.

Ma in luogo della Crocifissione,
Egli vi prenderà tra le braccia per condurvi
al cospetto del Padre e testimonierà
a vostro favore, dicendo: “Padre concedi
la grazia perché questa creatura ha faticato,
portando il peso della sua croce,
invocando perdono e pietà anche per altri”.

Pace a voi!
Noi sian le anime dei Suoi redenti,
santi o peccatori or non importa,
siam tutti al servizio per la Sua causa,
siam tutti protesi a rendere onore al Re dei re.

Unitevi a noi e, in comunione, cantiamo:
Osanna, osanna, lode, onore e gloria a Gesù
nostro Signore! Amen.

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Festa della Divina Misericordia, dopo la morte del Papa 03/04/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

O sì, cuore mio, nel giorno della Mia infinita Misericordia, Io vengo a te, a voi tutti che avete amato il Mio Papa Santo e vi confermo che nella fede del suo pontificato ora egli è già qui con Me e con la Madre Nostra.

La sua salma riposa, ma il suo corpo glorioso è vivente in eterno tra Noi, insieme ad Angeli e Santi.

L'alba del nuovo giorno è ormai cominciata e lo vedrete dai segni che, con la sua dipartita, son stati lasciati perché anche il mondo capisca che la sorte di un “grande” produce effetti impensabili e smuove le coscienze a pietà.

Per ogni giusto che cade, nel Cielo s'innalzano canti e lodi affinché la Volontà di Dio Padre sia messa in atto, mentre una schiera di aiutanti celesti si appresta a eseguire la Sua Volontà.

Coraggio, miei cari, ora andrete innanzi guidati da Me; oh, non vi lascerò soli, no cari, ho a cuore il vostro destino e la Mia Misericordia davvero infinita si esprimerà in tante Grazie e Amore per ogni creatura.

L'offerta di sé del Mio Papa Santo farà sì che si abbia quella ricaduta tanto sperata: Io sento che il mondo intero si è commosso per lui, spero che non sia sol per un attimo e che la pianticella sia coltivata nei cuori a lungo.

Io sono grato a tutti quanti, Io verrò nel trionfo dei Cieli, ma non ora e non posso dirvi quando. Adesso si avrà un tempo dedicato alla riflessione operosa di quanti non avean prima creduto... e anche voi sarete chiamati a testimoniare la vostra fede.

Coraggio, miei cari, non sarete abbandonati a voi stessi; la grazia che il Mio Papa Santo ha suscitato col suo sacrificio d'amore per l'umanità tutta, è grande e vi farà sentire uniti tra voi e con gli altri come non mai di questi tempi.

“Riconciliatevi con Cristo!” Egli ha detto ed Io vi dico: “ Stringetevi a Me, portate la vostra croce, abbracciatela e vi sentirete allacciati a Me per sempre! (ndr. come il Papa aveva fatto nella sera del venerdì santo)

 

Io sono il vostro Signore della Misericordia, Io pronuncio in questo giorno solenne le parole che pronunciai anche allora, quando mi mostrai alla Suora Santa della Polonia, consorella del Mio Papa Santo, dicendole: “Io offrirò a tutti la Mia Misericordia! Se faranno ammenda dei loro peccati, Io perdonerò e dimenticherò perché la Mia Misericordia è veramente infinita!”

Ora vi chiedo di portare frutto, di testimoniare, di alleviare le pene degli altri ovunque vi venga richiesto di farlo, perché voi siete i Miei messaggeri della Parola e dell'Amore Mio infinito.

Coraggio, recatevi a fare omaggio alla salma, se potete, ma se anche così non fosse, riunitevi in preghiera come se l'aveste davanti e chiedete a lui (al Papa) d'intercedere per tutti presso Dio Padre onnipotente, e avrete un altro grande intercessore per voi, presso il Padre, per sempre!

Io vi amo, la Madre Nostra vi ama, il Padre vi ama e con l'apporto dello Spirito Santo voi andrete innanzi diritti alla meta. Pace a voi e pace al mondo intero!

Io, Gesù Cristo Risorto, nel giorno della Divina Misericordia, vi benedico nel nome della SS. Trinità, andate in pace e annunciate alle genti la buona novella di consolazione e speranza. Amen, amen, amen.

+ + +

Io sono il vostro Gesù Nazareno, per sempre tra voi! Amen.

 

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Questa, sarà una Santa Pasqua speciale 24/02/2005

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra. O sì cuore mio, Io ti vedo e ti ascolto, ma ora ascolta le Mie Parole:

Questa Pasqua di Resurrezione sarà una Santa Pasqua speciale, ove la gente farà un passaggio cruciale.

Pur se sarete presenti nelle vostre parrocchie, col vostro gruppo, anzitempo, farete una novena e delle veglie di preghiera assieme, per favorire l'apertura degli altri. Così come facevate in Terrasanta, ora vi chiedo di fare costì dove siete.

A cominciare dalla Settimana Santa vi ritroverete ancora a pregare... Il tempo di conversione di tante persone è giunto, l'Amore di Dio le raggiunge, il Mio rinnovato Sacrificio si compie “nella carne”, ho detto e ancor lo ripeto: nella carne dei Miei cristiani rimasti fedeli e accanto a Maria, ai piedi della Croce.

E sì, soffrirete un po' tutti, lo sento, e ve lo dico per prepararvi, ma so che offrirete voi stessi per compiere questo atto d'amore con Me verso tutta l'umanità che ancora non crede e non ama il suo Creatore e Signore.

Coraggio, non sarà troppo; quel che vi chiedo è soltanto la partecipazione a un Sacrificio d'Amore che Io rinnovo con tutto il cuore e con tutto Me stesso per voi, creature, per la vostra salvezza.

E ai miei discepoli e redenti ora chiedo di partecipare e di comprendere dentro di sé le creature che ancora non credono o si dibattono tra mille dubbi e perché.

Io auspico che voi siate consapevoli del ruolo or or assegnatovi e che dimostriate di essere dei veri discepoli di Gesù Cristo.

Io sono certo che in voi l'ardore non mancherà!

E, se qualcuno non potrà esser presente, stabilite anche dei turni e fate che sia partecipe ugualmente da casa, alla preghiera comunitaria.

Tutto questo è richiesto in preparazione dell'evento che un dì si compirà e che sarà alla fine di tanto travaglio nel mondo.

Pace sia in voi tutti, miei cari: sublimate l'amore, accogliete l'Amore, aspirate alle vette più elevate dell'amore e tutto si compirà nel segno della Volontà di Dio. Così sia per sempre!

Io sono il vostro Gesù Nazareno. Anche allora Io diedi istruzioni agli Apostoli di preparare la cena, così ora faccio con voi: Io chiedo di prepararvi a celebrare la Pasqua del Signore, digiunando e pregando... E ritrovandovi, poi, nel cenacolo ad attendere la venuta dello Spirito Santo consolatore, sarete tutti inviati nel mondo a predicare la venuta del Signore Dio vostro. Ora e sempre così E' !

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Gesù ci invita a fare una onesta revisione 15/02/2005

… Il vero senso dell'esser cristiani è proprio questo: di credere che Io possa entrare nella vostra vita e trasformarla in un bene eterno, di valore incommensurabile, che diventa patrimonio prezioso per tutta l'umanità .

E com'è possibile questo? Seguendo l'esempio di tanti grandi Santi che l'hanno fatto e seguendo le orme lasciate dal vostro Signore.

O sì, cari, imitatemi, son venuto per questo, per darvi la chiave per esser degni figli del Padre Nostro. Ed il vostro impegno non sia fuorviato da pregiudizi, o dalle vostre opinioni, perché Io vengo per rovesciare la vostra tendenza all'apatia, alla tiepidezza, al porvi solo poche domande, a non fare una onesta revisione e a non chieder perdono.

Oh, la frase: “ Non ho niente da farmi perdonare”, quante volte risuona nelle chiese anche nel tempo forte della Quaresima. Ma vi rendete conto di quel che voi dite? Ciò significa che non vi è revisione, che non ci si pone in ascolto interiore, che non si assimila l'insegnamento del Vangelo e, infine, non ci si apre all'Amore più grande.

E voi volete che non venga in soccorso di così tanti disturbi della vita spirituale?

O cari, consentitemi di dire anche questo: lavorare alla vigna del Signore comporta di preparare il terreno, ararlo, estirpare le erbacce, irrorarlo di acqua e seminarlo. E se le piante son già cresciute, difenderle dai parassiti e così via...

La Mia vigna, cari, sono le anime dei Miei cristiani e non potete non lavorare su codesto terreno perché è la vostra anima che ha bisogno ogni giorno di ripulitura e di essere accudita, sfamata e anche lavata da vizi antichi e nuovi pregiudizi, dal peccato di origine, e da rancori e impoverimenti dovuti al vostro modo di vivere d'oggi.

Ogni giorno, vi dico, voi tutti riempite lo spazio di tanta immondizia spirituale che supera, per dimensioni, di gran lunga quella materiale, con cui state riempendo il mondo.

O anime dei miei cristiani, concedete a voi stesse di fare una onesta revisione e di chieder perdono e ristabilirete l'alleanza con Dio Padre onnipotente, che vi colmerà di gioia e di amore. Lascerete poi a Me il compito di plasmarvi e forgiarvi nuove creature. E quel “s ì” sarà per voi la vittoria sulle forze del maligno potere.

O anime mie, se vi vengo incontro anche così è perché vedo la vostra inerzia, il vostro dubbioso pensare, il non metter quasi mai in discussione le vostre ragioni, il credere che il torto sia sempre degli altri e via dicendo; per non parlare poi della maldicenza, del recriminante parlare, delle imprecazioni e dell'accusa verso Dio ogni volta che siete messi alla prova.

Voi non vi rendete ancora conto che gli esami di vita son necessari per la vostra salvezza.

O anime mie, ascoltatemi e seguitemi...

Io vengo tra voi e vi guardo, vi ascolto, vi scelgo e vi porto nel Cuore Mio immacolato. Anche se solo per un attimo voi sussultate e vi aprite... ecco, è da qui che comincia il cammino, non richiudetevi più, anime mie, lasciatevi amare, lasciate che Io faccia questo lavoro di rimettervi a nuovo e, dopo, sarete paghe di aver corrisposto all'Amore Mio infinito.

Accogliete il dono, non vi fermate al ristretto limite del vostro pensare, vi è ben di più da scoprire: lasciatevi andare, lasciatevi amare dal vostro Signore.

Ancora Io vengo per fare la volontà del Padre Mio e vostro che anela di ricongiungervi a Sè, prima che sia troppo tardi. Pace a voi!

Io sono il vostro Maestro di vita eterna Gesù, vita che inizia già sulla terra dopo la vostra vera conversione... Vi benedico nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen. + + +

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

IMPORTANTI MESSAGGI di Gesù e Padre Pio sul tempo presente.

Il Papa ha dimostrato che la sofferenza può unire 06/02/2005

domenica, all'Angelus

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del Cielo e della Terra.

O sì, cuori miei, sballottati dalle onde di un mare pesante e ribollente di odio verso chi si presenta con il segno della Croce di Cristo.

Coraggio, non sarà ancora per molto; durante la Quaresima - se offrirete le vostre preghiere e piccoli sacrifici - vi sentirete in comunione con Me. Conoscere le Mie Vie e conoscere Me, è il destino che accomuna ogni cristiano al suo Redentore e Signore. Pace sia in voi!

Oggi il Papa ha voluto dimostrare ai fedeli e al mondo che anche la sofferenza può unire e far sentire la gente affratellata nell'unico vero abbraccio d'Amore: quello del vostro Signore, che vi ama più di se stesso ed è ancora disposto a soffrire per voi e per la salvezza di tutti.

Siate attenti ai segni da portare poi a conoscenza delle creature che vorranno ascoltare e accogliere le Mie parole ed il Mio insegnamento trasfuso nella vita quotidiana.

Oggi non basta più ascoltare la S. Messa e aver dato l'obolo come si conviene, e poi tornarsene a casa convinti di aver fatto il proprio dovere. Oggi Io chiedo a tutti i miei cristiani di collaborare per la venuta del Regno di Dio in Terra.

Il senso di tutto quanto vi vado dicendo vi parrà più chiaro con l'andar del tempo così da poterlo trasmettere a tanti che, ancor incoscienti, non vedono i segni dell'Amore misericordioso del Padre Nostro.

O genti, svegliate le vostre coscienze o perirete tutti. Mentre Io non voglio questo destino infelice per voi e mi prostro ancora una volta ai piedi del Padre dicendo:

“Padre Mio, Padre buono, a Te mi offro,
a Te mi dono per essi. Amen”.

Ed ora ricevete la Mia benedizione in comunione col Papa santo nel nome della SS. Trinità, amen, amen, amen.

Io sono per sempre il vostro Maestro di vita, Gesù Cristo Risorto!

 

Altri messaggi si possono trovare nella parte sulle PUBBLICAZIONI inseriti nei libretti presentati.

(torna a Indice Messaggi 2005 - torna a I MESSAGGI)

A.Vo.S.S. (ONLUS) Casella Postale n.5 - 20052 Monza (MI)  e-mail: info@avoss.it   segreteria@avoss.it