home le preghiere i messaggi meditazioni le attività la nostra storia pubblicazioni contattaci
 
 
Messaggi di Gesù in Tempo d'Avvento e Natale

 

APPELLO DI GESU' IN TEMPO D'AVVENTO (3/12/07)

Sono Gesù Cristo, Redentore e Signore del tuo cuore, in attesa dello Sposo.

Oh, non ti voglio far mancare l'apporto di Spirito Santo d'Amore per condurre il tuo cuore oltre le barriere dell'indifferenza generale e dell'apatica visione di vita.

L'alba del giorno più bello è già cominciata e sta a coloro che si son messi in cammino pregustarne la gioia in anticipo, così come fu per i re magi. Anche allora ci furono ostacoli, ma essi seppero aggirarli per giungere, infine, alla meta e poi sfuggire alla richiesta di colui che voleva distruggere la Speranza del mondo.

Sì, è ancora così! Anche a voi, cari tutti, è richiesto di fare così: avvertendovi e chiedendovi di restare fedelmente accorpati al Mio Amore, Io mi assumo tutto di voi, anche i lamenti, i dolori, le preoccupazioni e mi accingo ad offrirli in sacrificio d'Amore al Padre Nostro.

E' questo il Mio dono per voi ; è questa la Mia offerta che rinnovo dinanzi a quel sito ove ci fu l'Angelo, mandato da Dio, ad annunziare alla Vergine il concepimento divino, perché potessi nascere in terra e liberare l'umanità dalla schiavitù del peccato.

A questo punto la parola di Colei, che divenne poi Madre, fu determinante per completare il disegno. E quel “Sì” detto liberamente, con tutta Se stessa, per amore, fu la scintilla che fece scoccare il connubio tra il Dio Creatore e la Creatura.

Ed ecco che quel “Sì” divenne il sigillo... e il miracolo dell'Amore fece il resto. Con quel “Sì” di Maria, Io sposai totalmente la Vergine. In quel corpo di carne Io venni al mondo!

E la Madre fece subito il compito, che le fu tosto assegnato, di portare consolazione ed aiuto alla parente anziana, che viveva quella sua gravidanza inattesa con trepidazione e timore.

O creature, se capiste cosa significa dire anche oggi quel Sì:

Sì, Signore, io vengo. Sì, Signore, io accetto. Conducimi Tu, io mi lascio guidare da Te, nelle Tue vie di salvezza”.

Non avreste più paura, non pensereste più a chissà quali sventure, ma tendereste la mano fiduciosi al Signore Dio vostro per camminare alla Sua sequela, sicuri di non essere da Lui traditi o abbandonati a voi stessi, in balia delle forze del male.

Ancora sorgono dubbi e incertezze; ancora voi siete preda di contestazioni, di opposizioni e distorte visioni del disegno che vado tessendo.

Ancora vi vedo diffidenti e infelici alla ricerca di chissà cosa, quando la Grazia vi passa accanto e voi non la cogliete, non vi aprite, non ascoltate il richiamo della Mia parola d'Amore.

O creature, cosa mai vi trattiene dal sentirvi amati a tal punto che mi son fatto carne per voi e tuttora rinnovo il Mio sacrificio d'Amore per voi, per la vostra adesione e salvezza, affinché pronunziate finalmente quel: “Sì, Signore, io vengo, io mi lascio condurre da Te fino alla fine dei miei giorni terreni, per poi gustare la Grazia dell'eterna vista del Padre”.

Coraggio, creature, siate coscienti che questo Tempo d'Avvento è un tempo di Grazia particolare in cui il Signore e la Madre Santa operano incessantemente per favorire la conversione dei cuori, del cuore vostro e di tutti. Poi, quelli che risponderanno all'appello, che oggi risuona a tutto campo, verran consegnati ad Angeli e Santi per essere plasmati e condotti innanzi.

Ma voi, che mi avete vicino e da tanto tempo fruite delle Mie parole e del Mio Amor consolante le antiche ferite, risanante anche le malattie, e che opera prodigi di guarigioni dei cuori più predisposti, come rispondete?

Con quel timido approccio, cari, non si va da nessuna parte; senza un fiotto di ardore non si accendono gli altri e allora che testimoni del Cristo pensate di essere? Tiepidi, forse? Incerti e dubbiosi, voi stessi per primi?

Suvvia, ragionate : se tutto quel che vi è accaduto, sin dalla prima chiamata predisposta in vostro aiuto, non vi dice più nulla, allora lasciate perdere e andate dove volete o dove credete di trovare qualcosa.

Io vi lascio libertà di scelta , ma se un dubbio vi assale, se ricordando tutto quanto, nel tempo, si è dipanato dinanzi ai vostri occhi assonnati, e se ora un sussulto vi prende e tornando a meditare le Mie parole, voi sentite un certo tormento interiore per tante mancate occasioni di scelta che vi son state poste davanti, ebbene, sappiate che siete sulla strada giusta per sentirvi ancora una volta interpellati:

E allora dite all'Angelo - come Maria - quel “Sì”, quella consegna totale nelle mani di Dio Padre: “Eccomi, Signore, io vengo!” che tanta gioia e speranza poi vi darà.

Non mancheranno certo anche le tribolazioni, ma sarà tutto diverso: la vostra sarà una vera famiglia di Dio, ove sarete accolti, amati, aiutati e sorretti in ogni evenienza e pregherete uniti come non mai , come si vuole per voi da tanto tempo .

O infinita Pazienza,

opera con tutta la tua Misericordia

perché anche questi figli abbiano a svegliarsi

dal torpore mortale che li vuole ghermire,

ad onta del Mio sacrificio d'Amore

verso l'umanità nella prova.

A tutti Io offro Me stesso, a tutti Io voglio donare la vita, la Vita vera, la resurrezione dai morti viventi in terra, che conducono i loro giorni trascinandosi lenti e amorfi fino alla fine, fino a sentirsi stanchi di vivere, delusi, oppressi da una infinità di pesantezze, con pensieri e azioni condotti solo sul filo di abitudini errate che impediscono loro di cogliere l'anelito di speranza che soffia... quel vento leggero che subentrerà, ancor come allora, al frastuono di lampi e venti irruenti che poi si zittiranno, per far entrare la voce di Dio:

O anime, venite, il Signore vi attende...

O anime, venite a Me ed Io vi ristorerò,

vi abbraccerò, vi nutrirò e, come bimbi

fatti di nuovo innocenti,

vi presenterò al Padre dicendo:

Ecco, Padre, questi sono altri miei figli,

che ho generato ancor dalla Croce,

nei quali mi sono compiaciuto

e li consegno a Te, fiero di essi.

Abbine cura Tu,

nell'attesa della grande rivelazione finale.

Amen, amen, amen”.

(torna all'indice)

 
 
A.Vo.S.S. (ONLUS) Casella Postale n.5 - 20052 Monza (MI)  e-mail: info@avoss.it   segreteria@avoss.it