home le preghiere i messaggi meditazioni le attivitą la nostra storia pubblicazioni contattaci
 

IL GIARDINO DI MARIA

LE PIANTE BIBLICHE

___________________________________________________________________

(scarica il fascicolo)

 

Le 24 piante citate nella Bibbia

Ho posto le radici
in mezzo a un popolo glorioso,
nella porzione del Signore, sua eredità.
Sono cresciuta come un cedro sul Libano,
come un cipresso sui monti dell’Ermon.
Sono cresciuta come una palma in Engaddi,
come le piante di rose in Gerico,
come un ulivo maestoso nella pianura.
Sono cresciuta come un platano,
come un cinnamòmo (cannella)
e balsamo ho diffuso profumo;
come mirra scelta ho sparso buon odore;
come gàlbano, ònice e storàce,
come nuvola di incenso nella tenda.
Come un terebindo (quercia)
ho esteso i rami e i miei rami
son rami di maestà e bellezza.
Io come una vite ho prodotto germogli graziosi
e i miei fiori, frutti di gloria e ricchezza.

(Siracide 24,1-17)

___________________________________________________________________

 

IL GIARDINO di MARIA


“Dio creò l’uomo a sua immagine, maschio e femmina li creò” (Gn 1,27)
“Il Signore piantò un giardino e vi collocò l’uomo che aveva plasmato” (Gn 2,8)
“Il Signore, fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male”. (Gn 2,9)


Nel parco/giardino dedicato a Maria si trovano 24 piante citate nella Bibbia:
Siepi: alloro, carpino, fotinia e nocciolo – Rovi e zizzania – Canne –Ulivo - Melograno – Vite – Fico –Mandorlo – Giglio – Quercia – CedroPalma – Incenso – Ginepro – CotoneCardo – Mirto - Aloe –Leccio – Rosa

___________________________________________________________________


Erba, fiori di campo
Dal profeta Isaia (Is. 40,6-8):
“...Ogni uomo è come l’erba, tutta la sua gloria è come un fiore del campo. Secca l’erba, appassisce il fiore, quando il soffio del Signore spira su di essi, ma la parola del nostro Dio dura per sempre...”.


Rovi e zizzania


Nei paesi secchi, i rovi crescono rigogliosi. In Israele se ne contano oltre 120 specie diverse. Nella Bibbia si legge che a Gesù fu posta sul capo una corona di spine, allo scopo di schernirlo.
La zizzania cui fa riferimento la parabola contenuta nel Nuovo Testamento, è la gramigna, che all’inizio del proprio ciclo vitale assomiglia al grano.
(Mt.13,24-30; Mc 15,17)


“Il regno dei cieli si può paragonare a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma mentre tutti dormivano venne il nemico, seminò zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi la messe fiorì e fece frutto, ecco apparve anche la zizzania. Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: Padrone, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene dunque la zizzania? Ed egli rispose loro: Un nemico ha fatto questo. e i servi gli dissero: Vuoi dunque che andiamo a raccoglierla? No, rispose, perché non succeda che, cogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altra crescano insieme fino alla mietitura e, al momento della mietitura, dirò ai mietitori: Cogliete prima la zizzania e legatela in fastelli per bruciarla; il grano, invece, riponetelo nel mio granaio”. (Mt. 13,24-30)

Siepi: alloro, carpino, fotinia, nocciolo


“Il Padrone disse al servo:
esci per le strade e lungo la siepe e spingili ad entrare perché la mia casa si riempia”
(Lc 14,23)


Quercia
Sia a Sichem sia a Ebron, Abramo ricevette le rivelazioni del Signore vicino alle querce: “Abramo attraversò il paese fino alla località di Sichem, presso la Quercia di More. Nel paese si trovavano allora i cananei. Il Signore apparve ad Abram e gli disse: “Alla tua discendenza io darò questo paese” (Gn 18,6)


“Il Signore apparve ad Abramo alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all’ingresso della tenda nell’ora più calda del giorno” (Gn 18,1)


In Israele crescevano diversi tipi di querce, alcune delle quali erano sempreverdi. Il legno era utilizzato per la costruzione di remi o per farne delle statue. La Bibbia racconta che Assalonne rimase prigioniero di una quercia, mentre fuggiva dal re Davide.
(2 Samuele 18,9-10)
(Altri rif. biblici: Isaia 1,29 e 2,13)



Melograno - Melo


Nella Bibbia le melagrane ornavano gli enormi capitelli di bronzo che sormontavano le colonne all’entrata del Tempio di Salomone.
“Chiram... terminò tutte le commissioni del re Salomone per il Tempio del Signore... i due reticolati per coprire i due globi dei capitelli che erano sopra le colonne, le quattrocento melagrane sui due reticolati, due file di melagrane per ciascun reticolato...” (1Re 7,40-42)


In rapimento poetico, lo sposo canta le bellezze dell’amata: “Come un nastro di porpora le tue labbra e la tua bocca è soffusa di grazia; come spicchio di melagrana la tua gota attraverso il tuo velo” (Ct 4,3)
Per il gran numero dei suoi chicchi, i Padri della Chiesa hanno fatto della melagrana un simbolo di fecondità.
La scorza dura nasconde una polpa succosa, piena di semi. Il melograno fu ricamato sull’orlo della veste del sommo sacerdote e inciso sui pilastri del tempio di Salomone.
Per la loro ricchezza di semi e per lo splendente colore rosso, i frutti del melograno erano visti come simbolo dell’esuberanza della vita.
Gli esploratori inviati da Mosè nel paese di Canaan riportarono come frutti più pregiati uva, melograno e fichi. (Nm 13,23)


Vite


Nella Bibbia è ricordata più di duecento volte. La vite era una benedizione della terra promessa: “... Il Signore tuo Dio sta per farti entrare in un paese fertile: paese di torrenti, di fonti;... paese di frumento, di orzo, di viti, di fichi e di melograni; paese di olivi, di olio e di miele”. (Dt 8,7-8) (Altro rif. biblico: Isaia 5,1)


Nel Siracide la vite è presentata come l’immagine della sapienza: “Io come una vite ho prodotto germogli graziosi e i miei fiori, frutti di gloria e ricchezza” (Sir 24,17)
La vite è anche l’immagine della sposa feconda nell’intimità della tua casa; i tuoi figli come virgulti d’ulivo intorno alla tua mensa”
(Sal. 127,3)
Gesù, sulle orme dei profeti dell’Antico Testamento, ha voluto riprendere questa immagine viva e gioiosa per spiegarci la realtà dell’alleanza di dio con il suo popolo. Realtà meravigliosa come ceppo di vite carico di grappoli: “Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui fa molto frutto...” (Gv 15,5)
La vigna è il segno dell’Amore di Dio che unisce cielo e terra. Il tralcio col grande grappolo d’uva “che gli esploratori del paese di Canaan portarono in due con una stanga” (Nm 13,23) - è immagine dell’abbondanza della terra promessa. Il vino è immagine della gioia di vivere: “Il vino allieta il cuore dell’uomo” dice il salmo 104,15.
- Come suo primo miracolo Gesù, alle nozze di Cana, ha trasfor-mato l’acqua in vino. (Gv 2, 3-10)
- Il pietoso samaritano versa olio e vino nelle ferite del viandante assalito dai briganti. (Lc 10,24)
Il culmine del simbolismo del vino nella scrittura sono le parole di Gesù nell’Ultima Cena, quando porge il calice ai suoi discepoli: “Bevetene tutti, perché questo è il mio sangue dell’alleanza, versato per molti in remissione dei peccati”. (Mt 26,27ss)
“Io Sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo” (Gv 15,1)
E ai suoi discepoli dice anche: “Io sono la vite, voi i tralci” (Gv 15,5)


Palma


La palma da datteri è un albero alto, dal fusto slanciato, coronato da un folto ciuffo di foglie che raggiungono i due metri di lunghezza. Tra le foglie della palma crescono a grappoli i datteri. La palma divenne l’albero simbolo di Israele e fu associato alla vittoria; indica la gloria a Dio, la festa, la gioia e la vittoria del martirio.
Nel Cantico dei Cantici (7,8-9) la palma è presentata come un albero di smagliante bellezza: “Quanto sei bella e quanto sei graziosa.... La tua statura rassomiglia a una palma”.


Per la festa delle Capanne è prescritto di fornirsi di rami di palme per far festa al Signore: “Il primo giorno prenderete i frutti degli alberi migliori: rami di palma...” (Lv 23,40)
Arrivarono a Elim, dove sono dodici sorgenti d’acqua e settanta palme. In quel tempo era giudice d’Israele una donna, una profetessa, Debora, moglie di Lappidot. Ella sedeva sotto la palma che porta il suo nome, tra Rama e Betel, sulle montagne di Efraim, e gli Israeliti venivano a lei per ottenere giustizia. (Gdc 4,4-8)
Quando Salomone fece erigere il tempo, ornò i muri e le porte con palme: “Ricoprì le pareti della sala tutto intorno con sculture incise di cherubini, di palme e di fiori in boccio, all’interno e all’esterno.
(1 Re 6,29-30) Il giusto fiorirà come palma"
. (Sal 92,13)
La Sapienza loda se stessa: ... sono cresciuta come una palma in Engaddi (Sir 24,14).
Il Vangelo racconta che la folla salutò Gesù, al suo ingresso a Gerusalemme, agitando foglie di palma: “Quando il popolo seppe che Gesù veniva a Gerusalemme prese dei rami di palma e uscì incontro a Lui gridando: “Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re di Israele”. (Gv 12,13)

Canne


Gesù disse a riguardo di Giovanni il Battista: “Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento?” (Mt 11,7)


Cardo


Il cardo cresce rigoglioso. Alcune specie raggiungono l’altezza di due metri. Il cardo soffoca rapidamente tutte le piante vicine, per questo nel Vangelo a volte è identificato con la zizzania. (Mt 13,24-30)


Mirto


Un sempreverde dalle foglie odorose, i cui fiori profumati erano utilizzati come profumo.
Nel deserto pianterò il cedro, l’acacia, il mirto e l’olivo,; nella steppa porrò cipressi, olmi e abeti, perché vedano e sappiano, considerino e comprendano tutti che questo l’ha fatto la mano del Signore e lo ha compiuto il Santo d’Israele. (Isaia 41,19)


Mandorlo


Il mandorlo era il primo albero a fiorire in Israele: talvolta lo si poteva trovare fiorito già all’iizio del mese di gennaio. La radice della parola significa “vegliare”. I suoi fiori, dai petali bianchi o rosei, compaiono prima delle foglie e sembrano uscire dal sonno dell’inverno. La loro comparsa nel mese di febbraio annuncia la rinascita della natura.
Il Signore stesso vi allude nel passo seguente: “Che cosa vedi, Geremia?”. Risposi: “Vedo un ramo di mandorlo”. Il Signore soggiunse: “Hai visto bene, poiché io vigilo sulla mia parola per realizzarla” (Ger 1,11)
Il mandorlo accompagna l’uomo nel suo cammino verso l’eternità.


“Quando si avrà paura delle alture e degli spauracchi della strada;
quando fiorirà il mandorlo e la locusta si trascinerà a stento...,
poiché l’uomo se ne va nella dimora eterna”
. (Qo 12,5)
Nella tradizione, il mandorlo e la mandorla sono stati messi in relazione con Maria.
Nella iconografia tradizionale, l’immagine del Cristo, della Vergine e a volte dei Santi in gloria eterna, si iscrive in una figura geometrica a forma di mandorla.


Aloe


L’aloe è una pianta piuttosto grande, dalla quale si ricavano una resina e un olio utilizzati come profumo.
Il Nuovo Testamento ricorda che Nicodemo portò con sé dell’aloe per preparare il corpo di Gesù prima della sepoltura. (Gv 19,39)

Ulivo


L’ulivo è un albero che può raggiungere i sedici metri di altezza e vivere cinque o sei secoli e anche più.
Il suo legno giallognolo è molto duro. “Ulivo verde, maestoso, era il nome che il Signore ti aveva imposto” La presenza dell’ulivo è ritenuta segno di benedizione: “...Il Signore tuo Dio sta per farti entrare in un paese fertile... paese di frumento, di orzo, di olio e di miele... Mangerai dunque a sazietà e benedirai il Signore Dio tuo a causa del paese fertile che ti avrà dato”
(Dt. 8.7-8.10)


“La tua sposa come vite feconda nell’intimità della tua casa; i tuoi figli come virgulti d’ulivo intorno alla tua mensa.Così sarà benedetto l’uomo che teme il Signore” (Salmo 128,3-4)
Le tradizioni giudaica e cristiana fanno dell’ulivo un simbolo di pace.
Nella tradizione biblica l’olio era anche segno di gioia, di ricchez-za, di felicità.
L’olio serviva per condire i cibi, ma anche come unguento (Mic. 6,15) e come medicina per le ferite (Is. 1,6). Anzi era considerato come medicina capace di guarire le malattie e alleviare i dolori e di dare forza.
Proprio per queste sue qualità, chi veniva unto con olio era capace di compiere azioni straordinarie come Saul (1 Sam 16,2; Sam 23, 1-2), come il Messia che disse: “Lo spirito del Signore è su di me, perché il Signore mi ha unto con l’unzione... “
Consacrando i suoi discepoli con l’unzione dello Spirito, anche ognuno di noi può dire: “Tu cospargi di olio il mio capo” (Sal. 23,5).
Il tuo Spirito “è olio che fa brillare il volto dell’uomo” (Sal 104,15).
Quando Noè, dopo il lento abbassarsi delle acque del diluvio, fece uscire per la seconda volta la colomba dall’arca, al suo ritorno essa portava nel becco “Un ramoscello d’ulivo” (Gn 8,11).

Non era soltanto il segno che dal grembo della terra rispuntava la vita, ma anche che Dio donava all’uomo la sua pace e la sua benedizione.
Un tempo anche Israele era chiamato da Dio “ulivo verde, maestoso”, ma dopo che ebbe dimenticato l’alleanza sancita tra Dio e i Padri, al popolo fu profetizzato da Geremia: “Con grande strepito (il Signore) ha dato fuoco alle sue foglie, i suoi rami si sono bruciati”. (Ger. 11,16).


Giglio


Il giglio di cui si parla nell’Antico Testamento, è probabilmente il giacinto blu selvatico o il giglio bianco, il cui bulbo era considerato inoltre una prelibatezza.
Quando Gesù, nel Nuovo Testamento, parla di “gigli del campo” intende probabilmente i fiori selvatici, non tanto il giglio in particolare.
In primavera le colline di Galilea, sono coperte di una prorompente fioritura di mille colori: anemoni, papaveri, narcisi e crisantemi gialli.


“E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede? (Mt 6,28-30 e Lc 12,27)).
Dal Cantico dei Cantici... “Egli pascola il gregge fra i gigli” (Ct 2,16)
Di buon mattino andremo alle vigne;
vedremo se mette gemme la vite,
se sbocciano i fiori, se fioriscono i melograni:
là ti darò le mie carezze!

Le mandragole mandano profumo;
alle nostre porte c’è ogni specie di frutti squisiti,
freschi e secchi; mio diletto, li ho serbati per te” (Ct 7,13-14)
Probabilmente è analogo il significato dei fiori primaverili di cui parla il Cantico: “...Ecco, l’inverno è passato, è cessata la pioggia, se ne è andata, i fiori sono apparsi nei campi...” (Ct 2,11-12);


Rosa (narciso)
Il termine biblico spesso tradotto con “rosa”, non corrisponde in realtà al fiore che noi conosciamo. Si tratta più probabilmente del narciso o di un tulipano di montagna. (Is 35, 1; Ct 2,1)
“Io sono un narciso di Saron, un giglio delle valli.
Come un giglio fra i cardi, così la mia amica fra le giovani.
Come un cedro fra le piante selvatiche,
così il mio Diletto fra i giovani.”
(Ct. 2,1)


Fico


E’ un albero dal succo lattiginoso, ha larghe foglie provviste di picciolo, alto sino a due metri. Corteccia sottile, liscia e grigio cinerea.
I fiori e i frutti sono molto variopinti per dimensione e per colore (giallo, verde, violetto o bruno-violaceo). Fiorisce fino a estate avanzata; è coltivato in moltissimi luoghi per i suoi frutti prelibati.
Il legno, di colore bianco giallognolo, è tenero e idoneo per i piccoli lavori.
I frutti del fico costituivano nell’antichità uno degli alimenti più importanti ed erano considerati simbolo di fecondità.
Parlando ai suoi discendenti della fine del mondo, Gesù introduce la parabola dell’albero del fico e invita alla vigilanza: “...Quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che egli (il Figlio dell’uomo) è proprio alle porte”. (Mt 24,32-33)


Essere seduto sotto la propria vite e sotto il proprio fico, significa condurre una vita tranquilla e felice: “In quel giorno - oracolo del Signore degli eserciti - ogni uomo inviterà il suo vicino sotto la sua vite e sotto il suo fico”. (Zc 3,10)
“Sederanno ognuno tranquillo sotto la vite e sotto il fico e più nessuno li spaventerà...” (Mic. 4,4)


Molte citazioni riguardanti questo albero rivelano la sua importanza per il popolo ebraico ed evocano il suo influsso benefico. Isaia disse: “Prendete un impiastro di fichi”.
In relazione alla parabola del fico sterile (Mt 21, 18-19), la lettera di Pietro invita alla costanza nello sforzo (2 Pt 2,9) e sostiene la speranza: “La magnanimità del Signore nostro giudicatela come salvezza”. (2Pt 3,15).
Natanaele era di Cana di Galilea; Gesù dice di lui: “Ecco davvero un Israelita in cui non c’è inganno!” Alla domanda stupita: “Gesù mi conosci?” Gesù risponde: “Ti ho visto quando eri sotto il fico”.
(Gv 1,45-51)


-I rabbini spiegano che l’espressione “essere sotto il fico” significa “essere alla ricerca della verità”.
I maestri ebrei insegnavano la Torah (la Legge) stando seduti sotto un fico. La spiegazione sta in Geremia, che vede in visione due cesti di fichi posti davanti al Tempio del signore. I fichi buoni sono l’immagine del popolo eletto, che studia la Torah e, proprio perché il fico è simbolo della parola di Dio, si mangia tutto.
-Il Deuteronomio parla di Israele come la terra delle sette specie, di cui una è il fico “...Paese di frumento, di orzo, di viti, di fichi e di melograni, paese di ulivo” (Dt 8,8).
-L’evangelista Luca parla del fico sterile come un invito alla pazienza e racconta una parabola: “Signore, lascialo ancora quest’anno finché io gli zappi attorno e vi metta il concime e vedremo se porterà frutto per l’avvenire, altrimenti lo taglierò” (Lc 13,6-9)

Leccio


Daniele convince il popolo a riportare Susanna e i vecchi al tribunale dove provvede ad interrogare i due separa-tamente. Il primo confessa di aver visto Susanna con un giovane sotto un lentischio, mentre il secondo dice che era un leccio.
E’ sufficiente questa discrepanza per far scoprire quanto erano bugiardi i due vecchi giudici. La loro colpa è gravissima e “allora tutta l’assemblea diede in grida di gioia e benedisse Dio che salva coloro che sperano in Lui”.
Poi, insorgendo contro i due anziani, ai quali Daniele aveva fatto confessare con la loro bocca di aver deposto il falso, fece loro subire la medesima pena alla quale volevano assoggettare il prossimo e, applicando la legge di Mosé, li fece morire. In quel giorno fu salvato il sangue innocente. E da quel giorno in poi Daniele divenne grande di fronte al popolo. (Dn 13,58)


Incenso


Profumo da bruciare:
“storace, onice, galbano come balsami e incenso puro, tutto in parti uguali” (Es 30,23-25; 34-35)
Anche ad Aronne viene prescritto di bruciare incenso nel sacrificio di espiazione. (Lv. 16,12-13)

Ginepro


Pianta con foglie aghiformi pungenti. Si adatta ad ambienti rocciosi, secchi. Elia si coricò e si addormentò sotto il ginepro. Un angelo lo toccò e gli disse: “Alzati e mangia” (1 Re 19,7)


Papiro


(Si parla di Mosé piccolo)... Ma non potendo tenerlo nascosto più oltre, prese un cestello di papiro, lo spalmò di bitume e di pece, vi mise dentro il bambino, e lo depose fra i giunchi sulla riva del Nilo. (Esodo 2,3)

Issopo


E’ prescritto, insieme ad altre sostanze, per la purificazione del lebbroso (Lv 14,6) e di chi si è contaminato toccando un cadavere (Nm 19,17).
Nel famoso Miserere (Salmo 51) il peccatore invoca:
“Purificami con issopo e sarò mondo, lavami e sarò più bianco della neve”.
I riferimenti nella Bibbia sono molti:
Is 2,13; Am2,9; Ez 31,3; Sal 28,5; 91,13; 103,16.

Cedro del libano


E’ stato fatto l’emblema della grandezza, della nobiltà, della forza e dell’immortalità.
E’ quanto afferma Origene, il teologo e filosofo del II secolo, commentando il Cantico dei cantici: “Il cedro non marcisce; fare in cedro le travi delle nostre case è preservare l’anima dalla corruzione”.
Il cedro è anche simbolo di bellezza.
Ezechiele utilizza il cedro come simbolo del Messia e del suo Regno:
“Dice il Signore Dio:
Io prenderò dalla cima del cedro, dalle punte dei suoi rami coglierò un ramoscello e lo pianterò sopra un monte alto, massiccio; lo pianterò sul monte alto d’Israele.
Metterà rami e farà frutti e diventerà un cedro magnifico.
Sotto di lui tutti gli uccelli dimoreranno, ogni volatile all’ombra dei suoi rami riposerà.
Sapranno tutti gli alberi della foresta che io sono il Signore, che umilio l’albero alto e innalzo l’albero secco. Io, il Signore, ho parlato e lo farò”
. (Ez 17,22-24)
Altri riferimenti: Is 2,13 e Ct 1,17.

___________________________________________________________________


Dal Libro dei Giudici (9,8-15)
Si misero in cammino gli alberi
per ungere un re su di essi.
Dissero all’ulivo: regna su di noi.
Rispose loro l’ulivo: rinuncerò al mio olio,
grazie al quale si onorano dei e uomini,
e andrò ad agitarmi sugli alberi?
Dissero gli alberi al fico:
vieni tu, regna su di noi.
Rispose loro il fico:
rinuncerò alla mia dolcezza
e al mio frutto squisito,
e andrò ad agitarmi sugli alberi?
Dissero gli alberi alla vite:
vieni tu, regna su di noi.
Rispose loro la vite:
rinuncerò al mio mosto
che allieta dei e uomini
e andrò ad agitarmi sugli alberi?
Dissero tutti gli alberi al rovo:
vieni tu, regna su di noi.
Rispose il rovo agli alberi:
se in verità ungete me re su di voi,
venite, rifugiatevi alla mia ombra;
se no, esca un fuoco dal rovo
e divori i cedri del Libano.

___________________________________________________________________

L’albero nei Vangeli...
Nelle pagine del Nuovo Testamento le piante sono spesso immagine di crescita interiore, piantare ed irrigare simboleggia l’attività degli apostoli, ma è Dio che fa crescere (1 Cor 3,5ss)
Il Regno di Dio è simile “a un granellino di senapa, che un uomo ha preso e gettato nell’orto; poi è cresciuto e diventato robusto, e gli uccelli del cielo si sono posati tra i suoi rami” (Lc 13,18-20)
Il seme buono sono i figli del Regno, la zizzania sono i figli del maligno. (Mt 7,17-20)
Dai suoi frutti, cioè dalle sue opere, si riconoscerà l’uomo.
“Un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni” (Mt 7,17-20)
Così nei Vangeli gli alberi fruttuosi o sterili sono un riferimento allegorico agli uomini buoni o malvagi. “Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco” (Mt 3,10)


... E nell’Apocalisse l’albero appare, in modo simbolico, come premio di vittoria dei beati: “in mezzo alla piazza di una città e da una parte e dall’altra del fiume si trova un albero di vita che dà dodici raccolti e produce frutti ogni mese; le foglie dell’albero servono a guarire le nazioni” (Ap 22,1)

Adamo ed Eva nel giardino di Dio
“Il Signore fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male”
(Gn 2,9)
“Dio creò l’uomo a sua immagine, maschio e femmina li creò” (Gn 1,27)
“Il Signore piantò un giardino e vi collocò l’uomo che aveva plasmato”
(Gn 2,8)

 

___________________________________________________________________

 

 

torna alla home page
    

 

A.Vo.S.S. (ONLUS) Casella Postale n.5 - 20900 Monza (MB)  e-mail: info@avoss.it   segreteria@avoss.it